Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Spariti beni e attrezzature dentistiche per 94mila euro - Denunciati i tre ex soci

Svuotato lo studio di Fiorita

Condividi la notizia:

Il dentista Gianfranco Fiorita

Il dentista Gianfranco Fiorita

L'avvocato Roberto Alabiso

L’avvocato Roberto Alabiso

L'avvocato Roberto Alabiso

L’avvocato Roberto Alabiso

Lo studio dentistico di Gianfranco Fiorita

Lo studio dentistico di Gianfranco Fiorita

Gianfranco Fiorita il medico scomparso

Il cartello esposto nello studio dentistico di Gianfranco Fiorita

Lo studio dentistico di Gianfranco Fiorita

Lo studio dentistico di Gianfranco Fiorita

Viterbo – 94mila euro di beni svaniti nel nulla. E adesso è Gianfranco Fiorita a chiedersi perché.

I ruoli si invertono nella vicenda del dentista fuggito da Viterbo e scappato in Paraguay.

Se fino a oggi erano soci, clienti e stagisti a chiedergli conto delle somme versate e sparite insieme a lui, adesso è Fiorita a rivolgersi alla magistratura.

Il suo avvocato Roberto Alabiso ha presentato stamattina una denuncia per appropriazione indebita aggravata a danno dei tre ex soci del dentista 56enne. Fiorita, intanto, è a processo da due anni con la stessa accusa, per la fuga in Paraguay con 660mila euro.

“Dei beni che stavano dentro il suo studio non c’è più traccia – afferma il legale -. Il totale ammonta a 94mila euro ed è per questi che abbiamo fatto denuncia. Ma altri oggetti di valore sono spariti anche da casa sua”. In questo caso, le indagini dell’avvocato sono ancora in corso per risalire al proprietario dell’appartamento e cercare di saperne di più. Mentre la querela ai tre ex soci della Dental Action Snc è già cosa fatta.

“Dal punto di vista societario, Fiorita ha ragioni da vendere – spiega l’avvocato -. Aveva il 70 per cento delle quote. Ma anche gli altri tre detenevano una percentuale ciascuno. E allora perché lo studio ha chiuso, anziché andare avanti, dopo la sua partenza? Perché non sono stati riscossi i 90mila euro di crediti che la società vantava? Senza contare i crediti pretesi oggi dai clienti. Crediti nei confronti della società: Fiorita pagherebbe il 70 per cento, ma agli altri spetterebbe il 30”. 

Della sparizione delle attrezzature dello studio, Fiorita si è accorto dopo il suo ritorno. Secondo il verbale dello sfratto, in quella che era sta la sede della Dental Action Snc restavano solo le tende. Chi è stato a portare via tutto?

“In tale situazione – scrive lo stesso Fiorita dal carcere in un comunicato – sarò costretto a chiedere anche il sequestro preventivo dei beni intestati agli ex soci e, se possibile, il ritiro del loro passaporto, affinché non possano far disperdere le proprie tracce e occultare definitivamente i beni e il ricavato della vendita”.

Proprio facendogli ritirare il passaporto, la squadra mobile riuscì a limitare i movimenti del dentista, dopo quattro anni di monitoraggio da oltreoceano. Alla fine, Fiorita si è consegnato al consolato italiano ad Asuncion (capitale del Paraguay), che gli ha dovuto anche pagare il biglietto per tornare. Oggi sono 34 giorni che è in carcere. E dopo due richieste al giudice, un appello non ancora fissato, 11 udienze e 51 testimoni, l’avvocato Alabiso si chiede che senso ha. 

“I motivi della custodia cautelare in carcere sono tutti superati. Pericolo di fuga? E’ tornato da solo. E poteva anche restare in Paraguay, perché è padre di figli piccoli. Inquinamento delle prove? Quali, dopo due anni di processo? E la reiterazione di reato, proprio non si pone. Fiorita ricomincerebbe a lavorare per risarcire chi ne ha diritto. Se sta in carcere, come fa?”. I domiciliari, del resto, sono improponibili. Non solo – e non tanto – perché la richiesta della difesa di Fiorita era quella di revocare completamente la misura, ottenere la libertà e tornare a lavorare. Ma c’è anche il problema dell’alloggio: il dentista, ex latitante, non saprebbe dove andare.

“Ha reciso tutti i legami con la sua famiglia – spiega l’avvocato Alabiso -. Nessuno è più disposto a ospitarlo. Viterbo ha degli alloggi-tampone per queste eventualità. Solo che sono occupati. I giudici sarebbero stati favorevoli, se avessimo fornito un domicilio dove far restare Fiorita ai domiciliari. Ma il sindaco non mi ha risposto e gli uffici comunali nemmeno”. 


Condividi la notizia:
3 ottobre, 2014

Il caso del dentista scomparso ... Gli articoli

  1. Gianfranco Fiorita radiato definitivamente dall'albo dei dentisti
  2. Dalla fuga in Paraguay alla condanna, un decennio sul filo del rasoio per il dentista Fiorita
  3. Scappò in Sudamerica coi soldi, 2 anni e 3 mesi al dentista Gianfranco Fiorita
  4. Dentista scappato in sudamerica, per la difesa non fu appropriazione indebita
  5. Dentista scappato col malloppo, l'accusa chiede un anno e dieci mesi
  6. "Il giorno che saltò la sentenza, Fiorita stava per essere operato al cuore"
  7. Fiorita pronto a denunciare le vittime...
  8. I dentisti: "Fiorita ci abbandonò a Santa Cruz..."
  9. "Fiorita ci ha rovinato"
  10. "Migliaia di euro a Fiorita, poi è scappato..."
  11. Dentista ex latitante, a maggio riparte il processo
  12. Processo Fiorita, tutto da rifare
  13. Il processo al dentista Fiorita riparte da zero
  14. Gianfranco Fiorita in ospedale
  15. E' di nuovo Fiorita-show
  16. Gianfranco Fiorita a settembre di fronte al giudice
  17. Interrogatorio di fronte al giudice per Gianfranco Fiorita
  18. "Ho lasciato una clinica in attivo con 100mila euro da incassare"
  19. "Gli ex soci di Fiorita sono stati corretti e in buona fede"
  20. Fiorita al contrattacco: "Io vittima dei miei ex soci"
  21. "Sono scappato per salvarmi dalla morsa dell'estorsione"
  22. La verità di Fiorita può attendere
  23. Revocati i domiciliari a Fiorita
  24. Fiorita, il Riesame si riserva sulla scarcerazione
  25. Gianfranco Fiorita ai domiciliari
  26. Minacce all'avvocato di Fiorita
  27. Fiorita al Riesame per chiedere la libertà
  28. Fiorita all'attacco di ex soci e inquirenti
  29. Dentista arrestato, no alla scarcerazione
  30. "Fiorita non ha un posto dove andare"
  31. Fiorita resta a Mammagialla
  32. "Un gesto importante per dimostrare la volontà di collaborare"
  33. "Chiederò che Fiorita sia rimesso in libertà"
  34. Fiorita arrestato in aeroporto
  35. Il dentista latitante torna in Italia
  36. "Fiorita mi teneva all'oscuro di alcuni incassi"
  37. "Solo senza misura cautelare Fiorita potrebbe tornare in Italia"
  38. Sequestrati i beni del dentista latitante
  39. "Fiorita si dimentica dei danni morali..."
  40. "Risarcirò chi ne ha diritto, non i furbetti di quartiere..."
  41. Fiorita arrestato in Paraguay, presto il rimpatrio
  42. Il latitante Fiorita non risponde alle email, l'avvocato: "Sono preoccupato"
  43. Maxisconto a chi si serviva delle finanziarie
  44. Seimila euro di attrezzature utilizzate e mai pagate
  45. "Io non so nemmeno se mio fratello è vivo o morto"
  46. Dentista latitante, ascoltati 14 testimoni
  47. Dentista latitante, riprende il processo
  48. Dentista latitante, in 49 chiedono i danni
  49. Dentista latitante, inizia il processo
  50. Appropriazione indebita, Fiorita a giudizio
  51. Dentista scomparso, chiuse le indagini
  52. Fiorita torna a farsi vivo
  53. Fiorita non ha preso voli diretti
  54. "Io vittima di Fiorita voglio giustizia"
  55. Fiorita raccoglieva fondi per un ospedale

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR