Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Raid allo stadio - Fiaccolata - Duro attacco di CasaPound all'operato di giornalisti, forze dell'ordine e magistratura alla fine della manifestazione di solidarietà con i militanti agli arresti Ervin Di Maulo, Diego Gaglini, Edoardo Fanti e Jacopo Magnani

“Siamo più forti di voi, maledette carogne!”

di Carlo Galeotti
Condividi la notizia:

Viterbo - La fiaccolata di CasaPound di solidarietà con "Ervin, Dighino, Conte e Jacopetto"

Viterbo – La fiaccolata di CasaPound di solidarietà con “Ervin, Dieghino, Conte e Jacopetto”

Viterbo - La fiaccolata di CasaPound di solidarietà con "Ervin, Dighino, Conte e Jacopetto"

Viterbo – La fiaccolata di CasaPound di solidarietà con “Ervin, Dieghino, Conte e Jacopetto” 

Viterbo - La fiaccolata di CasaPound di solidarietà con "Ervin, Dighino, Conte e Jacopetto"

Viterbo – La fiaccolata di CasaPound di solidarietà con “Ervin, Dieghino, Conte e Jacopetto” 

Viterbo - La fiaccolata di CasaPound di solidarietà con "Ervin, Dighino, Conte e Jacopetto"

Viterbo – La fiaccolata di CasaPound di solidarietà con “Ervin, Dieghino, Conte e Jacopetto” 

Viterbo - La fiaccolata di CasaPound di solidarietà con "Ervin, Dighino, Conte e Jacopetto"

Viterbo – La fiaccolata di CasaPound di solidarietà con “Ervin, Dieghino, Conte e Jacopetto” 

Viterbo - La fiaccolata di CasaPound di solidarietà con "Ervin, Dighino, Conte e Jacopetto"

Viterbo – La fiaccolata di CasaPound di solidarietà con “Ervin, Dieghino, Conte e Jacopetto” 

Viterbo - La fiaccolata di CasaPound di solidarietà con "Ervin, Dighino, Conte e Jacopetto"

Viterbo – La fiaccolata di CasaPound di solidarietà con “Ervin, Dieghino, Conte e Jacopetto” 

Viterbo - La fiaccolata di CasaPound di solidarietà con "Ervin, Dighino, Conte e Jacopetto"

Viterbo – La fiaccolata di CasaPound di solidarietà con “Ervin, Dieghino, Conte e Jacopetto” 

Viterbo - La fiaccolata di CasaPound di solidarietà con "Ervin, Dighino, Conte e Jacopetto"

Viterbo – La fiaccolata di CasaPound di solidarietà con “Ervin, Dieghino, Conte e Jacopetto” 

Viterbo - La fiaccolata di CasaPound di solidarietà con "Ervin, Dighino, Conte e Jacopetto"

Viterbo – La fiaccolata di CasaPound di solidarietà con “Ervin, Dieghino, Conte e Jacopetto” 

Viterbo – “Ricordatevi siamo più forti di voi, maledette carogne!”. Si chiude con una frase ingiuriosa e minacciosa quella che fino a poco prima era stata una manifestazione silenziosa e apparentemente mite (video – fotocronaca – slide).

Ieri sera, proprio nel giorno di Natale, oltre 200 militanti di CasaPound hanno voluto dare vita a una manifestazione di solidarietà con Ervin Di Maulo, Diego Gaglini, Edoardo Fanti e Jacopo Magnani. Tutti sottoposti a misure restrittive, i primi tre in carcere e il quarto ai domiciliari, per i gravissimi fatti di Magliano Romano. Il 16 novembre, va ricordato, una ventina di persone, incappucciate e armate di bastoni, sono entrate nello stadio di Magliano Romano, mentre era in corso la partita con l’Ardita San Paolo. Ed hanno aggredito i tifosi dell’Ardita. In sette sono rimasti feriti. L’aggressione sarebbe, secondo gli inquirenti, dovuta a rivalità politico – sportive.

Ieri sera, i militanti di CasaPound, in una piazza del teatro presidiata da uomini della Digos, della  Finanza, carabinieri e polizia locale, hanno chiesto di far cessare le misure cautelari per i quattro, chiedendo di liberarli subito. Cosa ovviamente, impossibile finché non si pronuncerà la Cassazione sul ricorso presentato dall’avvocato Remigio Sicilia.

La manifestazione era iniziata intorno alle 18, quando i militanti di CasaPound si sono schierati in formazione e hanno srotolato un grande striscione lungo una decina di metri con la scritta “Più forti di voi… Ervin Dieghino Conte Jacopetto liberi!”. Con il simbolo di CasaPound.

Dopo un po’ l’accensione delle fiaccole e la conquista di una parte di piazza del teatro.

Fino a verso la fine, la manifestazione si è mantenuta militarmente composta e silenziosa. Poi l’intervento di uno dei capi del movimento, che non ha mancato di prendersela con “i giornalisti da tastiera” e con “loschi figuri” che avrebbero già condannato i quattro che si trovano agli arresti, per ragioni cautelari.

Subito dopo un durissimo attacco all’operato di inquirenti e magistratura.

“Ervin, Diego, Conte e Jacopetto devono essere liberati subito – è stato gridato con il megafono -.Tutti voi avete passato il vostro Natale con le vostre famiglie, loro invece l’hanno passato dietro le sbarre o agli arresti domiciliari. Rinchiusi in quattro ingrate mura. Senza un processo. Questo accanimento è ingiustificato. Non lo possiamo tollerare. Questa è la nostra risposta. Questa è la nostra dimostrazione per i nostri fratelli. Ricordatevi! Siamo più forti di voi, maledette carogne!”.

Come dire una pressante richiesta di libertà, per persone di cui era stata ribadita l’innocenza in precedenza. Con la conseguente esistenza di una sorta di complotto che vedrebbe coinvolti forze dell’ordine e ampi pezzi della magistratura, non solo inquirente.

“Siamo qui per Ervin, Dieghito, Conte e Jacopetto che sono momentaneamente privi della loro libertà – è stato spiegato non senza l’apoditticità del caso -. Siamo qua per ribadire la loro innocenza. Alziamo tutte le fiaccole al cielo. Facciamo vedere che noi non abbandoniamo i nostri fratelli. Che noi saremo qua nonostante molte persone, loschi figuri, giornalisti da tastiera, li abbiano già condannati. Noi siamo qua a dire che loro sono innocenti. Siamo qua per dimostrare che noi non li abbandoniamo e non li abbandoneremo mai. Siamo qua per ribadire questo messaggio”.

Dopo l’intervento finale, la manifestazione si è sciolta, il tutto senza incidenti.

Carlo Galeotti


Condividi la notizia:
26 dicembre, 2014

Raid allo stadio, fermati nove viterbesi ... Gli articoli

  1. "Volto coperto e bastoni in mano, erano cattivi"
  2. Bastonate allo stadio, condanne definitive per Di Maulo e Gaglini
  3. Agguato allo stadio, il terzo processo entra nel vivo
  4. Sprangate allo stadio, quattro condanne
  5. Porto abusivo d'armi, al via il processo
  6. Raid allo stadio, Di Maulo resta ai domiciliari
  7. Bastonate allo stadio, confermate le condanne
  8. Spedizione punitiva allo stadio, via al processo bis
  9. Sprangate allo stadio, tutti a giudizio
  10. Sprangate ai tifosi, libero dopo 15 mesi ai domiciliari
  11. Sprangate ai tifosi, salta l'udienza preliminare
  12. "Violenza efferata e organizzata"
  13. Spedizione punitiva allo stadio, via all'udienza preliminare
  14. Sprangate allo stadio, quattro pesanti condanne
  15. Bastonate allo stadio, chiesti fino a 5 anni e mezzo
  16. Raid a bastonate, in quattro chiedono il rito abbreviato
  17. "Una spedizione punitiva premeditata"
  18. Bastonate allo stadio, chiuse le indagini
  19. Raid a sprangate allo stadio, domiciliari a Di Maulo
  20. Raid a bastonate, Diego Gaglini ai domiciliari
  21. Raid allo stadio, Fanti ai domiciliari
  22. Bastonate allo stadio, Fanti ricorre al Riesame
  23. "Ervin Dieghino Conte Jacopetto liberi!"
  24. CasaPound in piazza per Di Maulo, Gaglini e Fanti
  25. Gaglini, Fanti e Di Maulo restano in carcere
  26. Sprangate allo stadio, i giudici ci pensano
  27. Raid a sprangate, il giorno del Riesame
  28. Raid a sprangate, venerdì la parola al Riesame
  29. Sprangate allo stadio: uno ai domiciliari, gli altri liberi
  30. Raid allo stadio, la difesa: "Pronti al ricorso"
  31. Sprangate allo stadio, tre in carcere
  32. Sprangate allo stadio, gli indagati non rispondono
  33. Chiesto il carcere per Gaglini, Di Maulo e Fanti
  34. Raid allo stadio con le spranghe, raffica di perquisizioni
  35. Minnucci (Pd): "Solidarietà all'Ardita, fatti gravi e preoccupanti"
  36. Raid allo stadio con spranghe e bastoni, nove arresti
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR