--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - La "giunta Michelini" attacca l'opposizione

“Che squallore la conferenza stampa dei quattro amici al bar”

Condividi la notizia:

La giunta Michelini

La giunta Michelini 

Viterbo –  Riceviamo una strana nota firmata “giunta Michelini”. L’email da cui è stata spedita sembra credibile e allora la pubblichiamo.

Come dire che c’è sempre tempo per vedere cose mai viste… Ingenuamente pensavamo che fosse il sindaco a parlare a nome di una giunta. Oppure il vicesindaco. Ma evidentemente questo è un tempo di bizzarrie. Parla direttamente l’ente metafisico “giunta Michelini”. Ovviamente un sindaco che sia consapevole del suo ruolo dovrebbe prendere le dovute misure per iniziative strane come questa. Un sindaco, appunto.

Ora godetevi questa novità.

Lupo Solitario


–  Ma quattro amici al bar non era una canzone di Gino Paoli?

“Che squallore, che bassezza”, verrebbe da esclamare a seguito della conferenza stampa dei quattro amici al bar, leggi anche opposizione di palazzo dei Priori di ieri.

Essere tacciati di aver gettato una città nell’assoluto abbandono e di aver creato tutti i presupposti per il suo declino, a distanza di un anno e mezzo dal nostro insediamento, significa non conoscere vergogna. Dove erano questi signori quando hanno consentito una espansione edilizia della città a macchia d’olio autorizzando la realizzazione di numerosi centri commerciali nelle immediate vicinanze delle mura così da mettere a repentaglio il futuro dei commercianti del centro storico?

Si chiedono cosa faccia il nostro sindaco durante il giorno, riteniamo la risposta assolutamente elementare probabilmente fa quello che qualcuno di quella compagine non fa: lavora, ovviamente da sindaco non perdendo tempo dietro a perdigiorno ne a critiche talmente banali da non meritare risposta.

Leggiamo che qualcuno dell’opposizione avrebbe preferito essere informato prima della decisione di avocare a se le deleghe al fine di irrobustire la squadra di governo di palazzo dei Priori. Ci dispiace per loro ma il sindaco Michelini a differenza del suo predecessore non ha equilibri politici di partito o di corrente a cui sottostare, né è prono a ricatti o condizionamenti di alcun genere. E diciamoci la verità, probabilmente il suo netto successo elettorale è stato dovuto anche e sopratutto a questa sua libertà che rivendica ogni giorno e che resterà la sua carta vincente.

Per quanto riguarda le lotte interne consigliamo ai quattro amici al bar di pensare alle proprie a quelle attuali e a quelle che li ha portati ad essere quello che sono oggi o che non sono più come dir si voglia. Esempi di questo clima di mancata collegialità non mancano, bilanci bocciati dalla stessa maggioranza Marini che per quanto ne sappiamo non hanno precedenti nella storia di palazzo dei Priori, il buco di Esattorie di cui nessuno era a conoscenza tanto che il sindaco Michelini è stato informato “per primo” il giorno del suo insediamento ad opera dei tecnici del comune. Anche questo era un assoluto segreto da custodire gelosamente. E si potrebbe continuare…

Veniamo alle opere pubbliche dove i nostri amici arrivano alla totale mistificazione dei fatti. Un esempio è il teatro dell’Unione che diciamoci la verità. La passata amministrazione voleva venisse rimosso anche dalla memoria collettiva della città. Ebbene il suo completamento sarà possibile entro l’estate prossima grazie alla determinazione e l’impegno dell’amministrazione Michelini e del presidente Zingaretti. Altro esempio positivo della nostra gestione è la riapertura del museo civico della città tenuto chiuso (anche qui si voleva evidentemente rimuoverlo dalla memoria collettiva) con la giustificazione o meglio la scusa di una necessità di spesa di 2,5 milioni di euro. Spiegateci perché la nostra amministrazione lo ha riaperto spendendo 25mila euro. Il destino cinico e baro ha colpito ancora?

Falsità anche su Ferento su cui incombe una convezione sottoscritta dall’amministrazione Marini che ha di fatto complicato la normale apertura del sito. Per fortuna a gennaio la convenzione scadrà ed allora, grazie a qualche associazione, alla sovrintendenza ed alla proprietà sarà possibile garantirne in maniera continuativa la fruizione. Nonostante tutto ciò la scorsa primavera quasi 1000 studenti delle scuole dell’obbligo lo hanno potuto visitare grazie a noi. Poi continuano con le falsità su ribasso plus, bando della macchina di S.Rosa ma stendiamo un velo pietoso sulle critiche mosse che sanno molto di gufate o peggio di strali di iattura pura che facendo i dovuti scongiuri ci invogliano ad andare avanti ancora meglio, più determinati di prima, certi che il tempo ci darà ragione.

Giunta Michelini


Condividi la notizia:
1 dicembre, 2014

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR