Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Il caso del dentista scomparso - Gianfranco Fiorita racconta la sua versione al giudice in un'ora di dichiarazioni spontanee

“Ho lasciato una clinica in attivo con 100mila euro da incassare”

di Francesca Buzzi

Condividi la notizia:

Il dentista Gianfranco Fiorita

Il dentista Gianfranco Fiorita 

L'avvocato Roberto Alabiso

L’avvocato Roberto Alabiso 

Un'aula di tribunale

Un’aula di tribunale 

Viterbo – “Ho lasciato una clinica in attivo con pazienti e molti soldi da incassare”.

Gianfranco Fiorita, il dentista scappato il 14 ottobre del 2010 e tornato solo dopo quasi quattro anni a Viterbo, dice la sua in tribunale dove dal 2012 è imputato in un processo per appropriazione indebita. A testa alta e con pacco di documenti sotto braccio ha spiegato punto per punto la sua versione, in più di un’ora di monologo.

Il contenuto della lunga dichiarazione spontanea del professionista è stato, sostanzialmente, lo stesso di quanto già anticipato in una conferenza stampa nello studio del suo avvocato Roberto Alabiso lo scorso 10 febbraio. Ora, però, tutto rimane a verbale ed entra a far parte degli atti a disposizione del giudice.

“Finalmente ho la possibilità di parlare – ha esordito Fiorita . Sono tornato a Viterbo proprio per fare chiarezza. Nell’ottobre del 2010 mi sono allontanato perché ero vittima di pressioni estorsive. Come posso dimostrare producendo il testo delle mail che ho ricevuto, c’era una persona che diceva di avere sotto controllo tutti i miei spostamenti e mi stava alle calcagna affinché pagassi somme profumate. Ero braccato. Assurdo, invece, che la polizia che indagava su di me non aveva la minima idea di dove fossi. Eppure sarebbe bastato così poco a scoprirlo…”

Il dentista, secondo la sua versione, non avrebbe pianificato alcuna fuga. Ma, al contrario, sarebbe stato costretto a scappare. Di corsa.

“Ho comprato il primo volo per Barcellona a Fiumicino lo stesso giorno che sono partito – continua – avevo in tasca poco più di 700 euro, altro che i 620mila che la procura di accusa di aver portato via. Dopo qualche giorno in Spagna sono partito per la Bolivia e infine per il Paraguay dove sono rimasto per tutto questo tempo insieme alla mia compagna e ai miei due figli minorenni”.

Nessuna vita da nababbo, nessun viaggio di piacere, nessuna ricchezza.

“Ho vissuto mesi e mesi di indigenza – prosegue Fiorita -. Per fortuna ho potuto contare sull’aiuto delle congregazioni religiose, altrimenti chissà che fine avrei fatto. Sono scappato solo per sopravvivere”.

In Italia, invece, restava la Dental Action snc, la società creata dal dentista che, a suo dire, non era per niente in difficoltà.

“Non ho truffato proprio nessuno – ci tiene a precisare -. Tutti i finanziamenti che ho fatto accendere ai miei clienti erano una forma regolarissima di pagamento di prestazioni sanitarie che, anzi, davano la possibilità alle persone meno abbienti di permettersi cure sofisticate pagandole a rate. Non ho mai minacciato nessuno di sottoscriverle, né tantomeno ho forzato i soci ad entrare in affari in con me”.

E proprio i soci, o meglio gli ex soci, per il dentista avrebbero gran parte della responsabilità sulla fine che la Dental Action ha fatto.

“Quando me ne sono andato – sottolinea – non ho portato via nulla. Ho lasciato una clinica in attivo con pazienti e molti soldi da incassare, circa 97mila euro. I soci, al contrario di quanto hanno testimoniato, avevano accesso all’elenco dei pazienti, avevano le chiavi della sede e tutta la documentazione sotto mano che, in mia assenza è sparita, come è sparita gran parte dell’attrezzatura che ho lasciato del valore di circa 130mila euro. Perché hanno chiuso lo studio? Chi, a questo punto, ha messo in atto un’appropriazione indebita? Spiegatemelo…”. 

I conti, poi, a Gianfranco Fiorita proprio non tornano.

“Gli inquirenti hanno fatto la somma semplice delle somme che avrei portato via – conclude Fiorita -. Da lì sono usciti fuori questi fantomatici 620mila euro. Ma da lì ci sono da togliere tantissimi soldi. Io spendevo almeno 22mila euro al mese tra leasing dell’attrezzatura, dipendenti e tasse. Se si facesse la precisa differenza tra le entrate e le uscite, ne verrebbe fuori una somma irrisoria. Qui gli unici con i quali mi scuso e ai quali spetterebbe qualcosa sono una parte dei miei pazienti”.

Una versione che cozza completamente con quella degli ex soci del dentista, presenti anch’essi in aula oggi.

Due di loro sono stati chiamati dal giudice a testimoniare di nuovo per tornare più nel dettaglio su alcuni argomenti non affrontati durante il primo ascolto in tribunale. Loro hanno spiegato di aver chiuso la Dental Action alcuni giorni dopo la scomparsa di Fiorita perché non avevano altre soluzioni.

“Non potevamo mettere mano ai conti – hanno detto -. I clienti se la prendevano con noi che avevamo appena iniziato a lavorare ma non avevamo le competenze di continuare i lavori. Non avevamo alcun rapporto con i creditori e anche le attrezzature erano tutte a nome suo, alcune delle quali ancora da finire di pagare”.

Il processo, nel quale sono coinvolte 79 parti offese, 61 delle quali costituitesi parte civile, è ormai agli sgoccioli. Nella prossima udienza, in calendario per i primi di giugno, verrà ascoltata l’ultima testimone e l’imputato verrà sottoposto all’interrogatorio di accusa e difesa. Poi non resterà che la discussione.

Francesca Buzzi


Condividi la notizia:
2 aprile, 2015

Il caso del dentista scomparso ... Gli articoli

  1. Gianfranco Fiorita radiato definitivamente dall'albo dei dentisti
  2. Dalla fuga in Paraguay alla condanna, un decennio sul filo del rasoio per il dentista Fiorita
  3. Scappò in Sudamerica coi soldi, 2 anni e 3 mesi al dentista Gianfranco Fiorita
  4. Dentista scappato in sudamerica, per la difesa non fu appropriazione indebita
  5. Dentista scappato col malloppo, l'accusa chiede un anno e dieci mesi
  6. "Il giorno che saltò la sentenza, Fiorita stava per essere operato al cuore"
  7. Fiorita pronto a denunciare le vittime...
  8. I dentisti: "Fiorita ci abbandonò a Santa Cruz..."
  9. "Fiorita ci ha rovinato"
  10. "Migliaia di euro a Fiorita, poi è scappato..."
  11. Dentista ex latitante, a maggio riparte il processo
  12. Processo Fiorita, tutto da rifare
  13. Il processo al dentista Fiorita riparte da zero
  14. Gianfranco Fiorita in ospedale
  15. E' di nuovo Fiorita-show
  16. Gianfranco Fiorita a settembre di fronte al giudice
  17. Interrogatorio di fronte al giudice per Gianfranco Fiorita
  18. "Gli ex soci di Fiorita sono stati corretti e in buona fede"
  19. Fiorita al contrattacco: "Io vittima dei miei ex soci"
  20. "Sono scappato per salvarmi dalla morsa dell'estorsione"
  21. La verità di Fiorita può attendere
  22. Revocati i domiciliari a Fiorita
  23. Fiorita, il Riesame si riserva sulla scarcerazione
  24. Gianfranco Fiorita ai domiciliari
  25. Minacce all'avvocato di Fiorita
  26. Fiorita al Riesame per chiedere la libertà
  27. Fiorita all'attacco di ex soci e inquirenti
  28. Svuotato lo studio di Fiorita
  29. Dentista arrestato, no alla scarcerazione
  30. "Fiorita non ha un posto dove andare"
  31. Fiorita resta a Mammagialla
  32. "Un gesto importante per dimostrare la volontà di collaborare"
  33. "Chiederò che Fiorita sia rimesso in libertà"
  34. Fiorita arrestato in aeroporto
  35. Il dentista latitante torna in Italia
  36. "Fiorita mi teneva all'oscuro di alcuni incassi"
  37. "Solo senza misura cautelare Fiorita potrebbe tornare in Italia"
  38. Sequestrati i beni del dentista latitante
  39. "Fiorita si dimentica dei danni morali..."
  40. "Risarcirò chi ne ha diritto, non i furbetti di quartiere..."
  41. Fiorita arrestato in Paraguay, presto il rimpatrio
  42. Il latitante Fiorita non risponde alle email, l'avvocato: "Sono preoccupato"
  43. Maxisconto a chi si serviva delle finanziarie
  44. Seimila euro di attrezzature utilizzate e mai pagate
  45. "Io non so nemmeno se mio fratello è vivo o morto"
  46. Dentista latitante, ascoltati 14 testimoni
  47. Dentista latitante, riprende il processo
  48. Dentista latitante, in 49 chiedono i danni
  49. Dentista latitante, inizia il processo
  50. Appropriazione indebita, Fiorita a giudizio
  51. Dentista scomparso, chiuse le indagini
  52. Fiorita torna a farsi vivo
  53. Fiorita non ha preso voli diretti
  54. "Io vittima di Fiorita voglio giustizia"
  55. Fiorita raccoglieva fondi per un ospedale

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR