Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cultura - La giornata si svolgerà domenica 31 agosto a partire dalle 11

Canino commemora la nomina a principe di Luciano Bonaparte

Condividi la notizia:

Canino

Canino

Canino – Domenica 31 agosto Canino vivrà la giornata commemorativa del Bicentenario della nomina di Luciano Bonaparte a Principe organizzata dall’€™Associazione Culturale Luciano Bonaparte Principe di Canino – Canino 2008 in collaborazione con l’amministrazione comunale.

Alla manifestazione è stata conferita la medaglia del presidente della Repubblica. Confermata la presenza dei discendenti di Luciano Bonaparte e della famiglia Valentini.

Si inizierà  alle 11 presso il teatro comunale in piazza Valentini con la presentazione delle delegazioni partecipanti all’€™evento. Alle 12.30 verrà  celebrata la messa in suffragio presso la Collegiata del paese in Piazza de Andreis. Dopo il pranzo a base di prodotti tipici offerto alle delegazioni, si proseguirà  alle 16.30 con una visita guidata recitata aperta a tutti, sui luoghi d’importanza della storia di Luciano Bonaparte a Canino.

La partenza è prevista in piazza Vittorio Emanuele. Alle 18.00 inizierà un’€™altra visita presso la Biblioteca Comunale dove sarà possibile visitare la mostra allestita “€œCanino -€“ Museo a cielo aperto di Luciano Bonaparte”€.

Si concluderà alle 21 con lo spettacolo teatrale della Compagnia Gens Caninia intitolato “€œI Bonaparte – Principi in Maremma”€ in piazza Costantino de Andreis. Una produzione inedita pensata proprio in occasione del Bicentenario, che metterà  in luce il legame della famiglia Bonaparte con il popolo di Canino e il suo territorio.

Luciano Bonaparte, fratello di Napoleone, giunto allo scontro con quest’€™ultimo, fu esiliato in Italia e nel 1808 acquistò il feudo di Canino dove decise di stabilirsi. Nel 1814, dopo la caduta e l’€™esilio di Napoleone sull’€™Isola d’€™Elba, Luciano fu nominato dal Papa, Principe di Canino, legando la storia della sua famiglia a quella del paese.


Condividi la notizia:
29 agosto, 2014

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR