--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Graffignano - Denunciati due 40enni della provincia di Ragusa per truffa ai danni del proprietario di un cantiere nautico locale

Sequestrata barca da 100mila euro

Condividi la notizia:

La barca sequestrata

La barca sequestrata

La barca sequestrata

La barca sequestrata

La barca sequestrata

La barca sequestrata

La barca sequestrata

La barca sequestrata

La barca sequestrata

La barca sequestrata

Graffignano – (s.m.) – Hanno provato a comprare una barca del valore di oltre centomila euro con assegni protestati. Ma gli è andata male. Per due quarantenni di Vittoria, in provincia di Ragusa, è scattata la denuncia a piede libero per truffa.

A sporgerla è stato il titolare di un cantiere nautico di Graffignano. I due siciliani si erano presentati al cantiere tempo fa per comprare un gommone. Uno, in particolare, si era spacciato per un ricco agricoltore, proprietario di un’azienda solida e con volumi d’affari imponenti. Proprio lui, alla fine, ha comprato il lussuoso gommone.

Ma sul suo conto, la finanza di Vittoria ha scoperto un’altra verità: non solo il sedicente ‘ricco agricoltore’ aveva redditi bassi, ma pretendeva di pagare il gommone con assegni protestati, in comode rate da 5mila euro per dieci mesi.

Solo il primo acconto di 50mila euro era andato a buon fine. Dopodiché, l’imprenditore di Graffignano non era riuscito a incassare nient’altro. Così si è attivato in prima persona.

Ha ritrovato il gommone al porto di Scoglitti, marina di Vittoria, ma l’agricoltore lo ha liquidato dicendo di averlo rivenduto a un’altra persona, che si è scoperto essere l’amico che lo aveva accompagnato al cantiere il giorno dell’acquisto. 

La denuncia dell’imprenditore di Graffignano ha attivato le indagini, coordinate dalla procura della Repubblica di Viterbo e delegate alla finanza di Vittoria, al comando del tenente Domenico Ruocco.

Il gip Francesco Rigato ha disposto il sequestro preventivo della barca, su richiesta del pm Renzo Petroselli.

Il provvedimento è stato eseguito giorni fa. Il valore commerciale del natante in questione può arrivare fino a 120mila euro. Non si tratta di un gommone qualunque, ma di un bolide con due motori da 350 cavalli, in grado di sfrecciare in acqua a velocità elevata. Uno dei modelli più costosi, tra i gommoni in commercio. 


Condividi la notizia:
1 giugno, 2014

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR