Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Lo faranno a luglio nell’ambito del Tuscia Film Fest 2014

“Luce Rossa”, Franco Grattarola e Andrea Napoli presentano il nuovo libro

Condividi la notizia:

Viterbo

Viterbo

Viterbo – La nascita e le prime fasi del cinema pornografico in Italia sono il tema di Luce rossa (496 pagine, Iacobelli Editore, euro 29), il nuovo libro di Franco Grattarola scritto con Andrea Napoli e appena arrivato in libreria.

L’opera analizza, con un taglio storico-informativo, la nascita, il travolgente successo e le prime gravi difficoltà del cinema a luce rossa in Italia, eventi che si concentrano in un arco cronologico compreso tra la seconda metà degli anni Settanta e la prima metà degli Ottanta, ma che affondano le loro radici in epoca anteriore e approdano, senza apparente soluzione di continuità, alle nuove modalità del consumo pornografico rese possibili dall’evoluzione tecnologica (dalle videocassette a Internet).

La prima parte del volume ricostruisce il contesto storico-cronachistico relativo all’avvento del cinema hard nel nostro Paese, con alcuni approfondimenti specifici dedicati anche alla storia della rappresentazione del sesso in televisione e negli spettacoli dal vivo.

La seconda parte si concentra invece sulla produzione cinematografica italiana a luci rosse dei primordi, quella relativa alla fase pionieristica 1979-1984.

Luce rossa sarà presentato il 29 maggio, ore 21, alla sala Trevi di Roma in un incontro moderato da Marco Giusti e a luglio a Viterbo (piazza della Morte, sede del dopofestival), nell’ambito del Tuscia Film Fest 2014.


Franco Grattarola (Bari 1963), studioso di storia del cinema, della televisione e del costume, ha pubblicato Pasolini una vita violentata (Coniglio, 2005), La Tuscia nel cinema (Melting Pot Edizioni, 2008) e Continuarono a chiamarlo Bud Spencer(Struwwelpeter, 2008 in collaborazione con Matteo Norcini. Ha inoltre collaborato alla nuova edizione del Dizionario del cinema italiano. I film vol.IV*-IV** di Roberto Poppi e Mario Pecorari (Gremese, 2009 e 2013) e scritto saggi per i volumi collettanei Il portaborse vent’anni dopo (a cura di Italo Moscati, Rubettino, 2011), Mario Camerini: la nscita della modernità (a cura di Arnaldo Colasanti e Ernesto Nicosia, Gli archivi del ‘900, 2011), Il cinema di Claudio Gora (a cura di Emiliano Morreale, Rubettino, 2013).

Andrea Napoli storico della filosofia moderna, studioso di storia del cinema e dei suoi settori più marginali. Nella prima disciplina si è dedicato soprattutto allo studio dell’opera di Thomas Hobbes. In ambito cinematografico si è occupato in particolare di storia della critica italiana e di cinema in genere. Insieme a Giovanni Grazzini ha pubblicato una raccolta di scritti cinematografici di Arturo Lanocita (Cinema ’50. Pagine scelte di un critico militante, Gremese, 1991). Nel nuovo millennio ha collaborato a riviste quali Nocturno, Cine 70 e dintorni, Blue. u Nocturno ha ideato e tenuto per alcuni anni la rubrica “Italia X”, dedicata alle prime stagioni del cinema pornografico italiano.

 


Condividi la notizia:
12 maggio, 2014

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR