--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Civita Castellana - Viaggio in treno per Alessandro Di Battista per arrivare all'appuntamento sul distretto ceramico a Fabrica: "Una linea ferroviaria drammatica"

“Sulla Roma – Viterbo treni lenti e sporchi”

Teverina-Buskers-560x60-sett-19

Condividi la notizia:

Alessandro Di Battista in treno con Ivan Della Valle e Fabio Massimo Castaldo

Alessandro Di Battista in treno con Ivan Della Valle e Fabio Massimo Castaldo

Civita Castellana – “Sulla Roma – Viterbo, treni lenti e sporchi”.

Alessandro Di Battista, deputato del Movimento 5 stelle, civitonico d’origine, per arrivare a a Fabrica di Roma all’incontro di questo pomeriggio in località Quartaccio ha scelto di prendere il treno, constatando di persona qualcosa che probabilmente già sapeva e che centinaia di pendolari conoscono alla perfezione.

Vagoni vecchi, sporchi, su una linea lentissima.

Nell’avventuroso viaggio ha coinvolto anche Ivan Della Valle, deputato della commissione Attività produttive e Fabio Massimo Cataldo, parlamentare europeo, anche loro diretti all’incontro per chiedere al governo di sostenere il distretto di Civita Castellana.

Chissà se i suoi due colleghi lo ringrazieranno per l’esperienza di viaggio.

“Stiamo andando a Civita Castellana – scrive Di Battista – ho proposto ai miei colleghi di andare a Civita in treno, con la drammatica ferrovia Roma -Viterbo.

Solo prendendo questi treni lenti e sporchi ti rendi conto della follia dei nostri governi. Vogliono buttare decine di miliardi di euro nel Tav, quando abbiamo treni vecchi di sessant’anni”.


Condividi la notizia:
3 novembre, 2014

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR