Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Correva l'anno 1998 - Il neopresidente della Repubblica accanto a un Fioroni con meno capelli bianchi

Un giovane Mattarella alla presentazione del libro di Ciprini

Condividi la notizia:

Mattarella e Fioroni alla presentazione del libro di Gianfranco Ciprini

Mattarella e Fioroni alla presentazione del libro di Gianfranco Ciprini – Clicca sulle foto per ingrandire

Mattarella alla presentazione del libro di Gianfranco Ciprini

Mattarella alla presentazione del libro di Gianfranco Ciprini

Viterbo – Un giovane Mattarella e un ancor più giovane Fioroni alla presentazione di un libro viterbese.

Era il dicembre 1998. Gianfranco Ciprini illustra il suo volume “L’università de’ macellari e la Venerabile Compagnia della santissima Madonna della Cerqua di Roma”.

Il neoeletto presidente della Repubblica, all’epoca, è vicepremier di Massimo D’Alema. In una vecchia foto, spunta insieme al deputato Giuseppe Fioroni – eletto due anni prima proprio con la legge Mattarella – e a Mario Francesco Pompedda, poi cardinale e prefetto del supremo tribunale della signatura apostolica.

Il libro racconta la storia della chiesa a due passi da piazza Farnese, davanti a Palazzo Spada, sede del Consiglio di Stato, in una piazza chiamata piazza della Quercia e della confraternita che la amministra. Una sorta di riepilogo complessivo di 500 anni di storia, una summa storico – artistica.

La chiesa è intitolata dal 1526 alla Madonna della Quercia, derivando dalla basilica di Santa Maria della Quercia di Viterbo.

Una chiesa piccola ma piena di storia e con contributi artistici di assoluto valore. La confraternita de’ Macellari è stata ed è tuttora una parte importante del tessuto associazionistico della città di Roma, espressione di fede popolare e autentica. 

€ŽNella storia fra i vari cappellani della confraternita spicca Giovanni Maria Mastai Ferretti, poi pontefice con il nome di Pio IX. Oggi la confraternita opera come onlus, fornendo aiuto e assistenza ai bisognosi della città di Roma.

Il legame con la chiesa di Viterbo è, come dicono oggi i confratelli, “quello di una filiale con la casa madre”, essendo stata storicamente portata la devozione da Viterbo a Roma proprio dai tanti macellari che si trasferivano nella capitale per il commercio di carni.

Gianfranco Ciprini, cavaliere della Repubblica per meriti culturali, ha scritto numerosi libri sulla madonna della Quercia e la devozione per tale immagine in italia.

Fra i tanti si ricorda “Gli ex voto della Madonna della Quercia di Viterbo”, scritto nel 1992 insieme al professor Carosi (viterbese, padre del giudice alla corte costituzionale Aldo Carosi, vicino di banco di Mattarella essendo stati nominati insieme) €Žrichiesto e a oggi conservato presso il Dipartimento di Arti Grafiche del museo del Louvre di Parigi.


Condividi la notizia:
2 febbraio, 2015

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR