Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

TW-cliccami-560x60-due-colori

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Così Alessandra terrosi durante l'incorro che si è svolto alla Casa dell'agricoltura

“Microcredito, un aiuto concreto per le aziende agricole”

Alessandra Terrosi alla Casa dell’agricoltura di Viterbo

Alessandra Terrosi alla Casa dell’agricoltura di Viterbo

Alessandra Terrosi alla Casa dell’agricoltura di Viterbo

Alessandra Terrosi alla Casa dell’agricoltura di Viterbo

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – La Casa dell’agricoltura di Viterbo ha ospitato il 13 aprile un incontro rivolto alle aziende agricole interessate al tema del microcredito in agricoltura.

Presente Alessandra Terrosi, membro della commissione Agricoltura alla Camera dei deputati.

“Vedo come importante opportunità, lo strumento del microcredito per il settore dell’agricoltura sociale, uno strumento tradizionalmente rivolto a piccole e medie imprese non agricole – ha detto Alessandra Terrosi -. Se teniamo conto che la maggior parte delle aziende agricole sono piccole imprese, comprendiamo bene come questa via di accesso al credito possa rappresentare in molti casi un aiuto concreto per la sopravvivenza delle stesse. In un contesto in linea con le richieste di innovazione, l’agricoltura sociale esce dai canoni tradizionali, rivolti a privilegiare l’aspetto produttivo e si rinnova in ottica solidaristica e di inclusione sociale dei soggetti più disagiati”.

Ha poi illustrato la situazione della legge sull’agricoltura sociale che, già approvata alla Camera, è in discussione in commissione agricoltura al Senato e per la quale si prevedono tempi brevi per l’approvazione definitiva.

Inoltre, continua Alessandra Terrosi, “il progetto la buona terra, acquisisce una importanza ancora maggiore perché verrà attuato all’interno di un biodistretto, quello della Via Amerina e delle Forre, in quanto la natura stessa del biodistretto, si sostanzia di una collaborazione tra tutte le forze produttive in senso ampio (agricoltori, trasformatori, consumatori, amministrazione locali, ecc) che insieme lavorano per rendere concreto e perseguibile un nuovo modello di sviluppo, in cui privilegiare l’inclusione sociale”.

14 aprile, 2015

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564