- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

Processo Cev, battaglia sui testimoni

Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]

Avvocati in aula per il processo Cev [3]

Avvocati in aula per il processo Cev

L'ex dirigente comunale del settore Bilancio Maurizio Guerrini [4]

L’ex dirigente comunale del settore Bilancio Maurizio Guerrini, imputato

I pm Franco Pacifici e Paola Conti [5]

I pm Franco Pacifici e Paola Conti

L'avvocato Cesare Gai [6]

L’avvocato Cesare Gai, difensore di Guerrini insieme a Fausto Barili

Viterbo – E’ già un maxiprocesso, ma potrebbe allungarsi ancora.

Sulla vicenda Cev la battaglia si sposta sul terreno dei testimoni.

Il collegio presieduto da Maurizio Pacioni aveva imposto limiti invalicabili: ai pm Paola Conti e Franco Pacifici, due sole testimonianze per dimostrare l’associazione a delinquere per 17 imputati su 26. Cuore del processo, i servizi appaltati alla società Cev, partecipata del comune, e risubappaltati a un selezionatissimo consorzio di imprese.

Ieri, colpo di scena: la procura ha chiesto al tribunale di tornare sui suoi passi. Precisamente, sull’ordinanza di due mesi fa che respingeva la richiesta di dichiarare la prescrizione per tutti gli imputati rimasti “appesi al processo”, ma per reati clinicamente morti.

In sostanza, i magistrati chiedono di dichiarare la prescrizione. Non senza rammarico: “Le richieste di rinvio a giudizio sono del 2009, per reati di un anno, un anno e mezzo prima – ha detto Pacifici in aula -. Per l’udienza preliminare ci sono voluti due anni. Sei per arrivare appena a metà processo. Ma dichiarare la prescrizione è un dovere”.

Se la richiesta fosse accolta e la sentenza di prescrizione definitiva, i pm chiamerebbero sul banco dei testimoni i vecchi imputati, per raccogliere altre prove sull’associazione a delinquere. Ma gli avvocati non restano a guardare. 

“Noi ci siamo difesi come abbiamo potuto – ha replicato Cesare Gai, legale dell’ex dirigente Maurizio Guerrini -. Abbiamo accettato di veder sfoltite tutte le nostre liste di testimoni. Abbiamo mutilato le nostre richieste. Ci aspettiamo che, nel caso il tribunale torni sui suoi passi, si dia la possibilità anche a noi di aumentare il numero dei testimoni”.

I giudici hanno preso tempo. Ieri, parola alla difesa, con le prime cinque persone chiamate a deporre dagli avvocati di Maurizio Guerrini e Giuseppe Quatrini. Il primo è stato dirigente del settore Ragioneria del comune di Viterbo.

L’attenzione si è focalizzata sugli esordi di Cev, Robur e Francigena, le partecipate del comune per la gestione dei servizi di pubblica utilità. “Un riassetto generale richiesto tanto dalla finanziaria del 2001, quanto dagli input della Comunità europea”, secondo il giovane consulente della difesa di Guerrini, Alessandro Frajoli, avvocato e docente universitario. Al progetto di riorganizzazione dei servizi, curato dall’ex direttore generale del comune di Pesaro Giovanni Rubini, sarebbe seguita un’istruttoria articolata e poi il parere di Guerrini.

Il processo continua ad aprile.


Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]
  • Tweet [7]
  • [1]
  • [2]