--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Restano in carcere i quattro fratelli Giuseppe, Gavino, Giovanni e Salvatore Medde oltre a Mario Tatti e Bernardino Goddi - Domani la discussione al Riesame delle restanti tre posizioni

Inchiesta Mamuthones, solo in quattro ai domiciliari

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Operazione Mamuthones - Salvatore Medde

Operazione Mamuthones – Salvatore Medde 

Operazione Mamuthones - Giovanni Medde

Operazione Mamuthones – Giovanni Medde 

Operazione Mamuthones - Gavino Medde

Operazione Mamuthones – Gavino Medde 

Operazione Mamuthones - Giuseppe Medde

Operazione Mamuthones – Giuseppe Medde 

Operazione Mamuthones - Bernardino Goddi

Operazione Mamuthones – Bernardino Goddi 

Operazione Mamuthones - Mario Tatti

Operazione Mamuthones – Mario Tatti 

Operazione Mamuthones - Claudio Liberati

Operazione Mamuthones – Claudio Liberati 

Operazione Mamuthones - Gavino Goddi

Operazione Mamuthones – Gavino Goddi 

Operazione Mamuthones - Francesco Benito Salaris

Operazione Mamuthones – Francesco Benito Salaris 

Operazione Mamuthones - Gian Mauro Contena

Operazione Mamuthones – Gian Mauro Contena 

Viterbo – Inchiesta Mamuthones, solo in quattro ai domiciliari (fotocronaca – slide – video).

E’ arrivata ieri la decisione del Riesame per il primo gruppo di arrestati nell’inchiesta Mamuthones, dopo che i legali avevano impugnato l’ordinanza di custodia cautelare del gip di Viterbo Franca Marinelli.

Per ora si conoscono le sorti di dieci dei tredici uomini, quasi tutti di origini sarde, che erano finiti in manette nell’operazione dei carabinieri. Le altre tre posizioni verranno invece discusse domani.

Alla “banda” che, secondo l’accusa, avrebbe seminato un clima di terrore in gran parte della bassa Tuscia, vengono contestati a vario titolo reati molto gravi: associazione a delinquere, estorsione, ricettazione, stalking, rapina. Una serie di episodi accaduti nel corso di un anno e mezzo, all’apparenza slegati tra loro, ma che per gli inquirenti sono strettamente connessi e che hanno fatto scattare le manette ai tredici uomini all’alba del 3 novembre scorso, nella cosiddetta operazione Mamuthones.

Di quei tredici, secondo quanto deciso dal tribunale del Riesame restano in carcere i quattro fratelli Medde (Giuseppe, Gavino, Giovanni e Salvatore), anche se nei confronti di Salvatore è stato annullato un capo di imputazione che riguardava una presunta estorsione a un suo ex datore di lavoro.

Nel penitenziario di Mammagialla rimangono anche Bernardino Goddi e Mario Tatti, mentre sono stati concessi i domiciliari a Claudio Liberati, Gavino Goddi, Gian Mauro Contena e Francesco Benito Salaris. A quest’ultimo è stato anche annullata l’accusa di detenzione di un fucile, mentre resta in piedi quella relativa a una pistola.

Non decade, però, né per Salvatore, né per Gavino Medde e nemmeno per Mario Tatti l’accusa forse più pesante: quella di associazione a delinquere. Reato contestato anche a Pier Paolo Mulas, la cui posizione però sarà discussa domani insieme a quella di Massimo Pietrelli. Giovedì prossimo udienza al Riesame per Salvatorangelo Spiga.


fotocronaca – slide – video

 

ArticoliIl gip: “Emerge l’indole mafiosa dei sodali… – Carabinieri a caccia dell’arsenale di armi – Incendi, nel mirino anche un autosalone  –  “A quello gli bruciamo il fieno adesso” – “Fermati sennò ti sparo…” – Lo licenzia e trova il capannone bruciato – Una lingua d’animale sul cancello dei “traditori”…  – Salvatore Medde: “Qui comandiamo noi” – Operazione Mamuthones, gli arrestati non rispondono –  Vogliono il terreno, gli bruciano il fienile – Un terrore fatto di ritorsioni, stalking e sequestro di persona – Incendiavano aziende e auto per estorcere denaro


Condividi la notizia:
21 novembre, 2014

Operazione Mamuthones ... Gli articoli

  1. Definitiva la condanna a 8 anni di Pier Paolo Mulas
  2. Processo Mamuthones chiuso con un'assoluzione
  3. Rogo al fienile per ritorsione, assolto Gavino Goddi
  4. "Mai visto con una pistola"
  5. "Il fienile bruciato per ritorsione"
  6. Banda Mamuthones, dodici anni di carcere in due
  7. Salvatore e Gavino Medde, condannati a otto anni in due
  8. Operazione Mamuthones, al via il processo per associazione a delinquere
  9. Operazione Mamuthones, uno dei 13 condannato a 2 anni
  10. Salvatore e Gavino Medde ai domiciliari
  11. Gavino Goddi a giudizio da solo
  12. Inchiesta "Mamuthones", raffica di patteggiamenti
  13. "Fucile trovato grazie a Salvatore Medde"
  14. Sequestrato fucile nascosto in una legnaia
  15. Niente processo, i Medde scelgono il patteggiamento
  16. "Mamuthones", liberi Giovanni e Giuseppe Medde
  17. Operazione Mamuthones, giudizio immediato per 4 indagati
  18. Arresti domiciliari a Giuseppe e Giovanni Medde
  19. "Mamuthones", gli indagati trattano e la procura accelera
  20. Mamuthones, il più giovane ai domiciliari
  21. "Mamuthones", il Riesame prende tempo
  22. Il gip: "Emerge l'indole mafiosa dei sodali..."
  23. Carabinieri a caccia dell'arsenale di armi
  24. Inchiesta Mamuthones, indagati verso il Riesame
  25. Incendi, nel mirino anche un autosalone
  26. "A quello gli bruciamo il fieno adesso"
  27. "Fermati sennò ti sparo…"
  28. Lo licenzia e si ritrova il capannone bruciato
  29. Una lingua d'animale sul cancello dei "traditori"...
  30. Trovato gruppo elettrogeno in casa di uno degli arrestati
  31. Salvatore Medde: "Qui comandiamo noi"
  32. Operazione Mamuthones, gli arrestati non rispondono
  33. Vogliono il terreno, gli bruciano il fienile
  34. Un terrore fatto di ritorsioni, stalking e sequestri di persona
  35. Incendiavano aziende e auto per estorcere denaro
  36. Rapine, estorsioni, traffico di droga… 13 arresti
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR