--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Maxiretata antidroga - Il Riesame aveva disposto i domiciliari - Appello dei legali: "Fate uscire i nostri assistiti"

I braccialetti elettronici ritardano, gli arrestati rimangono in carcere

Condividi la notizia:

Operazione Babele - Gli arrestati

Operazione Babele – Gli arrestati

Remigio Sicilia

Remigio Sicilia

Operazione Babele - La droga sequestrata - Clicca per ingrandire

Operazione Babele – La droga sequestrata – Clicca per ingrandire

Operazione Babele - La droga sequestrata - Clicca per ingrandire

Operazione Babele – La droga sequestrata – Clicca per ingrandire

La conferenza stampa dell'operazione Babele

La conferenza stampa dell’operazione Babele

Viterbo – (s.m.) – Si fa presto a dire braccialetto elettronico. I cinque arrestati nel blitz Babele che il Riesame voleva ai domiciliari non sono ancora usciti dal carcere. E potrebbero non uscire prima di sabato.

L’installazione del dispositivo, adottato solo una volta a Viterbo, si è rivelata più complessa del previsto. A farne le spese sono i detenuti che dovevano uscire: i due dominicani Antonio Morales e Rodolfo Feliz Castillo, giocatore nella squadra di baseball di Viterbo; i due tunisini Bilel Chaalia e Mohamed Mezni e il viterbese Angelo Germani. Tutti arrestati per lo spaccio multietnico in centro storico, stroncato dall’operazione Babele.

Il Riesame ha ordinato per loro domiciliari con braccialetto per controllarne gli spostamenti. Braccialetto che, in realtà, è una cavigliera collegata con la caserma più vicina che invia segnali gps alla prima uscita non autorizzata.

Il verdetto dei giudici romani è già vecchio di due giorni. Due giorni in più passati in carcere. L’uscita da Mammagialla è lontana e la difesa è sul piede di guerra.

“I parenti li aspettavano per venerdì sera. Hanno atteso invano tutta la notte – racconta l’avvocato Remigio Sicilia, che parla anche a nome dei colleghi Samuele De Santis e Marco Valerio Mazzatosta -. La procedura, a quanto pare, è complessa. Bisogna vedere se i braccialetti ci sono. Bisogna farli funzionare. Il che significa chiamare la Telecom, far venire un tecnico e aspettare altro tempo per l’attivazione”. Ergo: una settimana di attesa o giù di lì, stando alle previsioni.

“Per l’arrivo del tecnico si è parlato di mercoledì-giovedì – spiega l’avvocato -. Poi, tempi tecnici per attivare il braccialetto: venerdì-sabato”. Per i legali è decisamente troppo.

“Lunedì faremo un’istanza al gip Franca Marinelli per rappresentarle il problema – annunciano Sicilia e colleghi -. C’è in ballo la libertà personale dei nostri assistiti, sancita da un tribunale che ha riformato l’ordinanza d’arresto sostituendo il carcere con i domiciliari. Non possono restare in cella per lungaggini. Devono uscire”.

Sul braccialetto elettronico, novità quasi assoluta per Viterbo, i giudici romani sono stati molto precisi. Il Riesame dispone che l’ordinanza “sia eseguita nel rispetto dei tempi tecnici necessari alla verifica dell’installazione e che la traduzione presso il luogo degli arresti domiciliari sia eseguita entro detto termine”. E aggiunge che “sia mantenuta la misura della custodia cautelare in carcere nel caso in cui gli indagati non prestino il consenso all’applicazione del mezzo ovvero nel caso in cui l’applicazione del dispositivo sia impossibile per problemi di natura tecnica”.

Il Riesame, insomma, contempla sia i problemi che i tempi tecnici. Ma per le difese il problema è un altro: “Bisognava muoversi subito e non è stato fatto – dichiarano Sicilia e i suoi colleghi -. I detenuti dovevano uscire venerdì sera e venerdì sera nessuno si è attivato. Per l’intera notte tra venerdì e sabato, l’ordinanza del Riesame è rimasta lettera morta e i nostri assistiti hanno passato una notte in carcere in più. Siamo stati subissati di telefonate dei parenti alle 3 del mattino, che chiedevano spiegazioni perché aspettavano di riabbracciare i loro cari. La verità è che se sabato mattina non ci fossimo interessati noi legali, la procedura, già lenta e complessa, e col weekend di mezzo, avrebbe subito rallentamenti ulteriori. Il problema tecnico ci può stare. E’ il rifiuto o il ritardo nell’affrontarlo che non tolleriamo”.


Condividi la notizia:
8 giugno, 2014

Operazione Babele ... Gli articoli

  1. Spaccio di droga in centro, altri tredici rinvii a giudizio
  2. "'Gnocchi' non significava droga, ma attributi sessuali"
  3. Spaccio di droga in centro, impiegata statale assolta dopo tre anni
  4. Spaccio in centro, 12 patteggiamenti e un'assoluzione
  5. Spaccio di droga in centro, Babele bis non decolla
  6. "Qui è pieno di formiche, bisogna rinviare lo scambio"
  7. Inventa un lavoro, nuovi guai per l’ex stella del baseball viterbese
  8. "Nonna coca" slitta ancora l'udienza
  9. Spaccio in centro, trenta indagati
  10. Babele della droga, sarà processo veloce
  11. Babele della droga, difese contro il processo veloce
  12. Processo Babele è subito rinvio
  13. Spaccio in centro storico, l'ultimo uomo nega
  14. Babele, parola all'ultimo latitante
  15. Operazione Babele, arrestato l'ultimo latitante
  16. Evade dai domiciliari, arrestato 'big' della retata Babele
  17. Operazione Babele, arrestato latitante
  18. Droga nel centro storico, in 11 a processo subito
  19. Babele, una decina verso il processo subito
  20. Consumatori di cocaina, ma non spacciatori
  21. Blitz Babele, ordinanza annullata per due fratelli
  22. Maxiretata antidroga, domiciliari entro ventiquattr'ore
  23. "Andremo fino alla Corte europea dei diritti dell'uomo"
  24. "L'impianto accusatorio resta solido"
  25. Babele, in cinque ai domiciliari col braccialetto
  26. Maxiretata antidroga, ore di attesa per gli indagati
  27. Maxiretata antidroga, al Riesame per la libertà
  28. Babele, almeno in cinque tornano a casa
  29. Retata antidroga, interrogatori a tamburo battente
  30. Maxiretata antidroga, il pm chiede i domiciliari per 5 spacciatori
  31. Babele, gli arrestati si difendono
  32. "Custodivo la cocaina per 50 euro"
  33. Maxiretata antidroga, da giovedì gli interrogatori
  34. "Un 'pollo intero' per quattromila euro"
  35. Il mercato della droga spartito tra due bande
  36. Blitz antidroga, 32 arresti e 61 perquisizioni
  37. Blitz antidroga, raffica di arresti e perquisizioni
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR