Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

Tutankhamon-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Acquapendente - La deputata aquesiana è intervenuta al convegno in onore dei festeggiamenti del XX anniversario della via Francigena

Terrosi: “Via Francigena, la ripresa dell’Italia parte dai territori”

Alessandra Terrosi al convegno sulla via Francigena

Alessandra Terrosi al convegno sulla via Francigena

Il convegno sulla via Francigena

Il convegno sulla via Francigena

Acquapendente – “Per l’associazione europea delle vie Francigene, oggi è un momento importante per fare il punto di tutto il lavoro che è stato fatto fino ad ora attorno alla Francigena”, con queste parole la deputata aquesiana Alessandra Terrosi della XIII commissione Agricoltura introduce il suo intervento al convegno che si è tenuto sabato 31 maggio presso il Teatro Boni di Acquapendente, in onore dei festeggiamenti del XX anniversario della Via Francigena – Itinerario Culturale Europeo, presieduto da Massimo Tedeschi, Presidente Associazione Europea Vie Francigene.

L’iniziativa ha coinvolto le istituzioni locali, italiane ed europee, oltre alle rappresentanze dei territori attraversati dalla Via, per una valutazione comune dell’effettivo livello di sviluppo dell’itinerario alla luce della sua fruibilità e visibilità.

Secondo Alessandra Terrosi, il momento è maturo affinché il lavoro svolto fin qui possa infine essere sistematizzato e messo a disposizione di tutti. “L’Italia, in questo anno di nuova legislatura, si è mossa anche in questa direzione – continua la Terrosi – introducendo risorse specifiche per progetti di rivalutazione turistica dei territori”.

Ricordando il suo ruolo all’interno della XIII Commissione Agricoltura alla Camera dei Deputati, sottolinea il connubio tra la Via Francigena, le tradizioni agricole e il paesaggio rurale nell’anno europeo (2014) che festeggia l’agricoltura familiare, da sempre garante dei concetti di aiuto reciproco, solidarietà e scambio del lavoro caratterizzanti le minuziose realtà rurali che, come la Francigena, accomunano l’Italia e che, lungo la Via Francigena, possono a pieno titolo essere raccontati e sperimentati dai pellegrini.

“Fondamentale sarà lavorare, da parte delle istituzioni insieme ai territori stessi, in senso verticale e cooperativo al fine di raccordare le esperienze politiche significative allo sviluppo della risorsa Francigena”, conclude la Terrosi, auspicando che dalle istituzioni stesse possano arrivare anche indicazioni precise a livello di progettualità e di premialità verso chi sa agire localmente in maniera sinergica e costruttiva, perché “la ripresa dell’Italia parte dai territori”.

31 maggio, 2014

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR

Ciminauto -1036x80-16-10-18-OK