Time-nuovo-doppia-cornice-2-tripla-cornice

__
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il ricordo del fratello Daniele: "Un guerriero nell'indole…"

È morto Maurizio Cario anarchico e scrittore

di Daniele Cario
Maurizio Cario

Maurizio Cario

Maurizio Cario a Caffeina

Maurizio Cario a Caffeina

Viterbo - È morto Maurizio Cario.

Dopo due anni trascorsi a resistere a un tumore che non gli ha concesso tregua, Maurizio Cario, guerriero nell’indole, si è arreso la notte scorsa.

Militante del movimento anarchico italiano dal 1969 e per il successivo decennio, ha preso parte con passione e con impegno alle lotte studentesche, quindi condividendo le rivendicazioni del movimento operaio e le battaglie sociali, politiche, culturali e di costume che così fortemente hanno connotato quegli anni.

In seguito ha trasformato l’energia e l’impegno in una nuova consapevolezza che ha voluto trasporre nei suoi romanzi, incentrati sull’uomo e sulla ricerca della riappacificazione di questo con la natura in un rapporto non più antropocentrico, ma finalmente paritario e simbiotico.

Laureato in sociologia, ha lavorato presso l’amministrazione provinciale di Viterbo per la quale ha svolto l’incarico di responsabile tecnico dell’Osservatorio sociale e ha redatto studi e ricerche tra i quali Gener@zione Y. Indagine sui comportamenti, i valori, le aspirazioni della nuova generazione viterbese (Viterbo 2008).

Al suo primo romanzo Animale – Ancora un anno da impiegato, rimasto inedito, hanno fatto seguito: Tracce per sempre (2001), finalista alla terza edizione del concorso “Le agavi” di Scilla; Gesù è morto – Storia di gamberi di fiume (2005), finalista al concorso internazionale di narrativa e poesia “Atena”, pubblicato da Tracce nel 2006; Alieno (2006), secondo posto al concorso letterario “Romanzo ….In Edito 2006” e vincitore del premio Cimitile 2007 per la sezione narrativa inedita; L’attimo o l’eternità (Reggio Calabria, Leonida 2009), finalista nella III edizione del premio letterario Gaetano Cingari 2008; Messaggero, segnalato al premio Internazionale Martinsicuro 2011, e La metà clandestina dell’uomo, entrambi pubblicati da MEF (Firenze 2013).

I funerali si svolgeranno in forma civile domani 28 agosto alle ore 16 presso l’area destinata alle cremazioni del nuovo cimitero di s. Lazzaro.

Daniele Cario


Maurizio aveva 59 anni.

Alla famiglia Cario un abbraccio affettuoso e le più sentite condoglianze dalla redazione di Tusciaweb

27 agosto, 2014 - 23.04

10 commenti »

Lascia un commento

CAPTCHA
Reload the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code
 

  1. 29 agosto 2014 alle 11:45 | - >Graziella commenta:

    Una breve conoscenza, nei momenti di tranquillità alternati a momenti di dolore che mi hanno fatto apprezzare la grandezza e
    profondità di questo uomo. Ciao Maurizio.

  2. 29 agosto 2014 alle 10:56 | - >Carlo-Mario-Teresa Quintarelli commenta:

    Sentite condoglianze e un abbraccio forte forte a Eros, Ester e Nuccia

  3. 28 agosto 2014 alle 20:59 | - >Virginio commenta:

    Sentitissime condoglianze per la Sua grave perdita…
    Virginio Casantini

  4. 28 agosto 2014 alle 16:06 | - >massimo commenta:

    caro….caro amico d’infanzia, precursore di tempi ed eventi, non era facile allora avere la convinzione e la perseveranza delle proprie idee, si rischiava di cadere nel ridicolo (quando andava bene) o di percorrere strade rivelatesi nefaste per la nostra societa’.non ci siamo mai piu’ rivisti da quando si frequentava il suffragio, le canzoni di DeAndre,i concerti al palasport, le discussioni politiche, i bracciali e le collane fatte con i chiodi..ora mi giunge questa notizia e mi fa male.RIP

  5. 28 agosto 2014 alle 13:03 | - >stefania commenta:

    Ciao zio, ero troppo piccola per apprezzarti nel tuo impegno politico, ma il mio ricordo di te rimarrà sempre legato al profumo dei campi, dei fiori, dei fumghi, degli alberi e della tua pipa e alla tua profonda conoscenza dell’ambiente paesaggistico e culturale della nostra bella zona, che tu amavi profondamente.
    Ti abbraccio forte zio, hai lasciato un corpo ormai logoro, ora sei libero di volare ovunque desideri.

RSS feed dei commenti a questo articolo.

  • Alo-agenzia-funebre-158x150

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564