--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - La piccola aveva 7 anni - Gli abusi avvenuti nella stanza accanto, durante un pranzo di una confraternita religiosa

Violenta bimba mentre guarda i cartoni, condannato a 4 anni

Condividi la notizia:

Fabio Zampaglione e Mario Procenesi

Il capo della squadra mobile Fabio Zampaglione e il sostituto commissario Mario Procenesi

La polizia sul posto

Polizia

Viterbo – (s.m.) – Fu arrestato nel 2012 per aver violentato una bimba di 7 anni che guardava i cartoni animati.

Il tribunale di Viterbo ha condannato G.L.D.R. a quattro anni e due mesi per quel palpeggiamento sul divano, mentre nell’altra stanza era in corso il pranzo di una confraternita religiosa.

L’uomo, 49 anni, romano ma residente nel Viterbese è stato condannato ieri dopo il processo con rito abbreviato.

Una vicenda che si trascinava da tre anni. E’ il 14 gennaio 2012 quando la mamma della piccola sporge denuncia in Questura: la bambina le aveva parlato di un adulto, membro della confraternita viterbese, che aveva allungato le mani mentre stava guardando la tv sul divano.

Nessun testimone. Solo il racconto della piccola, ritenuta attendibile dallo psichiatra durante l’incidente probatorio. Sulle prime, la bambina viene ascoltata in audizione protetta dagli agenti della squadra mobile di Fabio Zampaglione, sezione specializzata in reati su minori coordinata dal sostituto commissario Mario Procenesi. 

La polizia redige una dettagliata informativa, inoltrata alla procura. L’ordinanza d’arresto è del gip Francesco Rigato, chiesta dal pm titolare delle indagini, Fabrizio Tucci. I domiciliari scattano tre mesi dopo i fatti, ad aprile.

L’accusa ha chiesto la condanna a quattro anni. La difesa, invece, invocava l’attenuante della lieve entità del fatto, oltre a quella del buon comportamento processuale dell’imputato. Ma su G.L.D.R. pesavano precedenti specifici impossibili da ignorare: già alla fine degli anni Novanta era stato condannato sempre a quattro anni per un altro abuso sessuale su minore, con interdizione per cinque anni dai pubblici uffici. Aveva scontato la fine della pena agli arresti domiciliari presso una fondazione religiosa, prima di avvicinarsi alla congregazione viterbese.

Un episodio analogo risalirebbe al 2008. Quattro anni prima dell’ultimo della bambina di 7 anni che, per fortuna, non avrebbe riportato forti traumi psicologici.


Articoli: Bimba di 7 anni violentata mentre guarda i cartoni di Stefania Moretti – Abusi sessuali su bimba di 7 anni


Condividi la notizia:
3 febbraio, 2015

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR