--

--

Ezio-mauro560x60

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Elezioni provinciali - I renziani di Piazza democratica contrari alla lista civica sostenuta da parte del Partito democratico

Mazzola rischia di fare la fine dell’amministrazione Michelini…

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

 Mauro Mazzola

Mauro Mazzola

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Dopo aver letto la chiara posizione del circolo del partito democratico di Orte, che si sovrappone, del resto, a quella del circolo di Fabrica di Roma, crediamo che non sia possibile non assumere una responsabile posizione politica, perché tacere ora significherebbe esser complici di una deriva della politica in questa provincia che non ci appartiene.

E, allora, noi vogliamo dire chiaramente, intanto, che siamo d’accordo senza riserve con il circolo di Orte e con quello di Fabrica di Roma, se non altro perché è di lampante evidenza che hanno ragione.

E volentieri sottolineiamo che una comunità (anche e soprattutto una comunità politica) si regge sulle regole e il rispetto di esse; e dal punto di vista della correttezza è perfino inconcepibile che una specie di “partito ombra” (come lo definisce il circolo di Orte) di cui è forza propulsiva, peraltro, una corrente del partito democratico che sta apertamente travalicando ogni limite, intrattenga relazioni e organizzi addirittura liste di rilievo provinciale con parti di amministrazioni locali cui il partito democratico si oppone.

Non fosse altro perché chi mette la faccia, dedica il proprio tempo di volontario al Partito Democratico ha diritto alla prima forma di rispetto che è la solidarietà, al di là delle convenienze del momento.

Ma, oltre tutto questo, noi crediamo non sia più possibile tacere che noi siamo esattamente agli antipodi dell’analisi politica che ispira l’operazione di quella lista civica, e che viene declinata addirittura dal sindaco di Viterbo, alla ingiustificabile presenza di un amministratrice del capoluogo che appartiene al partito democratico, prima che a una corrente di esso.

L’idea dei trasversalismi, della inclusione ampissima che tiene insieme posizioni politiche divise da distanze siderali – purchessia… basta che si vinca – ha avuto il suo apice con l’esperimento dell’Unione del 2006, ed è tramontata con la ingloriosa fine di quella esperienza nel 2008.

Il partito democratico della segreteria Renzi è un partito che ha riassunto su di sé gli obiettivi della vocazione maggioritaria, e proprio e solo così è divenuto l’elemento propulsivo della politica italiana, mentre tutte le altre forze si disgregano o si radicalizzano.

In questa epoca politica ogni progetto di alleanza non può che fare perno nel partito democratico.

Ed è proprio questo che sembra non si riesca a comprendere… o, forse, non si voglia comprendere, ultima forma, disperata quanto testarda, di opposizione (confinata alla Tuscia) alla politica di Renzi che ha aperto questa nuova fase.

È vero che la provincia di Viterbo è rimasta indietro su questo terreno; ma ciò è accaduto proprio perché all’interno del partito democratico c’è chi si adopera perché il futuro non arrivi.

Alle elezioni europee le percentuali di consenso del partito democratico nella Tuscia sono state più o meno allineate a quelle nazionali; segno che laddove il partito democratico diventa protagonista di una azione politica chiara, diviene maggioranza, senza bisogno di scomodare i fossili delle balene bianche…

E, infine, dobbiamo anche dire con estrema chiarezza che è completamente sbagliato valorizzare, quale esempio delle virtù del trasversalismo (!), l’immagine dell’attuale amministrazione di Viterbo città.

Nel capoluogo, una alleanza evidentemente oltre i confini del centro sinistra ha vinto delle elezioni che si sarebbero probabilmente vinte comunque, atteso che le stava perdendo la destra.

Ma, ciò posto, declinare, oggi, questa esperienza amministrativa come l’esempio cui ispirarsi altrove non solo è sbagliato, ma lascia quasi sbalorditi!

Quella esperienza è ben lungi dal bastare a se stessa, e sta producendo una amministrazione per nulla all’altezza di quello che i cittadini si aspettavano da noi.

E, semmai, proprio quel civismo, particolarmente diviso al suo interno, e la corrente del partito democratico che sta governando in solitudine e senza condivisione la città ha bisogno – se riesce ad accorgersene – che il partito democratico (quello di Renzi, per capirci…) sia il laboratorio che esprima una proposta e una attività di governo finalmente all’altezza delle aspettative… prima che sia troppo tardi, e che siano tumulate le speranze dei progressisti del capoluogo per qualche altro decennio.

Ora, sia chiaro, peraltro, noi non siamo affatto contrari a che i mondi del civismo concorrano agli obiettivi del partito democratico, sui singoli territori; ma nella chiarezza, perché si governa o si fa opposizione insieme, senza trasformismi.

E, infine, ancora una volta, ha ragione il circolo di Orte.

Dopo questa tornata elettorale si dovrà avviare, senza altri ritardi, un “percorso di bonifica”, che permetta finalmente al partito democratico di questa provincia di realizzare quel “futuro” della politica che nel resto del paese è già “presente”, dall’epoca dell’ultimo congresso; perché il senso del nostro impegno nel partito democratico (e proprio da quel congresso) è non permettere, per quanto in nostro potere, che nella Tuscia si sprechi questa opportunità.

Piazza democratica
Partito democratico

13 aprile, 2015

Elezioni provinciali 2015 ... Gli articoli

  1. Piazza democratica tira le orecchie a Fioroni
  2. "C'è da lavorare tantissimo"
  3. Bartolacci più che doppiato da Mazzola
  4. "La destra è viva e Fratelli d'Italia ne è la dimostrazione"
  5. “Non faccio parte di nessun partito"
  6. Stravince il centrosinistra, ma nel Pd i conti non tornano
  7. "Pd straordinario e la destra è morta"
  8. "E' una sfida che voglio vincere"
  9. "Michelini non si azzardi a prendersi meriti che non ha"
  10. "Sono felice del risultato della lista civica del sindaco Michelini"
  11. Micci: "Vigilerò affinché l'amministrazione Mazzola lavori bene"
  12. Fabbrini e Stelliferi: "Il centrosinistra allargato continua a dare ottimi risultati"
  13. Mazzoli: “Mazzola scelta vincente per il territorio”
  14. Calcagnini: "Guiderà al meglio la Provincia"
  15. "Siamo il secondo partito della Tuscia"
  16. Vincenzi (Pd): "Un amministratore serio e preparato"
  17. Entrano Palozzi, Cataldi, Treta, Tofani e Aquilani
  18. Mancini: “Un’importante vittoria per Mazzola e per tutto il Pd”
  19. €œLeodori: "Si apre oggi una nuova pagina istituzionale"
  20. Valentini: "Mazzola saprà interpretare al meglio il nuovo ruolo"
  21. Panunzi: "Governerà con piglio palazzo Gentili"
  22. Zingaretti: "Mazzola saprà ben guidare la provincia"
  23. Marietta Tidei: "Premiata la buona amministrazione"
  24. A Viterbo al Pd 14 voti, 8 al centrodestra e 9 alla civica
  25. Mazzola: "Vittoria di tutti", Bartolacci: "Risultato come da previsioni"
  26. Mazzola è il nuovo presidente
  27. E' il giorno del nuovo presidente
  28. Hanno votato in 627
  29. Superata quota cinquecento
  30. Tutti in fila per votare
  31. Mazzola contro Bartolacci, si vota
  32. Bartolacci: "Centrodestra unito", Mazzola: "Amministratori andate a votare"
  33. Pd - lista civica, è lotta all'ultimo voto
  34. "Elezioni provinciali, non parteciperemo al voto"
  35. "Chi non vota Bartolacci va cacciato"
  36. A Civita è guerra "provinciale"
  37. "Siamo quelli che faranno vincere Mazzola"
  38. "Dobbiamo arrivare al 70 per cento"
  39. FdI-An Bagnoregio non sosterrà "Centrodestra Unito"
  40. "Siamo il Pd, non ci mette paura nessuno..."
  41. Insogna e Moltoni a testa bassa contro il sindaco
  42. Zingaretti "benedice" Mazzola
  43. "Non siamo del Pd, ma ci mettiamo la faccia come dice Renzi..."
  44. Chiara Frontini: "Non parteciperemo al voto"
  45. Cinque liste, due presidenti e tanta confusione
  46. Sel dice no a Mazzola
  47. Equitani e Caci con Bartolacci
  48. "Il candidato è Mazzola e lo voteranno..."
  49. Lista civica, nel Pd è bagarre
  50. Pd Orte: "L'epoca dei trasversalismi deve finire"
  51. L'Udc non presenta la lista
  52. Lista Partito democratico
  53. Lista Le ali della libertà
  54. Lista Moderati e riformisti - cambia la Tuscia
  55. Tofani e Treta per Mazzola, nel centrodestra Aquilani e Camilli
  56. Micci per Bartolacci, Giovanale e Baldoni per Mazzola
  57. Caci, Bambini e Cataldi per Bartolacci
  58. Nella lista Pd anche Cinzia Pistoni e Luisa Fortunati
  59. Anche Gloria Ceccarini in lista
  60. "Bartolacci rappresenterà tutto il centrodestra"
  61. "Lega federalista non parteciperà alle provinciali"
  62. Camilli candidato, nel centrodestra è caos
  63. "Mi candido, Bartolacci non rappresenta il centrodestra"
  64. Il Nuovo Centrodestra sta col centrodestra
  65. Angelelli, Palozzi e Cimarello candidati
  66. "Troppa strada deve fare Bartolacci per Palazzo Gentili"
  67. Fabbrini e Quintarelli nella lista Pd
  68. "Mazzola ostenta sicurezza per nascondere la debolezza"
  69. "Quella di Bartolacci è una candidatura di servizio"
  70. "Mazzola è una scelta di vecchia politica"
  71. "Bartolacci è la migliore possibilità per rilanciare la Provincia"
  72. Fabio Bartolacci sfida Mauro Mazzola
  73. Pd, Mazzola è il candidato presidente
  74. "Non sono disponibile a candidarmi"
  75. Camilli, Caci, Equitani, Scarnati e Allegrini...
  76. Pd unito su Mazzola, centrodestra ancora senza candidato presidente
  77. "Mazzola è il candidato giusto"
  78. Il Pd sceglie il suo candidato presidente
  79. "Sono pronto a candidarmi alla presidenza"
  80. "No a consultazioni stile vecchio Pc, i candidati si facciano avanti"
  81. Angelelli: Non mi candido
  82. Pressing di Fioroni su Gianluca Angelelli
  83. Centrodestra allo sbando, Meroi si defila
  84. Consultazione fra sindaci ed eletti per il presidente
  85. "Fioroni e Lorenzin si parlano, ma qui decidiamo noi..."
  86. "Io candidato? No grazie..."
  87. Il presidente Meroi si candida a presidente...
  88. "No a spartizioni, sul presidente scelta condivisa"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR