--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Grotte di Castro - Profonda tristezza nella basilica di san Giovanni al funerale della 29enne che si è tolta la vita

“Cristina è nelle mani di Dio”

Condividi la notizia:

Cristina Cappelloni

Cristina Cappelloni 

Grotte di Castro - I funerali di Cristina Cappelloni

Grotte di Castro – I funerali di Cristina Cappelloni

Grotte di Castro - I funerali di Cristina Cappelloni

Grotte di Castro – I funerali di Cristina Cappelloni

Grotte di Castro - I funerali di Cristina Cappelloni

Grotte di Castro – I funerali di Cristina Cappelloni

Grotte di Castro - I funerali di Cristina Cappelloni

Grotte di Castro – I funerali di Cristina Cappelloni

Grotte di Castro - I funerali di Cristina Cappelloni

Grotte di Castro – I funerali di Cristina Cappelloni

Grotte di Castro - I funerali di Cristina Cappelloni

Grotte di Castro – I funerali di Cristina Cappelloni

Grotte di Castro - I funerali di Cristina Cappelloni

Grotte di Castro – I funerali di Cristina Cappelloni

Grotte di Castro - I funerali di Cristina Cappelloni

Grotte di Castro – I funerali di Cristina Cappelloni

Grotte di Castro – “Cristina è nelle mani di Dio” (fotocronacaslide – video).

Sguardi bassi, occhiali grandi e scuri e occhi gonfi di lacrime per chi era al funerale di Cristina Cappelloni, la giovane di 29 anni che lunedì mattina si è uccisa con un colpo di pistola alla tempia. In pochi secondi la sua giovane vita si è spezzata e il suo sorriso, impresso nella mente di tanti, si è spento. Una delusione d’amore avrebbe messo fine alla sua esistenza portandola a premere il grilletto.

Un intero paese ha partecipato alla cerimonia nella basilica di san Giovanni a Grotte di Castro. C’erano famigliari, amici, conoscenti e chi semplicemente l’aveva incrociata per le vie del paese. In tutti era grande lo sconforto e l’incredulità per una fine così tragica.

La bara di Cristina era ai piedi dell’altare coperta da un enorme cuscino di fiori bianchi. A officiare la messa, don Tancredi.

“In questo momento – ha detto il parroco – la cosa più importante che possiamo fare per Cristina è offrire il nostro sacrificio che serve a confortare i nostri cari e a darci la possibilità di arrivare in paradiso. Stringiamoci con affetto alla famiglia perché è importante far sentire loro che non sono soli e che c’è tutto un popolo e un paese che condivide con questa sofferenza.

Preghiamo insieme per Cristina, perché le nostre parole non andranno a vuoto. Niente ci potrà dividere dall’amore di Cristo che ci aiuterà ad affrontare i problemi quotidiani della vita. E’ un amore fedele e, con questa certezza, affidiamo Cristina al Signore perché l’accolga tra le sue braccia. La misericordia di Dio è più forte della nostra miseria. Noi siamo fragili e deboli, ma per lui siamo preziosi ed è per questo che ha dato la sua vita. Dio è un padre che ci ama sempre anche quando gli voltiamo le spalle e prendere le nostre strade per camminare per conto nostro.

La fede ci dice che chi muore continua un’altra esistenza. Un ‘esistenza che è senza fine – ha concluso il sacerdote -. Ai nostri occhi sembra che tutto è finito, ma Cristina è nelle mani di Dio che accoglierà la sua anima, perché trovi la pace eterna”.


Articoli: Oggi l’addio a Cristina CappelloniSi è uccisa per una delusione d’amoreRagazza di 29 anni enne si uccide con un colpo di pistola


Condividi la notizia:
15 gennaio, 2015

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR