--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Inchiesta rifiuti Lazio - Il giornalista Daniele Castri del "Caffè" mostra il listone dei politici che potrebbero presto ricevere una chiamata a deporre in aula

Blob: “Fioroni, Michelini e Gigli testimoni della difesa Cerroni”

Condividi la notizia:

Leonardo Michelini

Leonardo Michelini

Giuseppe Fioroni

Giuseppe Fioroni

Rodolfo Gigli

Rodolfo Gigli

Il contenitore di "Blob" dedicato al processo Cerroni

Il contenitore di “Blob” dedicato al processo Cerroni, nella puntata del 23 novembre

Manlio Cerroni

Manlio Cerroni

Daniele Castri del giornale "Il Caffè" per "Blob"

Daniele Castri del giornale “Il Caffè” per “Blob”

La lista di testimoni esibita da Castri, durante la puntata di "Blob"

La lista di testimoni esibita da Castri, durante la puntata di “Blob”

La lista di testimoni esibita da Castri, durante la puntata di "Blob"

La lista di testimoni esibita da Castri, durante la puntata di “Blob”

La lista di testimoni esibita da Castri, durante la puntata di "Blob"

La lista di testimoni esibita da Castri, durante la puntata di “Blob”

La lista di testimoni esibita da Castri, durante la puntata di "Blob"

La lista di testimoni esibita da Castri, durante la puntata di “Blob”

La lista di testimoni esibita da Castri, durante la puntata di "Blob"

La lista di testimoni esibita da Castri, durante la puntata di “Blob”

Viterbo – Viterbesi eccellenti nella lista testi di Manlio Cerroni.

I nomi di Giuseppe Fioroni, Leonardo Michelini e Nando Gigli sono andati in onda domenica sera su Blob su RaiTre (video – La puntata di Blob di domenica). Indicati come possibili testimoni nel processo su un presunto traffico di rifiuti nel Lazio.

Carte alla mano, il giornalista Daniele Castri del “Caffè” ha esibito un documento che ha tutta l’aria di essere la lista testi della difesa Cerroni. L’avvocato 86enne, patron del consorzio Colari che gestisce Malagrotta, è a giudizio davanti al tribunale di Roma per reati gravissimi. Castri li riepiloga per il pubblico di Blob: “Associazione a delinquere, truffa aggravata, traffico e interramento illegale di rifiuti, reati ambientali, sovraffatturazione di più di undici milioni di euro nei confronti di dieci comuni dei Castelli romani e del litorale laziale”.

A processo con Cerroni ci sono l’ex presidente della Regione Lazio Bruno Landi, amministratore di Ecologia Viterbo, la società che gestisce la discarica viterbese di Casale Bussi. E poi Francesco Rando, amministratore unico di alcune imprese riconducibili a Cerroni; Piero Giovi, socio di imprese e storico collaboratore di Cerroni; Giuseppe Sicignano, già supervisore delle attività operative condotte presso gli impianti di Cecchina; Luca Fegatelli, ex dirigente dell’area rifiuti della Regione Lazio e Raniero De Filippis, responsabile del dipartimento del territorio della Regione Lazio.

E’ il giornalista del “Caffè” a sciorinare parte di quel lungo elenco di testi nella puntata di “Blob” del 23 novembre, in un apposito contenitore chiamato “ecofobia”. Tra le mani, Castri tiene la “lista di testimoni eccellenti che avranno il compito di difendere la bontà del sistema Cerroni”, come lui l’ha definita.

“Sei ex ministri – legge Daniele Castri -: Altero Matteoli, Edoardo Ronchi, Alfonso Pecoraro Scanio, Corrado Clini, Lorenzo Ornaghi. Sei ex presidenti della Regione: Francesco Storace, Piero Marrazzo, Piero Badaloni, Carlo Proietti, Giorgio Pasetto”. Nomina anche Nando Gigli che, però, non è visibile in video nella lunga lista. Contrariamente ai nomi di Leonardo Michelini e Giuseppe Fioroni che si notano perfettamente.

C’è da dire che è ancora presto perfino per le liste testi: il processo è fermo alle questioni preliminari. Non si è ancora arrivati all’ammissione delle prove e, quindi, dei documenti da includere nel fascicolo del dibattimento e dei testimoni da ascoltare. Solo a quel punto, salvo tagli operati dai giudici, le liste potranno essere acquisite. Ma non è ancora dato sapere se entreranno integralmente nel processo o subiranno modifiche.

Michelini, nel caso, verrebbe ascoltato in qualità di sindaco di Viterbo, così come i primi cittadini di Albano laziale e Guidonia Montecelio e gli ex sindaci di Roma Gianni Alemanno, Walter Veltroni e Francesco Rutelli.  Quanto a Fioroni, rapporti di semplice conoscenza con il re delle discariche – anche detto “Il Supremo” – erano emersi già in fase di indagine.

Vasta e complessa l’indagine dei carabinieri del Noe.

Le informative del Noe (Nucleo operativo ecologico) dei carabinieri illustrano la tentacolare rete di pubbliche relazioni intessuta da Cerroni per raggiungere i suoi obiettivi: “creare artificiosamente le condizioni per poter autorizzare la realizzazione e la successiva gestione di un impianto di gassificazione in Albano Laziale”. Per successiva gestione, si intende il procacciamento degli incentivi Cip6.

“Manlio operava in una modalità straordinariamente poliedrica – scrivono gli u0mini del Noe -. Da una parte si occupava di mantenere i contatti con gli espondenti regionali, sia amministrativi sia politici. Dall’altra curava i rapporti a livello nazionale per far sì che la normativa sui finanziamenti pubblici si spalmasse a dovere sull’impianto progettato. Infatti nel periodo investigato si susseguivano a breve distanza svariati strumenti normativi che regolavano in maniera differente, a volte opposta, la concessione dei fondi Cip6. In alcuni momenti l’impianto di gassificazione rischiava di non vedersi assegnati i finanziamenti. Per questo motivo Manlio curava particolarmente quest’aspetto intessendo contatti e relazioni con esponenti politici di livello nazionale quali, ad esempio Giuseppe Fioroni ed Ermete Realacci”.

Se e come le testimonianze viterbesi e degli altri politici potranno smontare l’impianto accusatorio contro Cerroni, si scoprirà solo alle prossime udienze. Non prima dei testi di accusa, parti civili ed esame degli imputati.


Condividi la notizia:
25 novembre, 2014

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR