Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Maxiretata Babele - Finanza e carabinieri - Giudizio immediato per un nutrito gruppo di indagati

Droga nel centro storico, in 11 a processo subito

Condividi la notizia:

Operazione Babele - La droga sequestrata - Clicca per ingrandire

Operazione Babele – La droga sequestrata – Clicca per ingrandire

Operazione Babele - La droga sequestrata - Clicca per ingrandire

Operazione Babele – La droga sequestrata – Clicca per ingrandire

Domenico Costagliola, comandante del nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza

Domenico Costagliola, comandante del nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza

Il capo del Nucleo investigativo Giovanni Martufi

Il capo del Nucleo investigativo Giovanni Martufi

Viterbo – In undici a processo subito. Sul giro di droga tra San Pellegrino e San Faustino, la procura di Viterbo vuole accorciare i tempi.

Il pm Paola Conti, titolare dell’indagine, ha ottenuto il giudizio immediato per undici arrestati nel blitz Babele. Voci insistenti su una simile soluzione processuale avevano iniziato a diffondersi il mese scorso. La richiesta del magistrato è del 27 giugno. 

L’operazione antidroga multietnica fece finire dietro le sbarre e ai domiciliari 31 persone tra italiani, dominicani e tunisini.

A processo a novembre, senza udienza preliminare, andranno i viterbesi Angelo Germani, Francesco Capotondi e Caterina Pierini, la 60enne già a giudizio per il trolley ripieno di cocaina trovatole in casa. I tunisini sono Mohammed Mezni e Bilel Chaalia. Il resto del gruppo è composto dall’unico albanese Musaku Thair e dai dominicani Antonio Ivan Duran Morales, Jose Hector Delgadillo Vargas, Luciano Hernandez Santo, Josefina Angela Abreu Hernandez e Rodolfo Feliz Castillo, giocatore nella squadra di baseball viterbese.

Proprio i dominicani, secondo l’impianto accusatorio, sarebbero stati i più attivi nel traffico di stupefacenti ramificato in centro storico. Uno spaccio a bande, dove ci si aiutava a vicenda, anche se i tunisini erano stanziati a San Pellegrino mentre San Faustino e il Sacrario erano zona di influenza dominicana.

L’operazione, scattata all’alba del 19 maggio, fu eseguita dai finanzieri del nucleo di polizia tributaria di Domenico Costagliola e dai carabinieri del nucleo investigativo coordinato da Giovanni Martufi. Dalle indagini, iniziate nel gennaio 2013, emerse che cocaina, eroina e hashish scorrevano a fiumi tra i vicoli del centro storico. Tre i chili di stupefacente sequestrati dall’apertura del fascicolo. 

Gli spacciatori avrebbero utilizzato metodi diversi per trasportare gli stupefacenti. I dominicani usavano gli “ovulatori”, corrieri della droga che arrivavano in Italia dalla Spagna,  incaricati di ingoiare gli ovuli e trattenerli nello stomaco. I tunisini, invece, erano soliti rifornirsi nella capitale. L’unico tratto in comune sarebbe stato il metodo di conservazione: la droga veniva spesso affidata a terzi dietro compenso. Spesso persone incensurate al di sopra di ogni sospetto.

In molti sono già da tempo sulla via del patteggiamento. Quanto agli 11 dell’immediato, le difese hanno venti giorni di tempo per decidere se andare a processo col rito ordinario o tentare altre forme di giudizio agevolato, come l’abbreviato o il patteggiamento. Conviene, in particolare, agli indagati che rischiano di più: i riti alternativi consentono di ottenere lo sconto di un terzo della pena, in caso di condanna. La scelta di un rito diverso dall’immediato comporterebbe lo stralcio della posizione dell’indagato, che seguirebbe un percorso a parte, rispetto a chi accetterà di andare a processo.

Degli undici, solo Luciano Santo Hernandez e Jose Hector Delgadillo Vargas sono ancora in carcere. Quasi tutti gli altri risultano ai domiciliari.


Condividi la notizia:
26 luglio, 2014

Operazione Babele ... Gli articoli

  1. Spaccio di droga in centro, altri tredici rinvii a giudizio
  2. "'Gnocchi' non significava droga, ma attributi sessuali"
  3. Spaccio di droga in centro, impiegata statale assolta dopo tre anni
  4. Spaccio in centro, 12 patteggiamenti e un'assoluzione
  5. Spaccio di droga in centro, Babele bis non decolla
  6. "Qui è pieno di formiche, bisogna rinviare lo scambio"
  7. Inventa un lavoro, nuovi guai per l’ex stella del baseball viterbese
  8. "Nonna coca" slitta ancora l'udienza
  9. Spaccio in centro, trenta indagati
  10. Babele della droga, sarà processo veloce
  11. Babele della droga, difese contro il processo veloce
  12. Processo Babele è subito rinvio
  13. Spaccio in centro storico, l'ultimo uomo nega
  14. Babele, parola all'ultimo latitante
  15. Operazione Babele, arrestato l'ultimo latitante
  16. Evade dai domiciliari, arrestato 'big' della retata Babele
  17. Operazione Babele, arrestato latitante
  18. Babele, una decina verso il processo subito
  19. Consumatori di cocaina, ma non spacciatori
  20. Blitz Babele, ordinanza annullata per due fratelli
  21. Maxiretata antidroga, domiciliari entro ventiquattr'ore
  22. "Andremo fino alla Corte europea dei diritti dell'uomo"
  23. I braccialetti elettronici ritardano, gli arrestati rimangono in carcere
  24. "L'impianto accusatorio resta solido"
  25. Babele, in cinque ai domiciliari col braccialetto
  26. Maxiretata antidroga, ore di attesa per gli indagati
  27. Maxiretata antidroga, al Riesame per la libertà
  28. Babele, almeno in cinque tornano a casa
  29. Retata antidroga, interrogatori a tamburo battente
  30. Maxiretata antidroga, il pm chiede i domiciliari per 5 spacciatori
  31. Babele, gli arrestati si difendono
  32. "Custodivo la cocaina per 50 euro"
  33. Maxiretata antidroga, da giovedì gli interrogatori
  34. "Un 'pollo intero' per quattromila euro"
  35. Il mercato della droga spartito tra due bande
  36. Blitz antidroga, 32 arresti e 61 perquisizioni
  37. Blitz antidroga, raffica di arresti e perquisizioni
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR