--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Montalto di Castro - Lo ha deciso il tribunale del riesame

Estorsione a sfondo sessuale, revocati i domiciliari per la ragazza

Condividi la notizia:

Montalto di Castro

Montalto di Castro 

Montalto di Castro – Estorsione ai danni di un pensionato di Montalto, annullata la custodia cautelare ai domiciliari per la ragazza di 21 anni.

Il tribunale del riesame ha revocato l’ordinanza di arresto ai domiciliari di una ragazza rumena che è accusata di aver estorto denaro a un anziano con la complicità del marito 25enne e di un cittadino di Montalto di 40 anni.

La giovane sarebbe stata usata come “esca” per raggiri a sfondo sessuale ai danni di un 76enne di Montalto, i due uomini si sarebbero presentati dall’anziano per chiedergli 6mila euro per comprare il loro silenzio sulla vicenda a luci rosse. I due uomini sono finiti in carcere.

I giudici del riesame hanno ora dato accolto il ricorso dell’avvocato della ragazza, Marzia Sbragaglia, secondo il quale sarebbe stato l’anziano a molestarla.

“La 21enne è stata violentata – ha spiegato qualche giorno fa l’avvocato Sbragaglia -. Gli arresti per estorsione sono il seguito di una denuncia per violenza sessuale che la giovane aveva sporto a maggio”. Il 13 maggio la ragazza, non potendo contare sul marito che non era in casa, ha chiesto un passaggio a un amico di famiglia, il 76enne, che l’avrebbe portata in aperta campagna per abusare di lei. Palpeggiata e minacciata, è andata al pronto soccorso e ha sporto denuncia. Denuncia che, adesso, giace inerte in procura e che, probabilmente, si avvierà a una richiesta di archiviazione, dato che il pm di Civitavecchia Valentina Zavatto ha ipotizzato anche la simulazione di reato a carico della 21enne. In poche parole, per gli inquirenti non c’è stata nessuna violenza. Per la difesa, nessuna estorsione.

La difesa della ragazza ha portato a sostegno della propria tesi davanti al riesame una serie di prove tra cui referti medici del pronto soccorso di Tarquinia a cui la ragazza, all’epoca incinta di 4 mesi, si era rivolta accusando il 76enne di averla violentata.

In pratica si contrappongono due versioni diamentralmente opposte sulle quali i giudici, prima o poi, dovranno fare chiarezza.


Articoli: “Ma quale estorsione? E’ stata violentata” – Estorsione a sfondo sessuale su anziani, tre in manette


Condividi la notizia:
31 gennaio, 2015

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR