Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Il caso del dentista scomparso - Gianfranco Fiorita racconta tutta la sua verità e si prepara al contrattacco: "Denuncerò chi mi ha chiesto il pizzo e chi ha approfittato della mia assenza per fare il furbo"

“Sono scappato per salvarmi dalla morsa dell’estorsione”

di Francesca Buzzi

Condividi la notizia:

[DTDinfo id=”adsenseinterno”]

Il dentista Gianfranco Fiorita

Il dentista Gianfranco Fiorita

Il dentista Gianfranco Fiorita

Il dentista Gianfranco Fiorita

Il dentista Gianfranco Fiorita con il suo avvocato Roberto Alabiso

Il dentista Gianfranco Fiorita con il suo avvocato Roberto Alabiso

Il dentista Gianfranco Fiorita

Il dentista Gianfranco Fiorita

Il dentista Gianfranco Fiorita

Il dentista Gianfranco Fiorita

L'avvocato Roberto Alabiso

L’avvocato Roberto Alabiso

Gianfranco Fiorita con l'avvocato Alabiso

Gianfranco Fiorita con l’avvocato Alabiso

Il dentista Gianfranco Fiorita mostra le foto di suoi vecchi impegni professionali

Il dentista Gianfranco Fiorita mostra le foto di suoi vecchi impegni professionali

[DTDinfo id=”Inibisci_CopiaContenuto”]Viterbo – “Non sono un mostro, né uno sfruttatore o tantomeno un ladro. Ero stretto nella morsa dell’estorsione e sono scappato per salvare me e i miei cari”.

Gianfranco Fiorita, il dentista che nell’ottobre del 2010, di punto in bianco, sparì da Viterbo e fece perdere ogni sua traccia, esce allo scoperto e racconta tutta la sua verità.

Con un voluminoso pacchetto di documenti, foto e atti ufficiali alla mano, affiancato dal suo avvocato Roberto Alabiso, il professionista accusato di appropriazione indebita si è messo a nudo in un lungo colloquio con la stampa di più di un’ora e mezza.

“Sono stato descritto come un mostro che sfruttava le persone – esordisce senza mezzi termini Fiorita -. E invece punterò all’assoluzione dell’accusa che pende sul mio capo perché il fatto non sussiste. Il gip mi contesta un’appropriazione indebita di 492mila euro, come se io fossi partito con una valigetta carica di denaro come accade nei film americani. E invece ho preso un aereo a Fiumicino con soli 720 euro in tasca e ho vissuto mesi e mesi nella più totale povertà e disperazione”.

Il dentista viterbese, secondo l’accusa del pm Stefano D’Arma, sarebbe partito il 14 ottobre del 2010 con un bottino d’oro, 660mila euro (i 492mila contestati nell’ordinanza del gip più altre somme emerse in seguito), lasciando pazienti da curare, soci e stagisti per scappare in sud America senza un preciso motivo. Da quel momento più nessuno ha avuto sue notizie fino al primo settembre del 2014 quando di sua spontanea volontà atterrò di nuovo a Fiumicino nonostante su di lui pendesse un mandato di cattura.

Qui ha trovato la polizia ad attenderlo che lo ha portato dritto in carcere a Mammagialla, dove dopo 58 giorni di prigionia e dieci di domiciliari, è tornato ora completamente libero e impaziente di dire la sua al giudice che dirige il processo a suo carico. Ma l’udienza dello scorso 8 gennaio è saltata e lui non ha voluto resistere fino ad aprile per raccontare, almeno in parte, la sua versione della storia.

“Ero minacciato ormai da anni a fine estorsivo – racconta il dentista -. Dal 2007, appena fondata la Dental Action, la società tramite la quale volevo fornire un capillare servizio di odontoiatria all’avanguardia a livello nazionale e internazionale, ho iniziato a ricevere richieste di denaro e pressioni. Per un lungo periodo ho versato a un aguzzino sudamericano 1200 dollari al mese. Poi a lui si sono aggiunte altre due persone italiane che pretendevano soldi, dietro la minaccia di ritorsioni contro di me e contro i miei familiari”.

Una pressione che Gianfranco Fiorita pare non riuscisse più a sopportare. Al punto di decidere di scappare.

“Erano persone molto vicine a me – continua -. Sapevano la data esatta della morte di mia madre. Conoscevano ogni mio movimento. E  io avevo paura. E’ per questo che ad ottobre del 2010 ho preso il primo volo per Barcellona, invece di quello per la Bolivia dove avevo organizzato un corso professionale. Sono rimasto un po’ in Spagna e poi mi sono diretto in Colombia. Intanto continuavo a ricevere una serie di email minatorie ed estorsive che sono continuate fino ad aprile del 2011”.

Nel frattempo in Italia tutti si chiedevano dove fosse finito il professionista. E gli inquirenti cominciavano a indagare su una sua possibile fuga premeditata e organizzata.

“Il gip dopo quattro mesi dalla mia partenza – prosegue – ancora non sapeva dove stavo. Dicevano forse in Bolivia oppure in una destinazione ignota. Perché la polizia non mi è venuta a cercare? Non sarebbe stato così difficile chiedere i documenti alla polizia aerea. Gli inquirenti sono subito partiti dal presupposto che avessi una “evidente capacità a delinquere ai danni di persone in stato di bisogno finanziario e sanitario” come scrive il gip. Invece ero in grave difficoltà e temevo per la mia famiglia”.

E ora Gianfranco Fiorita è pronto al contrattacco.

“Abbiamo già presentato una denuncia alla guardia di finanza – spiega l’avvocato Roberto Alabiso – per dimostrare le pressioni che il dottore riceveva. Ma non solo. C’è anche un esposto pronto per chi, secondo noi, ha fornito false testimonianze al giudice Eugenio Turco. Tante, troppe persone hanno cavalcato l’onda della scomparsa di Fiorita per costituirsi parte civile anche non avendone il diritto. Almeno 29 persone non ne hanno alcuna prerogativa”.

Al dentista del Pilastro, poi, non va giù il fatto che lo studio dentistico, anzi i due studi della Dental Action, sono stati chiusi appena tre giorni dopo la sua partenza.

“Tra i miei soci c’erano due odontoiatri – dice Fiorita -. Avevamo 90mila euro da incassare e un conto in attivo con 9mila euro al quale potevano tranquillamente accedere. Perché non lo hanno fatto? E, soprattutto, dove sono finite le attrezzature delle quali erano forniti gli studi? Al mio ritorno non ho trovato più nulla, nemmeno il mio curriculum con le certificazioni ufficiali ottenuti in anni e anni di lavoro. Nei 492mila euro che mi contesta il gip non si prendono in considerazione le spese di almeno 23 o 24mila euro al mese che sostenevo per stipendi e quant’altro. Non solo le entrate erano a nome mio, anche le uscite”.

Insomma, quella che Fiorita vuole far emergere, è una figura del tutto diversa da quella che a suo dire è stata costruita in questi quattro anni.

“Sono una persona per bene – ci tiene a sottolineare -. Ho fatto volontariato e beneficenza in posti in cui c’è estrema povertà. Ho avuto sempre una grande passione per il mio lavoro e per le persone meno fortunate. Collaboravo con onlus e ospedali pediatrici. Finanziavo adozioni a distanza e centri di recupero per bambine violentate e sfruttate. La mia fuga è stata dettata solo dalla paura. Non ho mai denunciato le estorsioni subite perché non mi fidavo degli investigatori. Ho solo lasciato un messaggio a mia sorella chiedendole di non cercarmi e sono scappato. Tutto qui”.

Nel frattempo gli estorsori si sono allontanati e pian piano avrebbero smesso di pressare il dentista.

“Dal 2011 sono spariti perché ovviamente non ero più appetibile – continua Fiorita -. Ora è arrivato il momento di denunciare tutto. Non ho più paura perché ora non sanno più dove e come vivo. Non ho più nulla e quel poco che sto facendo da un punto di vista lavorativo sono costretto a farlo di nascosto, lontano da Viterbo. Presto arriverà in Italia dal Paraguay anche la mia compagna con i nostri due figli. Sto cercando di ricostruire la mia vita, ma non è semplice. Ora chi ha le sue responsabilità dovrà pagare e io dimostrerò di essere una vittima”.

Ma il lungo racconto di oggi di Gianfranco Fiorita si preannuncia essere solo la prima puntata di una lunga storia ancora tutta da scrivere. Il dentista non esclude infatti di fornire altre novità e maggiori dettagli sulla sua versione dei fatti in attesa del prossimo 2 aprile quando finalmente “vuoterà il sacco” di fronte al giudice.

“Avrò bisogno di diverse ore – conclude -. Carte alla mano spiegherò in tribunale tutto quello che c’è da spiegare. Poi vedremo se sarò io quello che dovrà risarcire qualcuno o se saranno alcune persone a dover risarcire me”.

Francesca Buzzi


Condividi la notizia:
19 gennaio, 2015

Il caso del dentista scomparso ... Gli articoli

  1. Gianfranco Fiorita radiato definitivamente dall'albo dei dentisti
  2. Dalla fuga in Paraguay alla condanna, un decennio sul filo del rasoio per il dentista Fiorita
  3. Scappò in Sudamerica coi soldi, 2 anni e 3 mesi al dentista Gianfranco Fiorita
  4. Dentista scappato in sudamerica, per la difesa non fu appropriazione indebita
  5. Dentista scappato col malloppo, l'accusa chiede un anno e dieci mesi
  6. "Il giorno che saltò la sentenza, Fiorita stava per essere operato al cuore"
  7. Fiorita pronto a denunciare le vittime...
  8. I dentisti: "Fiorita ci abbandonò a Santa Cruz..."
  9. "Fiorita ci ha rovinato"
  10. "Migliaia di euro a Fiorita, poi è scappato..."
  11. Dentista ex latitante, a maggio riparte il processo
  12. Processo Fiorita, tutto da rifare
  13. Il processo al dentista Fiorita riparte da zero
  14. Gianfranco Fiorita in ospedale
  15. E' di nuovo Fiorita-show
  16. Gianfranco Fiorita a settembre di fronte al giudice
  17. Interrogatorio di fronte al giudice per Gianfranco Fiorita
  18. "Ho lasciato una clinica in attivo con 100mila euro da incassare"
  19. "Gli ex soci di Fiorita sono stati corretti e in buona fede"
  20. Fiorita al contrattacco: "Io vittima dei miei ex soci"
  21. La verità di Fiorita può attendere
  22. Revocati i domiciliari a Fiorita
  23. Fiorita, il Riesame si riserva sulla scarcerazione
  24. Gianfranco Fiorita ai domiciliari
  25. Minacce all'avvocato di Fiorita
  26. Fiorita al Riesame per chiedere la libertà
  27. Fiorita all'attacco di ex soci e inquirenti
  28. Svuotato lo studio di Fiorita
  29. Dentista arrestato, no alla scarcerazione
  30. "Fiorita non ha un posto dove andare"
  31. Fiorita resta a Mammagialla
  32. "Un gesto importante per dimostrare la volontà di collaborare"
  33. "Chiederò che Fiorita sia rimesso in libertà"
  34. Fiorita arrestato in aeroporto
  35. Il dentista latitante torna in Italia
  36. "Fiorita mi teneva all'oscuro di alcuni incassi"
  37. "Solo senza misura cautelare Fiorita potrebbe tornare in Italia"
  38. Sequestrati i beni del dentista latitante
  39. "Fiorita si dimentica dei danni morali..."
  40. "Risarcirò chi ne ha diritto, non i furbetti di quartiere..."
  41. Fiorita arrestato in Paraguay, presto il rimpatrio
  42. Il latitante Fiorita non risponde alle email, l'avvocato: "Sono preoccupato"
  43. Maxisconto a chi si serviva delle finanziarie
  44. Seimila euro di attrezzature utilizzate e mai pagate
  45. "Io non so nemmeno se mio fratello è vivo o morto"
  46. Dentista latitante, ascoltati 14 testimoni
  47. Dentista latitante, riprende il processo
  48. Dentista latitante, in 49 chiedono i danni
  49. Dentista latitante, inizia il processo
  50. Appropriazione indebita, Fiorita a giudizio
  51. Dentista scomparso, chiuse le indagini
  52. Fiorita torna a farsi vivo
  53. Fiorita non ha preso voli diretti
  54. "Io vittima di Fiorita voglio giustizia"
  55. Fiorita raccoglieva fondi per un ospedale

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR