--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il presidente Ferindo Palombella incontra i parlamentari Terrosi e Mazzoli

“Necessaria un riforma delle Camere di commercio”

Condividi la notizia:

Il presidente della Camera di Commercio Ferindo Palombella

Il presidente della Camera di Commercio Ferindo Palombella

Alessandra Terrosi e Alessandro Mazzoli

Alessandra Terrosi e Alessandro Mazzoli

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Il nuovo governo ha impresso una forte accelerazione sulla strada delle riforme di cui il Paese ha estremo bisogno. Riforme che anche le Camere di commercio hanno richiesto da tempo e che dunque sostengono continuando a operare per lo sviluppo delle imprese, dei territori e del Paese.

Le Camere di commercio, grazie al Registro delle Imprese, sono uno strumento indispensabile per assicurare la trasparenza del mercato e la conoscenza immediata di tutte le attività economiche sul territorio. Sono un presidio di legalità irrinunciabile a supporto delle forze dell’ordine e della magistratura. Sono le uniche istituzioni, svincolate dalla politica, interamente dedicate a promuovere e sostenere le imprese nell’interesse delle economie locali e dei territori. Ma per fare ciò alle imprese servono Camere di commercio più forti, più efficienti, meglio organizzate.

Una proposta organica di riforma del sistema delle Camere di commercio è già all’attenzione del governo. Per evitare inutili dispersioni di energia e improduttive sovrapposizioni di ruoli, prevede:

che le competenze del sistema camerale si indirizzino su alcune funzioni fondamentali (regolazione del mercato e semplificazione amministrativa; informazione economica; supporto pmi per l’accesso al credito; servizi per promuovere l’internazionalizzazione; promozione e assistenza delle nuove imprese; servizi per l’alternanza scuola-lavoro e l’orientamento);

• una razionalizzazione del numero delle Camere di commercio attraverso una ridefinizione delle circoscrizioni in base alle caratteristiche geo-economiche dei territori;

• una redistribuzione delle competenze delle Camere di commercio tra i diversi livelli di governo territoriale;

• una sensibile riduzione del numero delle aziende speciali e una razionalizzazione delle partecipazioni societarie delle Camere di commercio;

• l’introduzione di costi standard per la qualità dei servizi da erogare alle imprese dei diversi territori e dei relativi costi;

• la definizione del diritto annuale sulla base dei costi standard e alle priorità strategiche fissati con governo e associazioni, nel rispetto del principio di autofinanziamento dell’ente camerale;

• una governance rinnovata con una forte riduzione dei componenti delle giunte e dei consigli camerali.

Le Camere di commercio vogliono “fare di più e meglio, con minori costi”. Per questo il nostro processo di ottimizzazione delle risorse intende produrre una spending review mirata ma tangibile. Che le renda più solide e pronte anche a gestire – se si rendesse necessario – nuove funzioni delegate di interesse per le imprese, derivanti dalla riforma Delrio sulle province e città metropolitane.

“Una vera modernizzazione dell’Italia – dichiara Ferindo Palombella, presidente della Camera di commercio di Viterbo – non può che ripartire dal rafforzamento dei territori e delle loro eccellenze, perché è su di loro che il Paese si è retto in questi anni di crisi. Senza il supporto diffuso delle Camere di commercio, questa tenuta non ci sarebbe stata e il sistema delle imprese avrebbe pagato un prezzo ancora più alto alla crisi. Ecco perché l’Italia di domani non può prescindere da una riforma delle Camere di commercio, le istituzioni dei territori, che sappia rilanciarle più forti e più efficienti nel futuro”.

Per illustrare il progetto di riforma delle Camere di commercio è stato organizzato un incontro a cui sono stati invitati i deputati eletti nella provincia di Viterbo, che ha visto la partecipazione di Alessandro Mazzoli e Alessandra Terrosi.

Mazzoli al termine della riunione ha dichiarato: “Ringrazio il presidente della Camera di commercio di Viterbo, Ferindo Palombella, e il segretario generale, Francesco Monzillo, per l’invito che mi hanno rivolto. L’idea di rafforzare il confronto anche nella fase attuale, quella in cui si apre la discussione parlamentare sulla riforma del sistema camerale, è positiva. Ho apprezzato lo spirito dei documenti presentati che accettano la sfida del cambiamento e della semplificazione. Sfida che non significa intaccare i servizi essenziali garantiti sinora alle imprese. Bene, quindi, che tutti si sentano coinvolti nel bisogno di cambiamento. In quest’ottica, sono a disposizione per seguire la vicenda nelle sedi parlamentari, mantenendo un rapporto diretto con la Camera di commercio e il territorio”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il commento della Terrosi: “L’incontro ha costituito un proficuo scambio di opinioni su una materia, il riordino e l’ammodernamento della P.A e anche delle Camere di commercio, importante per il nostro territorio. Abbiamo sicuramente la necessità di rendere più efficienti e meno costose le varie branche delle P.A. Questo significa accorpare, organizzare e prendere spunto da esperienze già consolidate per ridurre gli sprechi ma non necessariamente smantellare. Giudico l’approccio di Unioncamere propositivo e di condivisione degli obiettivi fondamentali; le proposte concrete che vengono avanzate costituiscono a mio avviso un contributo fattivo e una base dalla quale partire per costruire un percorso condiviso: un primo incontro su questo argomento, punto di partenza per una interlocuzione che spero fruttuosa”.

“Ringrazio i parlamentari – ha detto Palombella – per la loro disponibilità all’ascolto e a seguire le evoluzioni del percorso di riforma delle Camere di commercio. Sarà nostra cura tenerli aggiornati e coinvolgerli sugli sviluppi futuri”.

Camera di commercio di Viterbo


Condividi la notizia:
20 maggio, 2014

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR