Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il segretario della Uil Giancarlo Turchetti replica all'assessora Ciambella

“Nessuno ha detto che la Tasi sia pensata o voluta dal Comune”

Condividi la notizia:

Giancarlo Turchetti

Giancarlo Turchetti 

Viterbo – “A stupire sono solo le dichiarazioni dell’assessore Luisa Ciambella. Anzi, sembra quasi che non abbia letto il nostro comunicato oppure che lo abbia letto male o di fretta dando l’impressione di vivere le nostre dichiarazioni come un fatto personale e non come l’analisi di un dato oggettivo che è il seguente: a pagare il prezzo della crisi sono solo e soltanto i cittadini”.

A dichiararlo è Giancarlo Turchetti, segretario generale della Uil Viterbo, in risposta alle dichiarazioni dell’assessore ai Tributi del comune di Viterbo a seguito del comunicato sulla Tasi inviato alla stampa qualche giorno dal segretario provinciale dell’Unione Italiana del Lavoro.

“Nulla di personale, ma nessuno ha detto – spiega Turchetti – che la Tasi è una tassa pensata e voluta dal Comune di Viterbo. Conosciamo le regole del diritto e sappiamo benissimo che si tratta di un provvedimento del governo. E comunque sia, nel nostro comunicato non vi è traccia alcuna di un ‘attacco’ nei confronti dell’amministrazione comunale. Dunque, perché la Ciambella se la prende così tanto? Non lo sappiamo, ma la cosa stupisce.

Inoltre, sappiamo altrettanto bene – prosegue il segretario della Uil Viterbo – che la Tasi è una nuova tassa. Seguiamo anche noi il dibattito politico e i provvedimenti adottati dal governo e possiamo rassicurare la Ciambella sul fatto che ci siamo ampiamente resi conto, e assieme a noi tutti i cittadini, che si tratta di una nuova tassa. Era tuttavia nostra intenzione, e ringraziamo l’assessore ai Tributi che in tal modo ci permette di ribadire la cosa, sottolineare che si tratta di una tassa aggiuntiva, cioè di una tassa che si va ad aggiungere ad altre come se le famiglie italiane, pertanto anche quelle viterbesi, se la passassero bene, come se nessun lavoratore italiano e viterbese venisse licenziato o messo in cassa integrazione.

Come se la provincia di Viterbo, fino a prova contraria una delle province del territorio italiano, non avesse tassi di disoccupazione che rischiano di farla precipitare in una situazione peggiore di quella che stiamo vivendo. Un consiglio all’assessore Ciambella però vogliamo darlo lo stesso: prima di rispondere, è sempre opportuno e fondamentale leggere o leggere bene i comunicati”.


Articoli: Ciambella: “Tasi, il comune ha fatto il possibile per i cittadini” – Turchetti (Uil): “Tasi, in città aumentano le tasse sulla prima casa”


Condividi la notizia:
26 settembre, 2014

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR