__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Processo Cev - Interrogatorio fiume dell'ex sindaco e dell'altro imputato Claudio Ciucciarelli

Gabbianelli si difende per più di quattro ore

Giancarlo Gabbianelli a una delle passate udienze

Giancarlo Gabbianelli in una delle passate udienze

Gabbianelli a una delle passate udienze con il suo avvocato Massimo Rao Camemi

Gabbianelli in una delle passate udienze con il suo avvocato Massimo Rao Camemi

I pm Franco Pacifici e Paola Conti

I pm Franco Pacifici e Paola Conti

Le slide in aula proiettate sul maxischermo

Le slide in aula proiettate sul maxischermo

Il pm Pacifici illustra le slide in aula

Il pm Pacifici illustra le slide in aula

Le slide in aula

Le slide in aula

L'ingegnere Claudio Ciucciarelli

L’ingegnere Claudio Ciucciarelli

Viterbo – Più di quattro ore a difendersi dalle accuse dei pm (fotogallery – slide).

Tanto è durato l’interrogatorio in aula di Giancarlo Gabbianelli, ex sindaco di Viterbo in quota An, alla sbarra al processo Cev. Su di lui, le accuse di abuso d’ufficio e associazione a delinquere. L’ultima, contestata a 17 imputati su 26.

Lui si descrive come “uno che fa politica da quando aveva i calzoni corti e di cui tutti conoscono limpidezza e trasparenza”. Anche per questo ha rinunciato alla prescrizione di tutti i reati. E anche per questo, a suo dire, l’associazione a delinquere fa acqua da tutte le parti: “Potevo associarmi con Attilio Moretti, che prima di essere presidente del Cev è stato assessore quando io ero all’opposizione? E poi perché? Per favorire imprenditori che lavoravano col comune già prima del mio mandato e hanno continuato anche dopo?”.

E’ quello che sostengono i pm Paola Conti e Franco Pacifici, con tanto di maxischermo e slide in aula: per loro, i servizi che il comune affidava al Cev e che il Cev subappaltava erano appannaggio di una ristretta cerchia di imprenditori consorziati. Ma Gabbianelli precisa di non aver avuto voce in capitolo nella costituzione del consorzio.

L’obiettivo del progetto di riorganizzazione dei servizi agli albori del 2000, con l’ex dg del comune di Pesaro Giovanni Rubini, era ritagliare spazi maggiori per l’imprenditoria locale. Che non significava favorire tizio o caio, puntualizza Gabbianelli. Secondo l’ex sindaco, gli imprenditori non dovevano fare niente di più di quello che hanno fatto: “consorziarsi e mettere in atto le procedure previste per entrare nel Cev”. Di tutto il resto, dalla nascita del consorzio ai subappalti alle imprese, Gabbianelli dice di non essersi occupato. “Noi remuneravamo il Cev e facevamo un contratto col Cev – spiega l’ex sindaco in udienza -. Come venivano pagati gli imprenditori non era un problema del comune”.

Per l’accusa, ci sono sempre quegli importi fatturati extracontratto che il comune avrebbe pagato. E che non sarebbero andati al Cev, ma alle imprese consorziate. Anche questa, comunque, non è materia dell’ex sindaco. “Le uscite erano autorizzate dai dirigenti. Io mi fidavo. Qualora emergessero irregolarità, sarei qui come parte offesa”, replica Gabbianelli.

I pm vogliono sapere quale fosse la convenienza di mantenere una struttura come il Cev che, per l’accusa, “costava il 10 per cento del contratto”, anziché affidare direttamente a ditte esterne. Per Gabbianelli, i cittadini erano soddisfatti. Ieri più di oggi, forse, considerato che “il servizio di raccolta rifiuti costa 2 milioni in più di quanto costava al Cev, nonostante sia notorio che la differenziata abbatte il prezzo”.

Il sindaco aveva dalla sua una sfilza di pareri legali favorevoli. Gli affidamenti diretti sono continuati anche dopo l’insediamento dei cosiddetti “tre saggi”, il pool di esperti chiamato a controllare le partecipate. Gabbianelli racconta che Cev e Francigena “facevano maggioranza con l’opposizione” e che lui stesso era “all’opposizione, durante il suo secondo mandato”. E quanto ai trasferimenti dei dirigenti in zona Porta Romana, per lui erano semplici rotazioni. “Andavano in un ufficio estremamente importante. Fu interpretato come un demansionamento, invece fu l’opposto”.

Dopo di lui, parla l’ingegnere Claudio Ciucciarelli, imputato per concussione, corruzione e turbativa d’asta.

Il reato più grave di concussione è per i 32mila euro che Ciucciarelli avrebbe avuto da un subappaltatore del Cev, parte civile al processo. Lui smentisce: “Nessuna dazione”. Anzi. “Era lui che mi doveva dei soldi. Gli ho fatto progetti e consulenze per cinque anni. Ho ricevuto appena 7mila euro nel 2004”.

Il processo continua a dicembre. Parlerà ancora Ciucciarelli, poi i primi testimoni delle difese. 

18 ottobre, 2014

Cev ... Gli articoli

  1. "Cantiere per la piscina, mai visti contrasti tra Londero e Ciucciarelli"
  2. "Il presidente Moretti non si è mai interessato all'appalto"
  3. Crack Cev, corsa contro il tempo per la sentenza
  4. "No all'affidamento di lavori ai soci privati senza gara"
  5. Processo Cev, alla sbarra restano in sette
  6. No alla sentenza subito per Gabbianelli
  7. Processo Cev, per Gabbianelli sarà sentenza subito?
  8. Gabbianelli: "No alla prescrizione, si vada a sentenza"
  9. Processo Cev, parola ai testimoni delle difese
  10. Trenta accuse prescritte, quel che resta del Cev
  11. Processo Cev, battaglia sui testimoni
  12. Soldi "per mandare in vacanza i politici", Ciucciarelli si difende
  13. "Nessuna cena con i politici di An"
  14. Processo Cev, tocca alle difese
  15. Cev, il comune batte cassa ma gli imputati fanno ricorso
  16. Fatture false al Cev, prosciolti in quattro
  17. "Costretto ad andare a cena coi politici di An"
  18. "Duemila euro per mandare in vacanza i politici"
  19. Balducci non aveva precisi obblighi di controllo
  20. "Una sentenza che mi ha restituito il sorriso"
  21. Cev, assolto Armando Balducci
  22. "C'abbiamo in azione il macchinario che fa i coriandoli..."
  23. "Trasferiti perché davamo fastidio"
  24. Crack Cev, parlano i dirigenti comunali
  25. Un buco tra i due e i tre milioni di euro sulle spalle del Comune
  26. "Lavoravamo per la città"
  27. C'era una volta il crack Cev...
  28. Processo Cev, via all'ascolto dei testimoni
  29. Gabbianelli: "Rinuncio alla prescrizione per tutti i reati"
  30. Fuori dal processo: Rotelli, Arena, Muroni, Fracassini, Tofani e Zucchi
  31. Scandalo Cev, centinaia di testimoni
  32. Processo Cev, slitta l'udienza
  33. Cev e Comune parti civili
  34. Muroni e Zucchi non fanno un passo indietro
  35. Scandalo Cev, parte il processo
  36. Cev, il Comune si costituirà parte civile
  37. Muroni condannato a pagare 190mila euro
  38. Dimettersi? E perché mai...
  39. "Valuteremo se costituirci parte civile"
  40. Bartoletti: Il comune si costituisca parte civile
  41. Il comune si costituisca parte civile e gli assessori si dimettano
  42. Cev, in 34 a processo
  43. Solo fango, e ingiuste e preannunciate decisioni...
  44. Cev, Gabbianelli & Co. rinviati a giudizio
  45. Cev, si decide sul rinvio a giudizio
  46. Cev, parlano le difese
  47. Cev, salta l'udienza
  48. Cev, si decide sul rinvio a giudizio
  49. "E' tutto regolare"
  50. Inchiesta Cev, tocca alle difese
  51. Cev, chiesto il rinvio a giudizio per Gabbianelli e gli altri indagati
  52. Cev, una notifica fa saltare l'udienza
  53. Sentenza Cev, tutti pronti a fare ricorso
  54. Gabbianelli attacca magistratura e Finanza

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564

merlani-1036x70-danubio