--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Caso Manca - Ingroia e i familiari dopo l'esclusione dal processo come parte civile

“Nessuna intenzione di accertare la verità”

di Stefania Moretti

Condividi la notizia:

Attilio Manca, l'urologo trovato morto nel 2004

Attilio Manca, l’urologo trovato morto nel 2004

Il processo Manca

Il processo Manca

Gli avvocati dei Manca, Antonio Ingroia e Fabio Repici

Gli avvocati dei Manca, Antonio Ingroia e Fabio Repici

Il pm Renzo Petroselli

Il pm Renzo Petroselli

L'avvocato Angelo Ieraci, per l'imputata Monica Mileti

L’avvocato Angelo Ieraci, per l’imputata Monica Mileti

Il processo Manca

Il processo Manca

Angela e Gianluca Manca con i loro avvocati Antonio Ingroia e Fabio Repici

Angela e Gianluca Manca con i loro avvocati Antonio Ingroia e Fabio Repici

L'aula piena

L’aula piena

Il giudice Eugenio Turco

Il giudice Eugenio Turco

La conferenza della famiglia Manca

La conferenza della famiglia Manca

L'intervento di Ingroia alla conferenza

L’intervento di Ingroia alla conferenza

Viterbo – “Viterbo oggi mi ha restituito il cadavere di mio figlio”.

Angela Manca parla con una rabbia che le fa tremare la voce. La conferenza già convocata da giorni dopo l’udienza per la morte del figlio Attilio diventa una nuova invettiva contro la procura. “Non hanno mai fatto indagini serie”, torna a ripetere la madre di Attilio. Ma la delusione più cocente per i familiari, oggi, arriva in realtà dal tribunale di Viterbo, che ha escluso la parte civile dal processo (fotocronaca: il sit-in, il processo, la conferenza – slide).

Una doccia fredda, per la madre e il fratello del giovane urologo morto a Viterbo dieci anni fa. Che tutto si aspettavano tranne di non poter interloquire affatto nel processo tuttora aperto per la morte di Attilio. Un processo-farsa, per loro: l’imputata è Monica Mileti, presunta pusher che avrebbe ceduto la dose letale di eroina al giovane medico. Eroina mista a tranquillanti, la causa della morte, nella lontana notte tra l’11 e il 12 febbraio 2004.

Ma a quella che l’avvocato Antonio Ingroia definisce “l’apparenza processuale” si sovrappone “la verità sostanziale, da sempre sostenuta dai Manca”: Attilio non si è ucciso. “Attilio è stato ucciso perché ha operato Bernardo Provenzano e, forse, dopo di lui, doveva operare anche qualcun altro, ma non voleva diventare il medico della mafia”, dice la madre Angela con tutta la voce che ha. I familiari volevano una chance a Viterbo per dimostrarlo. Ma, estromessi come parte civile, non potranno più farlo.

E’ stata l’unica richiesta della procura accolta stamattina dal giudice Eugenio Turco: tagliare fuori i parenti dal processo perché non sarebbero più persone danneggiate dal reato. Che non è più omicidio colposo per cessione di droga, dichiarato prescritto in udienza preliminare. A carico di Monica Mileti resta solo la cessione di stupefacenti. E per questa singola accusa, secondo il tribunale, i parenti del medico siciliano non sono persone offese.

Il dispositivo del giudice ha gelato un’aula intera, riempita dai partecipanti al sit-in della mattina, in sostegno dei Manca e organizzato dal Movimento 5 Stelle. In aula c’erano il consigliere comunale Gianluca De Dominicis e i parlamentari Massimiliano Bernini e Francesco D’Uva.

Il fratello di Attilio, Gianluca Manca, guardava il vuoto con occhi sbarrati mentre ripeteva: “E’ una vergogna”. Più di qualcuno lo ha gridato verso il giudice, mentre gli avvocati Antonio Ingroia e Fabio Repici lasciavano l’aula in silenzio.

L’acme di un’udienza ad altissima tensione. Cresciuta già quando il pm Renzo Petroselli ha chiesto la dichiarazione di prescrizione, perché a suo dire, si tratta di un’ipotesi lieve di spaccio di droga. Già a quel punto, Ingroia e Repici erano insorti: “Il pm torna sul suo stesso capo di imputazione, dove non si parla di ipotesi lieve di spaccio, ma di quantità indefinibile di stupefacenti ceduta ad Attilio. Il punto è che la procura ha paura di accertare la verità e non vuole fare il processo”. Ma se per i legali dei Manca, quella richiesta era pretestuosa, per l’avvocato difensore Angelo Ieraci proprio no: “Succede quotidianamente che si indichi genericamente l’articolo, senza specificare che l’ipotesi di spaccio è lieve”. Uno scontro frontale ben diverso da quello classico tra accusa e difesa. Stavolta, e in modo del tutto anomalo, erano accusa e parte civile a fronteggiarsi. Due parti in causa che, in genere, hanno interessi comuni. Non in questo caso. Anche se Ingroia, da “inguaribile ottimista” quale si definisce, vede il bicchiere mezzo pieno.

“Sono  contento di questa decisione. Meglio essere usciti dal processo, piuttosto che restare parte civile e vedere respingere in continuazione le nostre domande o richieste”. 

La vicenda Manca, per l’ex toga, si muove su un doppio binario. “Da un lato la messinscena del processo per droga – afferma Ingroia -, dall’altro la verità sostanziale sulla morte di Attilio. Per avere la verità, abbiamo accettato di far parte della messinscena, perché era l’unico campo di battaglia processuale possibile. Ma a noi non ce ne frega niente della condanna della Mileti, perché la partita in gioco non è quella della messinscena, ma quella della verità. Il giudice ha solo dimostrato che il suo interesse non è accertare la verità, ma fare il suo compitino con diligenza. E cioè giudicare se Monica Mileti ha dato la droga ad Attilio o no”.

Il futuro del caso Manca come delitto di mafia dipende dalla Procura nazionale antimafia. Il lavoro di Ingroia continua in questa direzione. “Con la magistratura viterbese non vogliamo più avere a che fare. Faremo un esposto alla Dda di Roma. Con un elemento in più, che sono le dichiarazioni del boss dei Casalesi Giuseppe Setola, che collega la morte di Attilio a Provenzano. Sappiamo già che c’è un’indagine preliminare su questo. Sarebbe opportuna anche un’inchiesta dei pm di Palermo, che hanno raccolto quelle dichiarazioni. Setola lo avremmo chiamato a testimoniare a Viterbo. Ma ci è stato impedito con un’ordinanza immotivata, scritta freneticamente su un fogliettino e che non possiamo impugnare”.

Stefania Moretti


Parte civile fuori dal processo Manca


Condividi la notizia:
23 ottobre, 2014

Caso Manca ... Gli articoli

  1. "Caso Manca, le indagini sono tutte da rifare"
  2. Caso Manca, petizione per riesumazione cadavere
  3. Anche il tribunale di Roma archivia il caso Manca: "Non fu omicidio di mafia"
  4. "Riesumate il cadavere di Attilio Manca"
  5. Gli ultimi giorni di Manca e l'ora della morte
  6. "Nessun rapporto tra Provenzano e Manca"
  7. "Il naso deviato? Solo un effetto ottico..."
  8. "Caso Manca, nessun elemento per avvalorare la tesi della famiglia"
  9. "Omicidio Manca, pentiti non credibili e versioni contrastanti"
  10. "Mileti condannata senza prove..."
  11. Monica Mileti alle Iene: "Io capro espiatorio"
  12. Blitz delle Iene a Viterbo per intervistare l'ex magistrato Renzo Petroselli
  13. "Attilio Manca vittima di mafia, ma lo Stato non vuole ammetterlo"
  14. "Manca si drogava da anni e Mileti era la sua spacciatrice"
  15. "Caso Manca, anche la procura di Roma chiederà l'archiviazione"
  16. "Provenzano a Viterbo dopo l'operazione alla prostata"
  17. No all'archiviazione, firma anche Fiorella Mannoia
  18. Monica Mileti: "Sono innocente"
  19. "Attilio ucciso per la seconda volta"
  20. "Non si è fatta giustizia"
  21. Caso Manca, 5 anni e 4 mesi a Monica Mileti
  22. Caso Manca, la procura chiede 4 anni e mezzo
  23. Caso Manca, è il giorno della sentenza
  24. "Caso Manca, la procura di Roma indaga per omicidio"
  25. "Ecco perché fu ucciso da un mix di droga, alcol e medicinali"
  26. "Nessun segno di violenza sul corpo di Attilio"
  27. "Tra Attilio e Monique un fitto scambio di telefonate..."
  28. La scientifica: "Non abbiamo trovato impronte in casa di Attilio"
  29. "Ho visto Attilio iniettarsi eroina"
  30. L'ultimo sms di Mileti a Manca: "Che hai combinato?"
  31. "Attilio faceva uso di eroina"
  32. "Dopo Attilio vogliono uccidere anche noi"
  33. "Dalla procura di Viterbo non mi aspetto più nulla..."
  34. "Suicidate Attilio Manca", la presentazione alla Camera
  35. "Non ci sono giudici solo a Berlino, ma anche a Viterbo..."
  36. Calunnia, prosciolto Antonio Ingroia
  37. Calunnia, Ingroia davanti al gup
  38. Caso Manca, niente proscioglimento per l'imputata
  39. Caso Manca, processo di giudice in giudice
  40. "Attilio ucciso da un ufficiale dei servizi"
  41. Chiesto il rinvio a giudizio per Antonio Ingroia
  42. "Tracce infinitesimali sulle siringhe"
  43. "Caso Manca, è il momento di fare chiarezza"
  44. "Abbiamo fornito nuovi chiarimenti sulle indagini"
  45. "Pignatone aperto e disposto ad andare fino in fondo"
  46. Caso Manca, Ingroia a Pignatone: "E' stato omicidio di mafia"
  47. Pazienti e Petroselli in commissione antimafia
  48. Calunnia, indagine su Ingroia in dirittura d'arrivo
  49. Caso Manca, rinviata l'audizione dei magistrati
  50. "Inchiesta gestita con eccessiva sufficienza"
  51. "Vicenda che ha bisogno di punti fermi"
  52. "Due spinelli al liceo non fanno di Attilio un drogato"
  53. "La madre di Manca sapeva che il figlio si drogava"
  54. Magistrati viterbesi in commissione antimafia
  55. "Ha ritrattato perché la moglie vuole restare a Casal di Principe"
  56. Magistrati in commissione antimafia il 17 dicembre
  57. Caso Manca, interrogazione bis dei senatori 5 Stelle
  58. "Non ho capito perché sono stato convocato..."
  59. "Cercassero gli assassini di Manca"
  60. "Una vicenda sempre più sbalorditiva"
  61. Ingroia indagato per calunnia
  62. Pazienti e Petroselli davanti alla commissione antimafia
  63. Il caso Manca in commissione antimafia
  64. "Setola non avrebbe mai potuto essere sentito a Viterbo"
  65. Parte civile fuori dal processo Manca
  66. Caso Manca, la Dda apre un fascicolo
  67. "Se è un omicidio di mafia non è competente Viterbo"
  68. "Un'opportunità importante per riaprire le indagini"
  69. I familiari di Manca: "Siamo fiduciosi"
  70. Il caso Manca potrebbe essere riaperto
  71. Salta il processo Manca
  72. Caso Manca, inizia il processo
  73. "Non c'è traccia di Manca nell'operazione a Provenzano"
  74. Una manifestazione per ricordare Attilio Manca
  75. Servizio Pubblico - Le immagini di Attilio Manca morto
  76. "Cose inenarrabili accadute in questo palazzo di giustizia..."
  77. Caso Manca, rinviata a giudizio l'unica indagata
  78. "Indagini-farsa, il pm accusa mio figlio"
  79. "L'importante è che si arrivi a un processo"
  80. Caso Manca, chiesto il rinvio a giudizio per spaccio
  81. "Ci costituiremo parte civile"
  82. "Prove manomesse e falsificate"
  83. Ingroia: "Coinvolgeremo la Procura nazionale antimafia"
  84. Caso Manca, udienza ad alto rischio
  85. Un omicidio di stampo mafioso, un'inchiesta sciatta e superficiale
  86. Manca non era in ospedale
  87. "Provenzano accennò a mio padre di un giovane medico..."
  88. Caso Manca, il 13 gennaio l'udienza preliminare
  89. Antonio Ingroia avvocato della famiglia Manca
  90. Caso Manca, chiesta ispezione in tribunale
  91. Caso Manca, solo "illazioni e congetture"
  92. "Dieci anni di domande senza risposte"
  93. Sonia Alfano: "Inchiesta gestita in modo vergognoso"
  94. Salvatore Borsellino: "Giustizia negata"
  95. "Un altro piccolo grande mistero italiano"
  96. "Caso Manca, se ne occupi la Procura nazionale antimafia"
  97. "Mio figlio è morto per volontà del capo della mafia Provenzano"
  98. "Vogliamo la riapertura del caso"
  99. Chiuso il caso Manca
  100. Consulenze sulle siringhe e sull'impronta nel bagno
  101. "Chiederemo di acquisire i video della conferenza in procura"
  102. Caso Manca, a ottobre l'udienza
  103. Richieste di archiviazione, i Manca si oppongono
  104. Chi dice che Attilio si drogava?
  105. Caso Manca, Lumia interroga il ministro della Giustizia
  106. "Pronti a opporci alle richieste di archiviazione"
  107. "Una delle pagine più tristi della giustizia italiana"
  108. "La Procura inerte sulla pista Provenzano"
  109. "Non è un omicidio di mafia, è una disgrazia di droga"
  110. Caso Manca, cinque richieste di archiviazione
  111. Caso Manca, chiuse le indagini
  112. Fattorini a Chi l'ha visto: "Manca non si drogava"
  113. Provenzano si nascondeva nell'Alto Lazio
  114. Manca, il fratello: "Indagini blande e superficiali"
  115. "Per noi è un successo, andiamo avanti"
  116. Manca non si è suicidato
  117. Manca, non è stato omicidio di mafia
  118. Il libro su Attilio Manca a Napolitano
  119. "Metta fine a questa logorante attesa"
  120. Fumogeno nel giardino dei Manca
  121. La morte di Attilio non merita l'archiviazione
  122. "Sento che la decisione è vicina..."
  123. "Attilio, ucciso nel più barbaro dei modi"
  124. La madre di Manca: "Vogliono ucciderci"
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR