Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Arriva l'ok del maestro Antonio Moretti a musicare il brano che ha eseguito al pianoforte definendolo melodico e penetrante

La banda di Vejano sulle note dell’inno di santa Rosa

di Pippi
Condividi la notizia:

Il maestro Antonio Moretti

Il maestro Antonio Moretti 

La banda di Vejano che precede la sfilata dei facchini di santa Rosa

La banda di Vejano che precede la sfilata dei facchini di santa Rosa

L'inno a Santa Rosa

L’inno a Santa Rosa 

L'inno a Santa Rosa

L’inno a Santa Rosa 

Viterbo – La banda di Vejano sulle note dell’inno di Santa Rosa.

Si è abituati a vederla sfilare per le vie di Viterbo il 3 settembre davanti ai Facchini ed eseguire quella marcetta che, dopo il trasporto di santa Rosa, si canticchia nella mente per giorni. Ora la banda potrebbe aggiungere un nuovo brano al repertorio musicale con il recente Inno realizzato prima del 1968 da padre Tarcisio Auda dell’ordine dei frati minori conventuali di San Francesco alla Rocca (ascolta l’inno di Santa Rosa – Cliccami).

“Ho analizzato il brano – dice il maestro Antonio Moretti – è molto melodico e si può adattare alla media banda. Un lavoro che penso di fare entro dicembre. Solo dopo si penserà alla registrazione. L’ho inserito nel programma musicale dopo averlo eseguito al pianoforte. Anche il testo è davvero bello. Ora bisogna vedere l’effetto che ne uscirà dall’esecuzione di tutti gli strumenti. E’ un brano semplice ma con un suono davvero penetrante. Ero al pranzo sociale dei facchini quando ne sono venuto a conoscenza e subito mi sono subito attivato. Finito il lavoro parleremo con il presidente del Sodalizio Massimo Mecarini per eseguirlo in pubblico alla prima occasione utile”.

Il ritrovamento del pezzo è stato fatto casualmente da Silvio Cappelli, all’interno di un fascicolo di vecchie carte destinate al macero.

Testo e musica sono scritti. Ora tocca alla banda metterci la magia del suono.

“La banda di Vejano è composta da 98 elementi ed è stata fondata nel 1906 dal maestro Pietro Moretti. Ha sempre svolto la sua attività senza fermarsi, nemmeno durante la guerra. Negli anni si sono succeduti diversi maestri e io sono l’ultimo. La dirigo dal 1992.

Il legame con la macchina di santa Rosa nasce nel 1994, quando vincemmo un concorso indetto dall’associazione Salvagente. Col Sodalizio dei Facchini è iniziato un rapporto di amicizia e io ho ripreso la marcetta della sera del tre settembre, rielaborandola da un 45 giri che mi era stato regalato – conclude il maestro Moretti -. Ne è nato il brano che oggi tutti conosciamo”.

Pippi


L’inno a S. Rosa verrà eseguito in pubblico per la prima volta sabato 13 dicembre nella basilica di san Francesco a Viterbo nel corso dell’iniziativa in ricordo di Padre Giovanni Auda

PROGRAMMA DELLA GIORNATA DI SABATO 13 DICEMBRE

Ore 17 –  Solenne concelebrazione presieduta da monsignor Lino Fumagalli, vescovo di Viterbo

A seguire:

Illustrazione storico-artistica della Basilica

(prof. dr. Alessandro Marcoaldi).

Padre Giovanni Auda, un grande francescano, un testimone di un grande Amore

(padre Vittorio Trani, Ministro Provinciale OFM Conv).

Inaugurazione della Riproduzione della pala d’altare “La Pietà” di Sebastiano Del Piombo

che, per l’occasione, torna definitivamente nella sua sede originaria all’interno della Basilica di San Francesco. Evento realizzato dal quotidiano on-line Tusciaweb in collaborazione con Associazione culturale Take Off, Sodalizio Facchini di Santa Rosa e Tipografia Grazini & Mecarini (presentazione di Carlo Galeotti).

Esecuzione in anteprima dell’Inno a S. Rosa di Padre Tarcisio Auda 

(voce solista Luisa Stella, al pianoforte il M° Fabrizio Viti e Ensemble vocale “Il contrappunto” diretta da Fabrizio Bastianini che ha anche trascritto l’inno per coro polifonico) a cura delle associazioni “Orizzonte degli eventi”, “Take Off” e Sodalizio Facchini di Santa Rosa (saluti dei presidenti Fabrizio Viti, Silvio Cappelli e Massimo Mecarini).


Articoli: Mecarini: “Una melodia incantevole, perché non farne un cd?”  Un dolcissimo inno a santa Rosa strappato all’oblio… di Silvio Cappelli

–  Cliccami per ascoltare l’inno di Santa Rosa cantato da Luisa Stella accompagnata dal maestro Fabrizio Viti

 


Condividi la notizia:
11 dicembre, 2014

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR