--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Crisi in comune - Melissa Mongiardo indica la via per ripartire

“Decidiamo insieme dove vogliamo andare e perché”

Condividi la notizia:

Melissa Mongiardo

Melissa Mongiardo

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Dispiace vedere come all’ennesima – malaugurata – crisi di maggioranza, facciano prima a rincorrersi a mezzo stampa le schermaglie tattico politiche che le proposte concrete per poter superare un momento cruciale per la nostra amministrazione.

All’indomani delle elezioni provinciali – momento più temuto che atteso, caricato da ciascuna delle parti in commedia di non ben precisate aspettative – si è vertiginosamente incrinato un equilibrio che evidentemente era più precario del previsto.

Fa male vedere come purtroppo, all’inconsistenza del confronto politico si sopperisca con una sistematizzata denigrazione dell’avversario che, come ormai amaramente sta diventando prassi, è sempre più spesso il compagno (non nell’accezione ideologica del termine) di partito o di maggioranza.

Il conseguente risultato è che una fase delicata come quella che stiamo vivendo venga – in virtù di una scomposta raffica di proclami – ridotta e riprodotta dagli osservatori della politica, dai giornali, dai cittadini come una mera guerra di posizionamento e di correnti che traduce all’esterno l’idea di essere impegnati a fare politica non nell’interesse di qualcuno (i cittadini) ma contro qualcun altro che con te è chiamato ad amministrare.

E mentre le cronache cittadine sono – per colpa certo di un nostro atteggiamento – impegnate a capire a quale area politica afferisce questo o quel consigliere per stabilire da quale lato pende il piatto della bilancia, la politica – nel senso aristotelico del termine – non si è mai affacciata nel dibattito e la città è qualcosa di molto nebuloso che rimane sullo sfondo.

Se a due anni dal nostro insediamento proviamo a uscire per strada e a chiedere a un qualsiasi cittadino cosa ricorda del nostro operato, sono amaramente certa che prima delle considerazioni di natura politico – amministrativa sulla città, alla sua mente accorerrano i dissidi e la schermaglie interne della maggioranza, solo in un secondo momento poi tutto il resto. E di questo, senza che nessuno di noi si senta in qualche modo assolto, siamo tutti responsabili.

Siamo certi che portando lo scontro al calor bianco sarà possibile – a prescindere da quelli che saranno i nuovi equilibri di giunta che il sindaco valuterà con i gruppi consiliari – tornare a lavorare coesi con un progetto condiviso da tutta la maggioranza?

Con quale volto e con quale posizione intendiamo presentarci di nuovo domani davanti ai cittadini?

C’è la necessità di una verifica, ma di una verifica vera sui problemi della città; capiamo quali sono i punti su cui vogliamo impegnarci a costruire il cambiamento promesso a quei viterbesi che hanno deciso di riporre in noi la loro fiducia, perché oggi quelle promesse le stiamo disattendendo prestando il fianco a banalità che ci distraggono dal nostro vero obiettivo: Viterbo.

Se siamo tutti davvero convinti che la nostra esperienza debba proseguire troviamo una sintesi reale e condivisa su pochi punti incisivi dai quali ripartire, senza cercare di tirare fuori la luna dal pozzo, ma con l’umiltà di chi ha il dovere di agire nell’interesse dei cittadini.

Decidiamo insieme dove vogliamo andare e perché, ma decidiamolo una volta per tutte scongiurando il rischio di trovarci ancora a un altro malaugurato giro di boa.

Basta osservare l’attività della giunta e della maggioranza dal buco della serratura e declinare tutto a una gara di “poltroniadi”.

Scegliamo come chiave di lettura della fase l’occasione per ripensare a quale progetto abbiamo per la città, ripartendo magari proprio dai primi punti inesauditi del nostro programma: dallo studio per il recupero delle fontane, dal lavoro intrapreso sul centro storico, dalle frazioni ancora non innestate nel tessuto della città; da tutto ciò che è alla nostra portata e che può rendere migliore la quotidianità di ogni cittadino.

Se così non dovesse essere, se il nostro sguardo dovesse rimanere ancora distratto, probabilmente avremmo perso l’ultima – preziosissima – occasione.

Melissa Mongiardo
Consigliere comunale Partito democratico


Condividi la notizia:
10 maggio, 2015

Crisi in comune 2015 ... Gli articoli

  1. Sono otto, lavorano per nove, saranno pagati per sette
  2. "Subito al lavoro, ci sono situazioni in arretrato"
  3. "Era l'ultima verifica? Mai dire mai..."
  4. Perà a Sviluppo economico e affari amministrativi
  5. "Taborri sarebbe un presidente di garanzia"
  6. "Evitino un teatrino anche per l’elezione del presidente del consiglio"
  7. Sonia Perà allo Sviluppo economico
  8. "Esco, vado all'opposizione"
  9. "Continuano i giochi di prestigio del sindaco Michelini"
  10. Giunta, l'ottavo assessore sarà una donna
  11. Giunta, si chiude a otto
  12. "Una soluzione tra oggi e domani"
  13. Giunta a sette solo se cambia il vice sindaco
  14. "In due anni non mi aspettavo questo disastro"
  15. "Se un assessore non firma, si va avanti in sei"
  16. "Il comune non può cadere per una questione di poltrone..."
  17. "Se c'è un nuovo gruppo che venga formalizzato…"
  18. L'uragano Michelini si abbatte sulla maggioranza
  19. "La presidenza ora non m'interessa"
  20. De Alexandris si è dimessa
  21. Alessandra Troncarelli non entra in giunta
  22. "Giunta a sette senza alternative, o mi dimetto"
  23. Giunta prendere o lasciare, maggioranza spaccata
  24. "Faccio una scelta di responsabilità"
  25. Varata la giunta a sette
  26. Zucchi si è ufficialmente dimessa
  27. De Alexandris verso le dimissioni
  28. "No a un presidente del consiglio Pd"
  29. Insogna e Moltoni da Michelini
  30. Balla anche la presidenza del consiglio
  31. “Sarà una giunta a sette”
  32. "Michelini pensa d'essere al bar dello sport"
  33. "Michelini pensa d'essere al bar dello sport"
  34. I Democratici sette alla corte di Michelini
  35. "Ascolterò i consiglieri e poi chiuderò la partita"
  36. Giunta a sette e presidenza al Pd
  37. "Michelini faccia lui il sindaco e lo faccia bene..."
  38. "Una scelta consapevole per tutelare la propria dignità"
  39. Michelini vedrà Insogna...
  40. Si è dimessa anche Raffaella Valeri
  41. "La giunta Michelini ha bisogno di una ripartenza"
  42. Giunta a sei, ma anche a sette, otto o nove assessori
  43. Il rimpasto? Dopo santa Rosa...
  44. Il Pd ribadisce: giunta a 7 e ora tocca a Serra
  45. "Ma il sindaco sa contare?"
  46. Oggi tocca al Pd, ma Serra andrà da solo
  47. Tre assessorati alle liste civiche
  48. Surreale che un organo di partito censuri un consigliere...
  49. "Non stiamo navigando a vista"
  50. "Imbarazzanti le affermazioni di Serra..."
  51. "Se non sa gestire la crisi, figuriamoci la città"
  52. "Con i 7 del Pd ci siamo anche noi"
  53. "Perché Serra fino a dieci giorni fa condivideva Michelini?"
  54. "Città devastata per le faide tra Fioroni e Panunzi"
  55. Subito il bilancio consuntivo o tutti a casa
  56. "Comune senza obiettivi, si vive alla giornata"
  57. "Con quale diritto Sel chiede le mie dimissioni?"
  58. Minchella (Pd): "Dissensi legittimi, ma sostegno al sindaco non in discussione"
  59. Verifica, Michelini prende tempo
  60. Cartellino rosso per Taborri
  61. Michelini o fa sette o sballa
  62. Boco: "Abbiamo peccato di presunzione, ritorniamo all'ordine"
  63. "Ci vuole coraggio, Serra faccia l'assessore"
  64. La situazione è grave ma non è seria
  65. "Siamo in maggioranza, se vogliono andare altrove facciano pure"
  66. Ncd scomunica Taborri
  67. "Serra, un improbabile pubblico ministero"
  68. "Non vado bene? Sfiduciatemi"
  69. Moricoli: "Non mi dimetto..."
  70. Sel a Paolo Moricoli: dimettiti
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR