--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Clima teso fuori dal tribunale - Giornalisti denigrati e insultati - Il gip ha tempo fino a domattina per decidere sulla convalida dell'arresto e sulle richieste del pm

Sprangate allo stadio, gli indagati non rispondono

Condividi la notizia:

Tribunale di Viterbo - Raid allo stadio - Gli arrestati escono con gli avvocati

Tribunale di Viterbo – Raid allo stadio – Gli arrestati escono con l’avvocato Remigio Sicilia

Tribunale di Viterbo - Raid allo stadio - Gli arrestati escono con gli avvocati

Tribunale di Viterbo – Raid allo stadio – Gli arrestati escono con gli avvocati – In primo piano, Ervin Di Maulo

Tribunale di Viterbo - Diego Gaglini

Tribunale di Viterbo – Diego Gaglini

Tribunale di Viterbo - Raid allo stadio - Gli arrestati escono con gli avvocati

Tribunale di Viterbo – Raid allo stadio – L’uscita del tribunale

Ervin Di Maulo all'uscia del tribunale

Ervin Di Maulo all’uscita del tribunale

Viterbo – Nessuno ha parlato.

Si sono avvalsi tutti della facoltà di non rispondere i nove arrestati per il raid a sprangate allo stadio di Magliano Romano.

Resteranno ai domiciliari finché il gip di Viterbo Franca Marinelli non deciderà sulle loro posizioni. Ha tempo al massimo fino a domattina per valutare le richieste del pm Chiara Capezzuto. 

Oltre alla convalida dell’arresto, la procura chiede il carcere per Ervin Di Maulo, Diego Gaglini ed Edoardo Fanti; gli arresti domiciliari per Jacopo Magnani; l’obbligo di dimora a Viterbo per Alessio Reinkardt e l’obbligo di firma per Roberto Spolverini, Giovanni Lupidi, Leonardo Ercolani e Federico Miralli.

L’udienza, svoltasi a porte chiuse all’aula 1 del tribunale di Viterbo, è andata avanti per poco più di un’ora. Le difese si sono opposte sia alla convalida dell’arresto che alle misure chieste dall’accusa. 

Per il pm Capezzuto, i nove arrestati viterbesi sono tra la ventina di persone incappucciate che, domenica mattina, hanno preso a sprangate i tifosi dell’Ardita San Paolo di Roma. I carabinieri di Civita Castellana li hanno bloccati e sottoposti a controllo. Il fermo è scattato nella serata di domenica.

All’uscita del tribunale, il clima era teso (video). Di Maulo si è rivolto in particolare ai giornalisti di Tusciaweb, con un sorriso canzonatorio: “Ammazza le cazzate che scrivi”, ha detto alla cronista che lo riprendeva, suscitando l’ilarità degli altri e minacciando “una grande querela: ci dà un sacco di soldi, ci fa rimpinguare il fondo cassa”. Qualcuno ha chiesto ai giornalisti se non avessero “un po’ di ritegno”. Tra i genitori presenti, c’è chi si è messo addirittura a filmare i cronisti mentre scattavano foto, insinuando che non potessero farlo. Mentre la madre di un indagato ha cercato di impedire a una giornalista di riprendere l’uscita dal tribunale, dandole un colpo sul braccio, col rischio di far cadere la fotocamera. “Siete proprio dei bastardi!”, ha continuato allontanandosi, con gli gli altri che davano ai cronisti degli “sciacalli”. 

Per i difensori, non ci sono gli estremi né per la convalida dell’arresto, né per le misure cautelari. “Il gruppo è stato fermato a chilometri di distanza dallo stadio – afferma l’avvocato Remigio Sicilia -. Non ci sono stati inseguimenti. Non c’è flagranza di reato. In macchina sono stati trovati dei passamontagna, ma siamo in grado di dimostrare che gli oggetti rinvenuti appartengono a terze persone. L’accusa, peraltro, sostiene che l’occorrente per il raid sia stato gettato nei campi e non nascosto in macchina. E anche sulle macchine c’è molto da dire: i poliziotti e i carabinieri presenti hanno detto di aver visto gli aggressori incappucciati dentro lo stadio. All’uscita hanno visto semplicemente i miei assistiti vicino alle macchine, a volto scoperto e in atteggiamento del tutto normale. Non scappavano, né sembravano nervosi, com’è lecito pensare per qualcuno che si è appena macchiato di un’aggressione”.

L’avvocato Sicilia ha anche specificato che la differenziazione nelle richieste del pm “non rispecchia i vari ruoli ricoperti nel raid allo stadio: il fatto stesso che gli aggressori fossero incappucciati rende difficile l’identificazione. Il pm ha fatto richieste diverse in base ai precedenti penali. Tra gli indagati, la maggior parte risulta incensurata. Qualcuno, invece, ha condanne passate in giudicato o patteggiate. Fatti in qualche caso molto vecchi”. 

L’unico indagato, oltre che per lesioni, anche per la violazione del Daspo è il 32enne Di Maulo. Il più grande del gruppo. Tuttora sottoposto a divieto di accedere a manifestazioni sportive per la presunta aggressione ai giocatori della Viterbese a marzo. Ma anche sulla sua posizione, l’avvocato spiega che “nessuno può dire di averlo visto entrare allo stadio, contravvenendo al provvedimento”.

Al gip, la decisione. Dopodiché, il fascicolo sarà trasmesso alla procura di Tivoli per competenza territoriale.


Video: L’avvocato Sicilia: “Non c’è flagranza di reato” – Giornalisti denigrati e insultati

– Chiesto il carcere per Gaglini, Di Maulo e Fanti di Stefania Moretti


Condividi la notizia:
19 novembre, 2014

Raid allo stadio, fermati nove viterbesi ... Gli articoli

  1. "Volto coperto e bastoni in mano, erano cattivi"
  2. Bastonate allo stadio, condanne definitive per Di Maulo e Gaglini
  3. Agguato allo stadio, il terzo processo entra nel vivo
  4. Sprangate allo stadio, quattro condanne
  5. Porto abusivo d'armi, al via il processo
  6. Raid allo stadio, Di Maulo resta ai domiciliari
  7. Bastonate allo stadio, confermate le condanne
  8. Spedizione punitiva allo stadio, via al processo bis
  9. Sprangate allo stadio, tutti a giudizio
  10. Sprangate ai tifosi, libero dopo 15 mesi ai domiciliari
  11. Sprangate ai tifosi, salta l'udienza preliminare
  12. "Violenza efferata e organizzata"
  13. Spedizione punitiva allo stadio, via all'udienza preliminare
  14. Sprangate allo stadio, quattro pesanti condanne
  15. Bastonate allo stadio, chiesti fino a 5 anni e mezzo
  16. Raid a bastonate, in quattro chiedono il rito abbreviato
  17. "Una spedizione punitiva premeditata"
  18. Bastonate allo stadio, chiuse le indagini
  19. Raid a sprangate allo stadio, domiciliari a Di Maulo
  20. Raid a bastonate, Diego Gaglini ai domiciliari
  21. Raid allo stadio, Fanti ai domiciliari
  22. Bastonate allo stadio, Fanti ricorre al Riesame
  23. "Siamo più forti di voi, maledette carogne!"
  24. "Ervin Dieghino Conte Jacopetto liberi!"
  25. CasaPound in piazza per Di Maulo, Gaglini e Fanti
  26. Gaglini, Fanti e Di Maulo restano in carcere
  27. Sprangate allo stadio, i giudici ci pensano
  28. Raid a sprangate, il giorno del Riesame
  29. Raid a sprangate, venerdì la parola al Riesame
  30. Sprangate allo stadio: uno ai domiciliari, gli altri liberi
  31. Raid allo stadio, la difesa: "Pronti al ricorso"
  32. Sprangate allo stadio, tre in carcere
  33. Chiesto il carcere per Gaglini, Di Maulo e Fanti
  34. Raid allo stadio con le spranghe, raffica di perquisizioni
  35. Minnucci (Pd): "Solidarietà all'Ardita, fatti gravi e preoccupanti"
  36. Raid allo stadio con spranghe e bastoni, nove arresti
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR