Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Lettere - Vignanello - Vincenzo Pacelli ricostruisce la storia della struttura settecentesca che fa da ingresso al paese

Quell’arco che (non) era del Vignola…

Condividi la notizia:

L'arco settecentesco di Vignanello

L’arco settecentesco di Vignanello

L'arco settecentesco di Vignanello

L’arco settecentesco di Vignanello

Vignanello – Riceviamo e pubblichiamo – Il centro storico settecentesco di Vignanello ha per ingresso ad occidente una splendida porta realizzata nel 1692. Per gli abitanti del luogo è da sempre l’arco del Molesino, dal nome del colle su cui sorge, ma da circa un secolo porta anche il nome di un famoso architetto, vissuto, caso strano, oltre un secolo prima della sua realizzazione: Jacopo Barozzi da Vignola (1507-1573).

Non si conosce la fonte di questa singolare attribuzione, ma sta di fatto che in più testi la porta in questione è identificata proprio come: Porta del Vignola.

Naturalmente nessuno si è mai preso la briga di smentire questa attribuzione, comunque altisonante. Si era anche ipotizzato che l’arco potesse essere stato realizzato su disegni del Vignola, magari da un suo allievo, da cui il nome, ma nessun documento aveva mai comprovato questa pur plausibile possibilità.

Oggi finalmente possiamo finalmente dire che… carta canta!

Grazie al certosino lavoro di ricerca di Maurizio Grattarola, ingegnere romano di origini vignanellesi che da diverso tempo va esaminando i numerosissimi faldoni del Fondo Ruspoli conservati nell’Archivio Segreto Vaticano relativi alla storia, arte e architettura di Vignanello, abbiamo un nome, e non è un nome da poco.

Si tratta dell’architetto romano Mattia De Rossi (1637-1695), allievo di Gian Lorenzo Bernini, che ha realizzato, fra le altre cose a Roma, Porta Portese e le mura gianicolensi per Urbano VIII ed ha lavorato, insieme al Borromini, alla ristrutturazione dell’abbazia di San Martino al Cimino.

Dopo la morte del suo maestro fu nominato architetto sovrintendente alla fabbrica di san Pietro e principe dell’Accademia di San Luca, proprio negli anni della costruzione della porta.

E’ suo il disegno dell’arco di Vignanello, che d’ora in poi, a voler esser precisi dovrebbe essere rinominato: Porta del De Rossi. A comprovarlo abbiamo una folta corrispondenza con cui il ministro del feudatario, oggi diremmo l’amministratore, Giovanni Grasselli, teneva aggiornato il conte Alessandro Marescotti Capizucchi, a cui il fratello cardinale Galeazzo aveva delegato la gestione del feudo, durante il corso dei lavori voluti dallo stesso Alessandro.

Caso vuole che la notizia arrivi proprio in concomitanza della prima apertura assoluta alle visite della loggia dell’arco, che avverrà nella notte di sabato 21 giugno prossimo, mentre nel borgo sottostante sarà in corso la preparazione della tradizionale infiorata per la festività del Corpus Domini.

L’apertura è stata voluta ed organizzata dall’associazione I Connutti, che ha curato il ripristino dei gradini della scala a chiocciola presente all’interno dell’arco stesso, grazie al contributo economico della classe festeggiamenti patronali 1970. Le visite proseguiranno anche nel corso della giornata di domenica 22 giugno, con la collaborazione dei gruppi partecipanti all’infiorata.

Quindi, che altro dire? Tutti invitati ad ammirare la visuale che si può godere dalla loggia della riscoperta Porta del De Rossi.

Vincenzo Pacelli


Condividi la notizia:
17 giugno, 2014

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR