Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Tre ore a rispondere alle domande di avvocati e magistrati

Soldi “per mandare in vacanza i politici”, Ciucciarelli si difende

Condividi la notizia:

Il processo Cev

Il processo Cev

L'ingegnere Claudio Ciucciarelli

L’ingegnere Claudio Ciucciarelli

L'imprenditore Claudio Londero

L’imprenditore Claudio Londero

Viterbo – Tre ore a discutere in aula. Tre appalti sotto la lente di accusa e difesa.

E’ andato avanti così il mastodontico processo Cev: 26 imputati per reati contro la pubblica amministrazione. Nel mirino, i servizi appaltati alla società Cev, partecipata del comune, e risubappaltati a un selezionatissimo consorzio di imprese. 

La scena, ancora una volta, è tutta di Claudio Ciucciarelli, ingegnere ed ex presidente di Federimprese Viterbo, a giudizio per concussione e turbativa d’asta. La prima accusa riguarda l’appalto per installare pannelli fotovoltaici su tre edifici comunali. La seconda perché, in qualità di numero uno di Federimprese, avrebbe messo una buona parola con Talete per dare un appalto a un’azienda iscritta proprio a Federimprese. I suoi avvocati Carlo Taormina e Fausto Barili la chiamano “operazione Talete”; lui non sa nemmeno di quale appalto parlano: “Me lo disse il pm il nome dell’impresa vincitrice. Io non ne avevo idea”.

Ciucciarelli, in realtà, appioppa l'”operazione Talete” all’altro imputato Luigi Todaro. ‘Abogado’. Ossia: iscritto all’ordine degli avvocati di Roma, ma laureato e abilitato in Spagna e, soprattutto, accusato della stessa turbativa d’asta.

Secondo Ciucciarelli, Todaro si sarebbe occupato di tutto: dalla raccolta delle offerte per partecipare al bando, agli appuntamenti con gli imprenditori al bar Light.

L’ingegnere si discolpa anche dalla concussione nell’appalto per i pannelli fotovoltaici, affidato al Cev e in cui Ciucciarelli era direttore dei lavori.

In quel caso, l’accusa sarebbe aver spinto il subappaltatore Claudio Londero a farsi saldare una fattura fasulla dalla Isofoton Srl – fornitrice dei pannelli fotovoltaici – per 32mila euro. I soldi se li sarebbe presi lo stesso Ciucciarelli, a detta degli inquirenti: almeno una parte del denaro sarebbe servita per “far andare in vacanza i politici”, secondo il capo di imputazione formulato dai pm Paola Conti e Franco Pacifici. Ma per Ciucciarelli non c’è ombra di dubbio che i soldi li abbia presi Londero per i lavori che aveva fatto: “32mila euro è una bella cifra – commenta -. Da quell’appalto ci ha guadagnato”.

Per il subappalto, secondo Ciucciarelli, Londero prese sui 25mila euro, fatture per altri 25mila euro circa – “50mila euro era il minimo per non rimetterci” – più la fattura incriminata da 32mila euro. La consegna dei soldi a Ciucciarelli, per l’accusa, sarebbe avvenuta in un bar del centro di Viterbo. “Non sono un frequentatore di bar – taglia corto l’ingegnere – e il bar di cui parla Londero non esiste”.

Dell’ultimo appalto per i lavori alla piscina Larus di Viterbo, Ciucciarelli non risponde penalmente. Ma per Londero fu un bagno di sangue: sentito in aula, raccontò di aver avuto vita impossibile al cantiere, con l’ingegnere coordinatore della sicurezza che lo rimbeccava su ogni inezia. E mentre la ditta Londero perdeva 20mila euro al mese, Ciucciarelli si faceva fare i lavori a casa dai suoi operai. L’ingegnere smentisce: “Ho pagato tutto io. Londero mi prestò solo un operaio a titolo di cortesia, ma non volle essere pagato. Sui lavori alla piscina, non è colpa mia se ha fatto il passo più lungo della gamba, praticando sconti impossibili e spendendo più di quanto ha incassato”. 

Il tribunale accelera. Sempre ieri, i giudici hanno dato una pesante sforbiciata alle liste testi delle difese. Nel fascicolo del processo confluiranno i verbali di interrogatorio degli imputati che non si sono sottoposti a esame. Ma l’accusa non potrà ascoltare in aula gli imputati usciti dal processo per prescrizione. A marzo, via ai testimoni delle difese. Ai suoi, l’ex sindaco di Viterbo Giancarlo Gabbianelli, imputato, ha rinunciato.


Condividi la notizia:
21 gennaio, 2015

Cev ... Gli articoli

  1. Processo Cev, ricorso della procura contro l'assoluzione di Claudio Ciucciarelli
  2. Processo Cev, Claudio Ciucciarelli assolto con formula piena
  3. Caso della piscina comunale, è il giorno dell'unico imputato rimasto
  4. Processo Cev, rimane solo un imputato
  5. Processo Cev, Giancarlo Gabbianelli: "Accetto la prescrizione"
  6. Rotelli e Arena testimoni d'accusa contro l'ex sindaco Gabbianelli...
  7. "Cantiere per la piscina, mai visti contrasti tra Londero e Ciucciarelli"
  8. "Il presidente Moretti non si è mai interessato all'appalto"
  9. Crack Cev, corsa contro il tempo per la sentenza
  10. "No all'affidamento di lavori ai soci privati senza gara"
  11. Processo Cev, alla sbarra restano in sette
  12. No alla sentenza subito per Gabbianelli
  13. Processo Cev, per Gabbianelli sarà sentenza subito?
  14. Gabbianelli: "No alla prescrizione, si vada a sentenza"
  15. Processo Cev, parola ai testimoni delle difese
  16. Trenta accuse prescritte, quel che resta del Cev
  17. Processo Cev, battaglia sui testimoni
  18. "Nessuna cena con i politici di An"
  19. Processo Cev, tocca alle difese
  20. Cev, il comune batte cassa ma gli imputati fanno ricorso
  21. Gabbianelli si difende per più di quattro ore
  22. Fatture false al Cev, prosciolti in quattro
  23. "Costretto ad andare a cena coi politici di An"
  24. "Duemila euro per mandare in vacanza i politici"
  25. Balducci non aveva precisi obblighi di controllo
  26. "Una sentenza che mi ha restituito il sorriso"
  27. Cev, assolto Armando Balducci
  28. "C'abbiamo in azione il macchinario che fa i coriandoli..."
  29. "Trasferiti perché davamo fastidio"
  30. Crack Cev, parlano i dirigenti comunali
  31. Un buco tra i due e i tre milioni di euro sulle spalle del Comune
  32. "Lavoravamo per la città"
  33. C'era una volta il crack Cev...
  34. Processo Cev, via all'ascolto dei testimoni
  35. Gabbianelli: "Rinuncio alla prescrizione per tutti i reati"
  36. Fuori dal processo: Rotelli, Arena, Muroni, Fracassini, Tofani e Zucchi
  37. Scandalo Cev, centinaia di testimoni
  38. Processo Cev, slitta l'udienza
  39. Cev e Comune parti civili
  40. Muroni e Zucchi non fanno un passo indietro
  41. Scandalo Cev, parte il processo
  42. Cev, il Comune si costituirà parte civile
  43. Muroni condannato a pagare 190mila euro
  44. Dimettersi? E perché mai...
  45. "Valuteremo se costituirci parte civile"
  46. Bartoletti: Il comune si costituisca parte civile
  47. Il comune si costituisca parte civile e gli assessori si dimettano
  48. Cev, in 34 a processo
  49. Solo fango, e ingiuste e preannunciate decisioni...
  50. Cev, Gabbianelli & Co. rinviati a giudizio
  51. Cev, si decide sul rinvio a giudizio
  52. Cev, parlano le difese
  53. Cev, salta l'udienza
  54. Cev, si decide sul rinvio a giudizio
  55. "E' tutto regolare"
  56. Inchiesta Cev, tocca alle difese
  57. Cev, chiesto il rinvio a giudizio per Gabbianelli e gli altri indagati
  58. Cev, una notifica fa saltare l'udienza
  59. Sentenza Cev, tutti pronti a fare ricorso
  60. Gabbianelli attacca magistratura e Finanza
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR