--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Operazione Babele - Maxiretata antidroga - Indagati ancora in carcere, le difese si rivolgono al Garante dei detenuti

“Andremo fino alla Corte europea dei diritti dell’uomo”

Condividi la notizia:

L'avvocato Samuele De Santis

L’avvocato Samuele De Santis

Operazione Babele - Gli arrestati

Operazione Babele – Gli arrestati

Rodolfo Feliz Castillo

Rodolfo Feliz Castillo 

Viterbo – Sulla questione braccialetti elettronici, le difese non stanno a guardare.

A quasi una settimana dalla pronuncia del tribunale del Riesame, che disponeva domiciliari col braccialetto per cinque arrestati sui 31 del blitz antidroga Babele, gli indagati in questione restano in carcere e i loro avvocati Remigio Sicilia e Samuele De Santis scalpitano.

Lunedì mattina hanno presentato un’istanza al gip di Viterbo, per chiedere almeno gli arresti domiciliari senza braccialetto e con le tradizionali modalità di controllo (visite periodiche dei carabinieri a casa). Il pm Paola Conti, titolare dell’indagine sullo spaccio in centro storico che ha portato alla valanga di arresti, ha dato parere negativo. Ma la risposta del gip non è ancora arrivata. 

I legali, nel frattempo, hanno tentato un’altra strada. E’ di ieri pomeriggio l’invio di una segnalazione al Garante dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni. All’autorità preposta alla sicurezza e alla tutela dei diritti dei detenuti, gli avvocati chiedono un “intervento immediato e urgente presso la concessionaria del servizio”: Telecom Spa.

E’ il gestore telefonico a dover provvedere all’installazione dei braccialetti. Si tratta di cavigliere che tramite una videocamera e un dispositivo in grado di inviare segnali gps, monitorano i movimenti dell’arrestato, comunicando con la caserma più vicina. Ma a Viterbo l’adozione di questa modalità di controllo non è ancora rodata.

“Ci hanno detto che forse dovremo aspettare venerdì per l’arrivo dei tecnici – afferma l’avvocato De Santis -. Significa far passare una settimana in più in carcere ai nostri assistiti. Al Garante chiediamo di verificare se la procedura tecnica di attivazione dei braccialetti sia partita e di accertare le ragioni di questo ritardo”.

Tra gli altri, De Santis difende Rodolfo Feliz Castillo. Uno dei volti più noti tra gli arrestati del blitz “Babele”: gioca da anni nella squadra di baseball di Viterbo ed è tra i cinque che il Riesame vuole ai domiciliari col braccialetto. Ma per gli inquirenti, Castillo è soprattutto tra i dominicani “gestori” dello spaccio in centro storico, specie in zona San Faustino-via Cairoli, mentre San Pellegrino sarebbe stato appannaggio dei tunisini. Da qui il nome “Babele”: dalla “Babele” di etnie coinvolte nello smercio di cocaina, eroina, marijuana e hashish nel cuore della città. Dominicani e tunisini, ma anche 16 italiani, di cui 15 viterbesi. 

Sul problema dei braccialetti e della mancata uscita dal carcere, le difese andranno avanti. Dopo il Garante, stanno pensando al ricorso in Cassazione. Ma non finisce qui. “Se non troveremo chi sarà disposto ad ascoltarci – annuncia De Santis -, andremo fino alla Corte europea dei diritti dell’uomo”.


Condividi la notizia:
12 giugno, 2014

Operazione Babele ... Gli articoli

  1. Spaccio di droga in centro, altri tredici rinvii a giudizio
  2. "'Gnocchi' non significava droga, ma attributi sessuali"
  3. Spaccio di droga in centro, impiegata statale assolta dopo tre anni
  4. Spaccio in centro, 12 patteggiamenti e un'assoluzione
  5. Spaccio di droga in centro, Babele bis non decolla
  6. "Qui è pieno di formiche, bisogna rinviare lo scambio"
  7. Inventa un lavoro, nuovi guai per l’ex stella del baseball viterbese
  8. "Nonna coca" slitta ancora l'udienza
  9. Spaccio in centro, trenta indagati
  10. Babele della droga, sarà processo veloce
  11. Babele della droga, difese contro il processo veloce
  12. Processo Babele è subito rinvio
  13. Spaccio in centro storico, l'ultimo uomo nega
  14. Babele, parola all'ultimo latitante
  15. Operazione Babele, arrestato l'ultimo latitante
  16. Evade dai domiciliari, arrestato 'big' della retata Babele
  17. Operazione Babele, arrestato latitante
  18. Droga nel centro storico, in 11 a processo subito
  19. Babele, una decina verso il processo subito
  20. Consumatori di cocaina, ma non spacciatori
  21. Blitz Babele, ordinanza annullata per due fratelli
  22. Maxiretata antidroga, domiciliari entro ventiquattr'ore
  23. I braccialetti elettronici ritardano, gli arrestati rimangono in carcere
  24. "L'impianto accusatorio resta solido"
  25. Babele, in cinque ai domiciliari col braccialetto
  26. Maxiretata antidroga, ore di attesa per gli indagati
  27. Maxiretata antidroga, al Riesame per la libertà
  28. Babele, almeno in cinque tornano a casa
  29. Retata antidroga, interrogatori a tamburo battente
  30. Maxiretata antidroga, il pm chiede i domiciliari per 5 spacciatori
  31. Babele, gli arrestati si difendono
  32. "Custodivo la cocaina per 50 euro"
  33. Maxiretata antidroga, da giovedì gli interrogatori
  34. "Un 'pollo intero' per quattromila euro"
  35. Il mercato della droga spartito tra due bande
  36. Blitz antidroga, 32 arresti e 61 perquisizioni
  37. Blitz antidroga, raffica di arresti e perquisizioni
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR