--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - L'ex comandante di Tuscania Massimo Cuneo agli arresti domiciliari per peculato e rivelazione di segreti d'ufficio

“Soffiate” prima dei controlli

Condividi la notizia:

Il capitano Massimo Cuneo, comandante della compagnia di Tuscania

Il capitano Massimo Cuneo, ex comandante della compagnia di Tuscania

Guardia di finanza

Guardia di finanza

Viterbo – (s.m.) – Controlli pilotati. Una telefonata al destinatario e la perquisizione andava a buon fine. A buon fine per il perquisito.

Consisterebbe in questo la rivelazione di segreti d’ufficio contestata all’ex comandante dei carabinieri di Tuscania Massimo Cuneo, agli arresti domiciliari da ieri. 

Finanzieri e carabinieri sono andati a prenderlo in tarda mattinata. Arresto che arriva al culmine di un’indagine portata avanti da più di un anno dai finanzieri del nucleo di polizia tributaria, sotto la guida del sostituto procuratore Paola Conti.

Cuneo ha lasciato da luglio il comando della compagnia carabinieri di Tuscania. Da sette mesi era in servizio al ministero delle Politiche agricole a Roma.

Le rivelazioni di segreto d’ufficio riguarderebbero tanto il suo vecchio incarico quanto quello nuovo. Diversi gli episodi in contestazione. In tutti si tratterebbe di “soffiate” agli interessati dal controllo che, essendo preventivamente informati, avevano tempo e modo di farsi trovare pronti per una visita delle forze dell’ordine. 

Uno di questi controlli andati a buon fine sarebbe finito anche su un quotidiano locale poco prima di Natale. L’articolo parlava di un blitz dei militari del dicastero dell’Agricoltura in un caseificio a Canino. Mozzarelle di bufala fuorilegge? Niente affatto. Nessuna irregolarità. Ma è possibile che qualcuno avesse fatto un fischio ai titolari, prima di andare a bussare in azienda.

Il peculato riguarderebbe, invece, un utilizzo improprio della macchina di servizio da parte del capitano. Viaggi non a fini propriamente istituzionali, né inerenti il lavoro.

Cuneo non sarebbe l’unico al centro dell’inchiesta del pm Paola Conti. Nel registro degli indagati sarebbero finiti almeno altri due nomi. Il capitano è comunque l’unico per cui è scattata la misura cautelare, disposta dal gip del tribunale di Viterbo Franca Marinelli. 

Entro dieci giorni sarà interrogato dallo stesso gip.


Articoli: Il carabiniere arrestato è Massimo Cuneo – Arrestato ufficiale dei carabinieri


Condividi la notizia:
12 febbraio, 2015

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR