--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Sabato 24 gennaio alle 11 nella Sala del Cenacolo presso la basilica S. Maria Liberatrice

L’Ucsi festeggia San Francesco di Sales

Condividi la notizia:

Chiesa della Trinità

Chiesa della Trinità

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – L’Unione cattolica stampa italiana (Ucsi) celebra San Francesco di Sales patrono dei giornalisti nel giorno della sua memoria liturgica, sabato 24 gennaio.

Nell’ambito della “Settimana di preghiera per la Unità dei Cristiani” la sezione Ucsi di Viterbo ha voluto solennizzare questa festa con una tavola rotonda sul “Dialogo ecumenico” in sinergia con l’Ufficio delle comunicazioni sociali della diocesi, delle Acli e di altre associazioni.

La giornata si svolgerà a Viterbo presso la Basilica di S. Maria Liberatrice (Chiesa della SS. Trinità) iniziando alle 10 con la messa dei giornalisti cattolici presieduta da Lino Fumagalli vescovo di Viterbo.

Alle 11, nella locale Sala del Cenacolo inizierà la tavola rotonda con gli interventi di: Raffaele Luise (presidente UcsiLazio) su “Papa Francesco ed i fratelli separati”; Marco Gnavi (assistente della comunità di S. Egidio) su: “Prospettive della unità fra i cristiani oggi” ; Giovanni Boggio (professore di Sacra Scrittura) su: ”Contrasti edificanti nella Bibbia” ; Valdo Bertalot (Chiesa Valdese) su: “Aspetti del Movimento ecumenico”; conclude Maria Brutti su: “Dialogo ebraico-cristiano”.

Nel pomeriggio verranno illustrate le opere d’ arte della basilica e del chiostro, e un giro turistico per la Viterbo Sotterranea.

Don Emanuele Germani

 


Condividi la notizia:
22 gennaio, 2015

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR