Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Dal 2 marzo viaggio didattico nella provincia per 25 partecipanti al master dell’Università di Scienze gastronomiche di Slow Food

Esperti di cibo e comunicazione in tour nella Tuscia

Condividi la notizia:

Viterbo - Palazzo Papale

Viterbo – Palazzo Papale

Viterbo – L’Università di Scienze gastronomiche di Pollenzo, fondata da Slow Food e considerata a livello internazionale tra le più qualificate del settore, ha scelto la Tuscia per far vivere un’esperienza sul campo ai partecipanti al suo master in “Cultura dell’alimentazione e comunicazione: rappresentazione, luoghi e identità”.

A partire da lunedì 2 marzo, per quattro giorni, i 25 partecipanti al master, provenienti da ogni parte del mondo, prenderanno parte a un viaggio didattico nella provincia di Viterbo, per incontrare produttori e conoscere le loro storie, scoprire eccellenze enogastronomiche in degustazioni guidate, conoscere luoghi incatevoli e paesaggi inediti in quello che è considerato uno tra i territori italiani dove più elevata è la biodiversità.

Olio, vino, fomaggi, birre artigianali, pesce di lago, salumi, legumi, nocciole: sono solo alcuni dei prodotti della Tuscia protagonisti del tour enogastronomico programmato e che certamente lasceranno un segno indelebile nella memoria dei partecipanti.

“Siamo orgogliosi di accogliere nel nostro territorio – dice Angelo Proietti Palombi, presidente di Slow Food Viterbo –  un gruppo così qualificato di persone che operano nell’ambito della comunicazione. La Tuscia è senza dubbio il luogo ideale, tutto da scoprire, per saggiare sul campo quanto appreso nel corso del master. Dopo aver ospitato due anni fa Carlo Petrini, e lo scorso anno il consiglio nazionale di Slow Food ora un’altra interessante opportunità di far conoscere il nostro territorio e le sue produzioni”.

Il master in “Cultura dell’alimentazione e comunicazione: rappresentazione, luoghi e identità” esplora le relazioni tra cibo, luoghi e identità dal punto di vista della food policy, geografia, turismo, storia e memoria, fino alle produzioni culturali che vanno dal cinema alla letteratura. Il corso prevede lo studio delle complessità delle politiche alimentari e della produzione, dal locale al globale, e si focalizza sulla storia e la cultura italiana quale spunto per far luce sul legame tra cibo e luoghi.


Condividi la notizia:
1 marzo, 2015

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR