- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

“In cordis armonia”, il maestro Bastianini celebra Santa Cecilia

Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]

Ferdinando Bastianini [3]

Ferdinando Bastianini

Viterbo – Il maestro Ferdinando Bastianini propone una messa concerto nel giorno di Santa Cecilia.

“Dopo 38 anni di servizio come organista in Chiesa è proprio il caso di ringraziare Dio per la gioia di condividere con la gente la sublime emozione della preghiera con i suoni, questo il mio intento, come organista presso S. Maria della Verità in Viterbo, nel proporre In cordis armonia”.

Il maestro Ferdinando Bastianini propone, sabato 22 novembre, giorno dedicato a S. Cecilia, alle 18, una messa concerto celebrata dal parroco Elio Forti a S. Maria della Verità a Viterbo.

Durante la celebrazione verranno eseguite musiche per organo unitamente alla “Piccola orchestra leggera”, composta dai giovani (e meno giovani) della parrocchia, un gruppo che si mette spesso al servizio per riempire di allegre note le Funzioni liturgiche destinate soprattutto ai bambini dell’oratorio.

“Un abbraccio nella musica, un’occasione di felice condivisione”.

Riprendendo, infatti, la consuetudine di illustri musicisti del passato, come il flautista Gazelloni, che terminava i suoi concerti con arrangiamenti di brani dei Beatles, o l’organista Germani che, con la Cantata per Venezia del figlio Fabio, “ringiovaniva” il suo strumento accostandolo ai ritmi degli anni ’70, verranno proposti brani dove l’organo intreccia freschi dialoghi nel contesto di colonne sonore e musica attuale.

Oltre alla citata Cantata per Venezia si potrà ascoltare il celebre Canone di Pachelbel e Fratello Sole e Sorella Luna del fantastico Riz Ortolani.

“Non è la prima volta che mi diverto a proporre simili accostamenti – commenta il maestro -. Ricordo il mio disco Priere con arrangiamenti per soprano, sax e organo. Un momento, quello di sabato, dove la preghiera saprà unire ancora una volta vari idiomi nell’unico universale, affascinante linguaggio chiamato musica”.


Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]
  • Tweet [4]
  • [1]
  • [2]