--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Vetralla - Imprenditore straniero a processo per calunnia - Ieri il rinvio a giudizio

Accusa carabiniere di razzismo, ma non è vero

Angelo Ciardiello, comandante dei carabinieri di Vetralla

Angelo Ciardiello, ex comandante dei carabinieri di Vetralla

Vetralla – Accusa di razzismo un carabiniere di Vetralla e finisce a processo per calunnia.

Un imprenditore romeno, residente in provincia da anni, è stato rinviato a giudizio ieri mattina, dal gup Salvatore Fanti.

Nel 2009 aveva denunciato l’allora comandante dei carabinieri di Vetralla, Angelo Jesus Ciardiello per ingiurie e minacce, dopo una perquisizione nella sua azienda da parte dei Nas e dei militari della stazione locale. 

L’imprenditore lamentava di essere stato vittima di un atto arbitrario, oltre che apostrofato con frasi offensive e discriminatorie da parte dell’ex comandante.

Il pm Fabrizio Tucci chiese subito l’archiviazione. L’imprenditore si oppose. Ma per il gip, le accuse a Ciardiello erano infondate. Il procedimento fu quindi archiviato, con apertura di un nuovo fascicolo, stavolta sull’imprenditore romeno, per il reato di calunnia.

“La controdenuncia era un atto dovuto – afferma l’avvocato di Ciardiello, Paolo Pirani -. La cosa che più infastidì il mio cliente è che, a suo tempo, la notizia uscì su tutti i giornali. Un’accusa tanto più ingiusta per un servitore delle forze dell’ordine, che ha sempre lavorato in modo corretto e rispettoso”.

Il processo per l’imprenditore inizierà a dicembre.

17 luglio, 2014

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564