--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Interviene Paolo Candy, direttore osservatorio astronomico dei Cimini

Definita la costante di gravitazione universale: G

Condividi la notizia:

Definita la costante di gravitazione universale: G

Definita la costante di gravitazione universale: G

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Il professore Tino e colleghi dell’università di Firenze e dell’isittuto nazionale di fisica nucleare (INFN) hanno costruito un interferometro atomico per lo studio della gravità, che offre errori minimi dello 0,015 per cento.

Il primo obiettivo è stato la misura di G. Newton (1642-1727) formula la legge di gravitazione ove appare G come costante di proporzionalità. Solo nel 1798 Cavendish determina con la sua bilancia un valore sperimentale di G=0,0000000000667384. Gli ultimi valori moderni danno un valore più basso G= 0,0000000000667259; ma sono troppi gli errori sistematici legati alla stessa tipologia di sperimentazione ottica-meccanica.

Ecco l’innovazione: atomi di rubidio alla temperatura di milionesimi di grado sopra lo zero assoluto lanciati verso l’alto nel vuoto con un fascio laser, e poi con masse di tungsteno ne viene modificata la gravità in una parte su 10 milioni, permettendo una precisa misura di G= 0,0000000000667191.

Eccezionale. Sono importanti anche le applicazioni tecnologiche come sensore di gravità in geofisica e come sensore inerziale in applicazioni spaziali.

Paolo Candy
Direttore osservatorio astronomico dei Cimini


Condividi la notizia:
29 giugno, 2014

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR