Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - Sul bilancio in discussione e l'aumento della pressione fiscale, gli strali di Marini (FI): "Sarà una botta senza precedenti per i cittadini"

“Loro spendono, tanto pagano i viterbesi…”

Condividi la notizia:

Giulio Marini

Giulio Marini

Viterbo – “Loro spendono, tanto a pagare saranno i viterbesi”.

La discussione sul bilancio di previsione 2014 (che ancora non c’è), impazza e dall’opposizione Giulio Marini (Forza Italia) boccia senza appello le misure che l’amministrazione Michelini sta per intraprendere.

Perché: “Da quello che sento, sarà una botta per i cittadini, che non ha precedenti a Viterbo”.

Ci si prepara a mettere mano al portafogli. “La spesa corrente è lievitata – ricorda Marini – non si sono fatti mancare nulla in questi sei mesi, pensavano d’essere nel paese dei balocchi, attingendo in modo indiscriminato alle risorse e ora devono ripianare, anche perché davanti hanno la parte dell’anno più costosa, con santa Rosa, il Settembre, l’estate e tutto il resto.

Li abbiamo osservati giorno dopo giorno, rimanendo a bocca aperta.

Come faranno a far quadrare i conti? Aumentando la fiscalità, come stanno annunciando tra le righe. Siamo preoccupati. Spero per i cittadini che l’esborso sia il meno oneroso possibile. Il problema è la mancata attenzione da gennaio a oggi”. Marini può dire, ve l’avevo detto. “Continuando così distruggeranno la città – ricorda Marini – quando l’andavo dicendo mi sono piovute addosso polemiche, ma ora il momento è arrivato”.

A Marini non sono piaciuti alcuni rimandi alla precedente amministrazione, la sua. “Si tira fuori il buco Esattorie, che buco non è, perché non vedo le poste per ripianarlo.

In realtà la vicenda è tutt’altro che chiusa ed eventualmente c’è la fideiussione a copertura.

Insistono con le partecipate, ma del Cev non si può parlare, perché non c’è. Francigena con me aveva chiuso il bilancio in pareggio, poi la nuova amministrazione non ha voluto ripianare i maggiori costi dovuti al carburante, mandandola in leggera perdita.

La smettessero di prendere me come capro espiatorio, perché mo m’incazzo…”.

Giuseppe Ferlicca


Condividi la notizia:
14 luglio, 2014

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR