Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Orte - Carabinieri - Arrestate due giovani cognate - Al furto ha assistito una donna che aveva fatto loro l'elemosina

Entrano per comprare la pizza ed escono con un cellulare

Condividi la notizia:

Orte

Orte

Una pattuglia dei carabinieri

Una pattuglia dei carabinieri

Orte – Entrate per  comprare la pizza e uscite con un cellulare. Ma una signora le ha notate e così è scattato l’arresto per le due giovani donne romene accusate di aver rubato un telefonino in un panificio a Orte.

Si tratta di due ragazze di 19 e 24 anni, cognate, bloccate stamattina dai carabinieri dopo che al titolare del panificio era sparito il cellulare. 

Al furto, avvenuto intorno alle 13, avrebbe assistito una donna, cui le ragazze avevano chiesto l’elemosina poco prima. La signora avrebbe dato loro qualche spicciolo, per poi vederle entrare nel panificio e prendere un telefono che era appoggiato su un lato della cassa. Il padrone del negozio, un 37enne di Orte, non si sarebbe accorto di nulla se non fosse stato per la donna che lo ha avvisato. A quel punto, è scattato l’inseguimento alle due giovani cognate che, nel frattempo, si erano divise, prendendo strade diverse.

In appena dieci minuti, i carabinieri di Orte hanno prima rintracciato la più giovane, poi la 24enne, che stava cercando di allontanarsi dalla città con i mezzi pubblici. Al momento del furto come dell’arresto, teneva in braccio il più piccolo dei suoi tre figli.

Anche su questo ha puntato la difesa. Secondo l’avvocato Bruno Barbaranelli, “la ragazza è stata fermata in un punto troppo lontano dal panificio. Come poteva raggiungerlo in così pochi minuti e col bimbo in braccio? Il telefono, tra l’altro, non è stato ritrovato”.

Il giudice Rita Cialoni ha convalidato l’arresto per furto aggravato e le ha rimesse in libertà. Il processo continua a febbraio.


Condividi la notizia:
10 settembre, 2014

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR