--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Tutto pronto per il convegno che si terrà domani presso la Sala Coronas della Prefettura alle 16.30

Femminicidio: violenza di genere o genere di violenza?

Condividi la notizia:

Viterbo

Viterbo

Viterbo – Presso la Sala Coronas della Prefettura di Viterbo alle 16.30 di domani si terrà un convegno dal titolo “Femminicidio: violenza di genere o genere di violenza?”, alla presenza delle principali autorità locali, del rettore dell’Università degli Studi della Tuscia, nonché di una rappresentanza significativa delle scuole superiori di Viterbo.

Vari gli interventi in programma: dopo quello introduttivo del Prefetto di Viterbo, Antonella Scolamiero, seguirà la professoressa Isabella Rauti, consigliere del ministro dell’Interno per le politiche di contrasto alla violenza di genere e del femminicidio, il sostituto procuratore della Repubblica presso la Procura della Repubblica di Viterbo, Paola Conti, Elisa Conti, neolaureata all’Università degli Studi della Tuscia di Viterbo.

È prevista, inoltre la partecipazione di Valentina Bruno del Centro antiviolenza Erinna, responsabile della casa rifugio di prima accoglienza presente in provincia e la proiezione di due video realizzati dagli studenti dell’Istituto di istruzione superiore “Francesco Orioli.

Alla fine del convegno le autorità intervenute inaugureranno, presso la Sala Anselmi della Provincia, la mostra “Io scelgo noi” a cura dell’ associazione per la Fondazione “Paola Decini”.

L’esposizione, che rimarrà aperta dal 9 all’11 maggio (orari 11-13 e 15-18) intende, attraverso l’esposizione di opere donate da artisti vari, raccogliere fondi per la costruzione di una struttura di accoglienza e ospitalità temporanea di secondo livello per le donne vittime di violenza e per i loro figli minori.

L’operatività della struttura – unica nel Lazio – non rappresenterà solo una risposta in termini abitativi ma consentirà anche l’attivazione di percorsi di inserimento lavorativo.

All’ iniziativa benefica è possibile aderire anche con contributi minimi che saranno raccolti a cura della predetta Associazione secondo le modalità indicate presso la Sala Anselmi.


Condividi la notizia:
7 maggio, 2014

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR