--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Sutri - Sabato 7 giugno ore 21 nella chiesa di San Francesco

Marco Vincenzi al Beethoven festival

Marco Vincenzi

Marco Vincenzi

Sutri – Protagonista il pianoforte e le sonate di Beethoven per il terzo appuntamento del Beethoven Festival Sutri che segneranno il ritorno del pianista genovese Marco Vincenzi.

Le tre opere miliari in programma – la Sonata in Re maggiore op.10 n.3, la Sonata op.27 n.2 “Al chiaro di luna” e la Sonata in Do maggiore op.53 “Waldstein” – illustreranno la trascinante aspirazione di Beethoven a rivelarsi attraverso i suoni del pianoforte, con la sua intensa forza e veemenza di ispirazione.

Il percorso sulla sperimentazione delle sonorità e del virtuosismo al pianoforte accompagnò Beethoven per tutta la sua vita. Ognuna delle sonate eseguite in questo concerto affronterà un aspetto diverso di questa incessante ricerca.

L’op.10 n.3, che aprirà il concerto, è parte di un corpus di tre sonate (pubblicate nel 1798) dedicate alla Contessa Browne, moglie del conte Browne, un amico di Beethoven al quale il Maestro, come scrisse egli stesso nella lettera dedicatoria dei Trii op. 9, doveva riconoscenza per la sua “munificence aussi délicate que libérale”.

Seguirà la celeberrima Sonata op. 27 n. 2 Chiaro di luna, data alle stampe nel 1802, che manifesta una forte ricerca di novità che si fa addirittura esplicita nel titolo che accomuna le due sonate dell’op. 27: “Sonata quasi una fantasia”.

La seconda parte del programma sarà interamente dedicata alla monumentale Sonata op.53, opera del cosiddetto “periodo di mezzo” di Beethoven dedicata dal suo autore al Conte Ferdinand von Waldstein; per questo motivo essa è nota col sottotitolo di Waldstein oltre che con quello apocrifo di Aurora.

La Sonata, composta nel 1803-04, è ricca di quei forti contrasti dinamici, di quei repentini passaggi dal piano al forte, di carattere orchestrale, tipici del pianismo di Beethoven. Prix de Virtuosité di pianoforte al Conservatoire Superieur di Ginevra (classe di Maria Tipo), Marco Vincenzi svolge attività nei principali centri italiani, in Austria, Francia, Germania, Gran Bretagna, Olanda, Romania, Svizzera e Stati Uniti, tenendo recitals e concerti con orchestra in alcune fra le più prestigiose sale europee.

Ha inciso otto cd per la Dynamic, tutti recensiti molto favorevolmente da prestigiose riviste europee e americane. È titolare di pianoforte principale presso il Conservatorio di Genova.

4 giugno, 2014

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR