--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - La consigliera apprezza le parole della collega Melissa Mongiardo e punta all'unione

Boco: “Abbiamo peccato di presunzione, ritorniamo all’ordine”

Condividi la notizia:

Augusta Boco

Augusta Boco

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Finalmente dopo tanto grigiore leggo delle belle riflessioni della nostra consigliera Melissa Mongiardo.

Hai pienamente ragione stiamo vivendo un periodo della politica viterbese che non ha senso, stiamo vivendo la negazione totale della politica, stiamo vivendo una politica surreale e paranoica, “dove compagni di partito sistematicamente ti denigrano per una mera guerra di posizionamento e di correnti” e anche per protagonismo, invidia e cattiveria.

Torniamo all’ordine naturale della politica, all’arte del buon governo della città e del territorio (nel medioevo intere pareti di palazzi comunali venivano affrescate con storie del buon governo e del mal governo, commissionate da amministratori intelligenti e attivi intenti al benessere dei cittadini).

Come ha detto giustamente il nostro capogruppo, Francesco Serra qualche consiglio fa: “immaginavo un consiglio comunale impegnato sui fatti, immaginavo una giunta attiva e propositiva, immaginavo un’amministrazione efficiente ed efficace, attenta alla città al territorio e alle frazioni”.

Ma se tutto questo non è avvenuto è dipeso solamente da posizioni e arroccamenti impossibili. Il momento storico che vive la città e l’Italia non è dei migliori: la crisi economica e la disoccupazione, sembrano non aver fine.

Due anni fa siamo partiti al massimo, con tanto entusiasmo e voglia di fare: volevamo fare bene, forse un po’ di presunzione e di protagonismo ci hanno punito. Le risse ci hanno portato a non fare, puntare i piedi in consiglio non è servito a nulla, ci stiamo facendo male da soli.

Ritorniamo al dialogo e al confronto costruttivo, ritorniamo alla ponderatezza di ciò che vogliamo, facciamo squadra e ripartiamo con lo slancio vitale di un tempo. Pensiamo la città, ai cittadini, basta poco perché la nostra città, le nostre frazioni e il nostro territorio sono già belli così, dobbiamo solamente curare, conservare, modernizzare quanto basta.

Non riusciremo nei grandi progetti e nei grandi lavori per le poche risorse a disposizione ma possiamo prenderci cura di ciò che abbiamo.

Saremo allora l’amministrazione dell’attenzione. Collaboriamo e aiutiamo il sindaco affinché possa serenamente e giustamente risolvere ogni cosa.

Augusta Boco
Consigliera Pd

 


Condividi la notizia:
10 maggio, 2015

Crisi in comune 2015 ... Gli articoli

  1. Sono otto, lavorano per nove, saranno pagati per sette
  2. "Subito al lavoro, ci sono situazioni in arretrato"
  3. "Era l'ultima verifica? Mai dire mai..."
  4. Perà a Sviluppo economico e affari amministrativi
  5. "Taborri sarebbe un presidente di garanzia"
  6. "Evitino un teatrino anche per l’elezione del presidente del consiglio"
  7. Sonia Perà allo Sviluppo economico
  8. "Esco, vado all'opposizione"
  9. "Continuano i giochi di prestigio del sindaco Michelini"
  10. Giunta, l'ottavo assessore sarà una donna
  11. Giunta, si chiude a otto
  12. "Una soluzione tra oggi e domani"
  13. Giunta a sette solo se cambia il vice sindaco
  14. "In due anni non mi aspettavo questo disastro"
  15. "Se un assessore non firma, si va avanti in sei"
  16. "Il comune non può cadere per una questione di poltrone..."
  17. "Se c'è un nuovo gruppo che venga formalizzato…"
  18. L'uragano Michelini si abbatte sulla maggioranza
  19. "La presidenza ora non m'interessa"
  20. De Alexandris si è dimessa
  21. Alessandra Troncarelli non entra in giunta
  22. "Giunta a sette senza alternative, o mi dimetto"
  23. Giunta prendere o lasciare, maggioranza spaccata
  24. "Faccio una scelta di responsabilità"
  25. Varata la giunta a sette
  26. Zucchi si è ufficialmente dimessa
  27. De Alexandris verso le dimissioni
  28. "No a un presidente del consiglio Pd"
  29. Insogna e Moltoni da Michelini
  30. Balla anche la presidenza del consiglio
  31. “Sarà una giunta a sette”
  32. "Michelini pensa d'essere al bar dello sport"
  33. "Michelini pensa d'essere al bar dello sport"
  34. I Democratici sette alla corte di Michelini
  35. "Ascolterò i consiglieri e poi chiuderò la partita"
  36. Giunta a sette e presidenza al Pd
  37. "Michelini faccia lui il sindaco e lo faccia bene..."
  38. "Una scelta consapevole per tutelare la propria dignità"
  39. Michelini vedrà Insogna...
  40. Si è dimessa anche Raffaella Valeri
  41. "La giunta Michelini ha bisogno di una ripartenza"
  42. Giunta a sei, ma anche a sette, otto o nove assessori
  43. Il rimpasto? Dopo santa Rosa...
  44. Il Pd ribadisce: giunta a 7 e ora tocca a Serra
  45. "Ma il sindaco sa contare?"
  46. Oggi tocca al Pd, ma Serra andrà da solo
  47. Tre assessorati alle liste civiche
  48. Surreale che un organo di partito censuri un consigliere...
  49. "Non stiamo navigando a vista"
  50. "Imbarazzanti le affermazioni di Serra..."
  51. "Se non sa gestire la crisi, figuriamoci la città"
  52. "Con i 7 del Pd ci siamo anche noi"
  53. "Perché Serra fino a dieci giorni fa condivideva Michelini?"
  54. "Città devastata per le faide tra Fioroni e Panunzi"
  55. Subito il bilancio consuntivo o tutti a casa
  56. "Comune senza obiettivi, si vive alla giornata"
  57. "Con quale diritto Sel chiede le mie dimissioni?"
  58. Minchella (Pd): "Dissensi legittimi, ma sostegno al sindaco non in discussione"
  59. Verifica, Michelini prende tempo
  60. Cartellino rosso per Taborri
  61. Michelini o fa sette o sballa
  62. "Decidiamo insieme dove vogliamo andare e perché"
  63. "Ci vuole coraggio, Serra faccia l'assessore"
  64. La situazione è grave ma non è seria
  65. "Siamo in maggioranza, se vogliono andare altrove facciano pure"
  66. Ncd scomunica Taborri
  67. "Serra, un improbabile pubblico ministero"
  68. "Non vado bene? Sfiduciatemi"
  69. Moricoli: "Non mi dimetto..."
  70. Sel a Paolo Moricoli: dimettiti
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR