Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - L'unione comunale del Pd interviene sui manifesti a firma di FdI che invitano Renzi a rottamare Fioroni e Sposetti

“Inammissibile dare colpe solo per campagna elettorale”

Condividi la notizia:

Una veduta di Viterbo dall'alto

Una veduta di Viterbo dall’alto 

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – In questi giorni circolando per Viterbo, abbiamo potuto prendere visione, come del resto la maggior parte dei cittadini viterbesi, di alcuni manifesti a firma del partito “Fratelli d’Italia”, ritraenti un chiaro invito al segretario nazionale del nostro partito a fare piazza pulita di alcuni esponenti del Pd viterbese che, a loro giudizio, non hanno mai fatto nulla di concreto per permettere al nostro territorio di migliorare e svilupparsi.

Fermo restando che non è nostra intenzione assumere le vesti di difensore d’ufficio di nessuno, avendo gli onorevoli citati nel manifesto, le capacità per rispondere, qualora ne avessero tempo e voglia, a tali inqualificabili bassezze, l’Unione comunale del Pd di Viterbo ritiene opportuno e doveroso fare alcune precisazioni, soprattutto, a chi dimostra di avere la memoria assai corta.

Come coalizione di centrosinistra siamo al governo della città da poco più di anno, e nonostante la pesante eredità del passato, stiamo cercando, tra una moltitudine di difficoltà, con impegno, rigore e serietà, di cui tra breve siamo certi si percepiranno i frutti e i risultati, di portare avanti il nostro progetto per rendere Viterbo una città migliore, a partire dalla riqualificazione del centro storico fino allo sviluppo della città termale, dalla diffusione su tutto il territorio della raccolta differenziata alla riapertura del museo e del teatro.

Abbiamo dimostrato, e ne avremmo fatto volentieri a meno, di gestire con grande determinazione e senso di responsabilità, situazioni assai complesse quale quella di Esattorie che non derivano certo da mancanze dell’attuale maggioranza.

Il percorso è certamente lungo, ma ci stiamo provando.

Ora sentire pronunciare parole di accusa da parte di chi, per tanto tempo, ha potuto realizzare qualcosa di concreto per Viterbo e i viterbesi, e non l’ha fatto, ci sembra non solo esagerato, ma anche fuori luogo, oltre che politicamente non corretto.

Molti esponenti di Fratelli d’Italia, compresi quelli che hanno annunciato di voler ritornare nella mischia, sono stati a lungo maggioranza sia nel comune di Viterbo che alla provincia, hanno governato la città per lunghi diciotto anni trascinandola in una situazione di chiusura sociale e culturale, lasciando alle future amministrazioni gravissime situazioni da gestire, di cui oggi ne stanno pagando le conseguenze, innanzitutto, Viterbo e i viterbesi.

Senza dimenticare che Fratelli d’Italia, come del resto, altri autorevoli esponenti di centrodestra, compreso chi oggi si erge a paladino di qualsiasi battaglia, nella speranza di ottenere una qualche visibilità politica, hanno avuto i loro rappresentanti in parlamento e nelle più alte istituzioni, contribuendo, in maniera determinante, a sostenere tutti i governi di centro destra, che per quasi vent’anni, salvo brevi periodi di alternanza, nulla hanno fatto per lo sviluppo e la crescita di Viterbo e della provincia.

Siamo sempre aperti al confronto, anche aspro, come impone la dialettica politica, ma l’attribuzione delle colpe allo schieramento opposto solo a fini che sembrerebbero da campagna elettorale non lo riteniamo ammissibile.

Ottimo sarebbe invece un esame di coscienza, o almeno fermarsi a pensare prima di parlare.

Unione Comunale Pd Viterbo


Condividi la notizia:
25 settembre, 2014

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR