- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

“Custodivo la cocaina per 50 euro”

Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]

G.P.L.M., arrestato in flagranza di reato nel blitz Babele [3]

G.P.L.M., arrestato in flagranza di reato nel blitz Babele

Operazione Babele - Gli arrestati - Clicca per ingrandire [4]

Operazione Babele – Gli arrestati – Clicca per ingrandire

La conferenza stampa dell'operazione Babele [5]

La conferenza stampa dell’operazione Babele

Operazione Babele - La droga sequestrata - Clicca per ingrandire [6]

Operazione Babele – La droga sequestrata – Clicca per ingrandire

Operazione Babele - La droga sequestrata - Clicca per ingrandire [7]

Operazione Babele – La droga sequestrata – Clicca per ingrandire

Viterbo – Fermato con quasi due etti di cocaina. Ma non era sua.

Ha detto questo il 25enne arrestato in flagranza nel blitz Babele davanti al giudice Francesco Rigato.

Ieri mattina G.P.L.M. è comparso in tribunale per l’udienza di convalida. Carabinieri e finanza lo hanno svegliato all’alba di lunedì mattina per perquisire il suo appartamento: non cercavano lui, ma un coinquilino. In casa, hanno trovato 180 grammi di polvere bianca e per il 25enne dominicano, incensurato, sono scattate le manette. 

Due notti a Mammagialla. Poi il confronto col gip: ha ammesso di aver accettato di conservare la droga a pagamento. Avrebbe dovuto tenerla per tre giorni e riconsegnarla lunedì. Ma la maxiretata antidroga dell’Arma e delle fiamme gialle non gliene ha dato il tempo.

Il 25enne, assistito dall’avvocato Antonella Fiore Melacrinis, ha anche sottolineato che gli investigatori hanno trovato la droga sigillata e incellofanata, esattamente come gli era stata portata. 

Il gip ha convalidato l’arresto e disposto i domiciliari. Da stamattina inizierà la raffica di interrogatori di garanzia di tutti gli altri arrestati del blitz Babele: 31 persone, di cui 25 in carcere e 7 ai domiciliari. Le ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip Franca Marinelli erano 32, ma all’appello mancano due persone: un dominicano e un maghrebino rintracciati in Svizzera e in Tunisia.

Secondo le indagini coordinate dal pm Paola Conti, gli arrestati avrebbero dato vita a un fiorente traffico di droga nel centro storico, spartito in zone di influenza: da un lato i dominicani, spacciatori di cocaina e attivi nella zona tra San Faustino e via Cairoli; dall’altra, i tunisini con marijuana e hashish, al quartiere San Pellegrino. 

Oggi e domani compariranno davanti al gip gli arrestati a Mammagialla. Sabato i sette ai domiciliari. In molti già pensano al Riesame.


Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]
  • Tweet [8]
  • [1]
  • [2]