--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Crisi in comune Il documento votato all'unanimità dal gruppo consiliare del Pd

“La giunta Michelini ha bisogno di una ripartenza”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Francesco Serra

Francesco Serra 

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo il documento approvato all’unanimità dai consiglieri del Pd del comune di Viterbo nella riunione di ieri.

– L’amministrazione a guida Michelini ha bisogno di una ripartenza, recuperando lo spirito, gli obiettivi, l’entusiasmo di Progetto viterbo 2013, dello schieramento aperto che ha proposto alla città una stagione di svolta e di profondo cambiamento.

Per questo il gruppo del Pd, della forza politica che ha promosso e investito su quel progetto idee, persone, consensi elettorali, ritiene che a due anni dall’inizio del mandato quelle idee forza debbano cominciare a prendere forma perché siano concretezze su cui l’amministrazione possa e debba essere valutata.

In particolare i temi più volte richiamati dal capogruppo: più partecipazione nelle frazioni e verso le frazioni alla vita amministrativa e politica del comune, la città pulita, ordinata, vivibile , il rilancio del centro storico, dell’efficienza, efficacia, economicità dei servizi pubblici a cominciare dal Tpl, della programmazione culturale, l’obiettivo città termale, la smart city, l’equità fiscale come equità sociale.

A quasi metà mandato la condizione per dare un senso all’impegno comune è recuperare questa visione e su questa verificare una effettiva coesione di una maggioranza composita. Ciò necessita di un più sistematico raccordo tra consiglio e giunta, di maggiore coinvolgimento nei passaggi più significativi della vita amministrativa, dI una rinnovata capacità di ascolto e dialogo con la città.

Già infatti alcuni mesi fa ci siamo cimentati in un cronoprogramma dettagliato di tanti punti, come a più rimaneggiamenti degli incarichi. Se dobbiamo registrare ancora oggi qualche difficoltà evidentemente dobbiamo cambiare registro.

Alla vigilia dell’approvazione del secondo bilancio, i cui equilibri sono complicati e difficili ma su cui il gruppo è impegnato nel consiglio prioritariamente nella ricerca di soluzioni agendo sulla leva della riduzione della spesa corrente con un lavoro rigoroso e meticoloso anche con emendamenti puntuali, e che quindi richiede una assunzione di forte responsabilità e coinvolgimento nelle scelte concrete da realizzare.

Porre la questione di una vera e propria ripartenza è questione di lealtà e ragionevolezza.

Per questo il gruppo del Pd pone con forza il tema della condivisione; peraltro, senza entrare nel merito delle dialettiche degli altri gruppi, sono sotto gli occhi di tutti le comuni richieste di condivisione anche di altri consiglieri.

Questo è essenziale; oltre al riprendere vincoli programmatici o assetti complessivi più coerenti con le necessità funzionali ed il quadro politico di maggioranza è indispensabile maggiore informazione, partecipazione, condivisione nel governo più largo dell’amministrazione, nei nomine di diretto riferimento politico, come nelle scelte di indirizzo cui l’amministrazione partecipa. Laddove così non è stato bisogna fare il punto e condividere le migliori soluzioni di fronte alla città.

Nel merito della annunciata ridefinizione della squadra di governo riteniamo che, come per i vincoli programmatici originari, la giunta a 6 sia nella piena disponibilità del sindaco e che con la stessa si possa rispondere al giusto equilibrio di rappresentanza e peso rispetto alla composizione della maggioranza. Comunque il gruppo del Pd non può che richiamare la propria evidente consistenza maggioritaria, che non può non trovare corrispondenza in qualsiasi assetto il sindaco ritenga più consono. In questo contesto, valutata con tempestività la sintesi politica che il sindaco avanzer , il gruppo – tramite il capogruppo – gli sottoporrà eventuali proposte.

 


Condividi la notizia:
19 maggio, 2015

Crisi in comune 2015 ... Gli articoli

  1. Sono otto, lavorano per nove, saranno pagati per sette
  2. "Subito al lavoro, ci sono situazioni in arretrato"
  3. "Era l'ultima verifica? Mai dire mai..."
  4. Perà a Sviluppo economico e affari amministrativi
  5. "Taborri sarebbe un presidente di garanzia"
  6. "Evitino un teatrino anche per l’elezione del presidente del consiglio"
  7. Sonia Perà allo Sviluppo economico
  8. "Esco, vado all'opposizione"
  9. "Continuano i giochi di prestigio del sindaco Michelini"
  10. Giunta, l'ottavo assessore sarà una donna
  11. Giunta, si chiude a otto
  12. "Una soluzione tra oggi e domani"
  13. Giunta a sette solo se cambia il vice sindaco
  14. "In due anni non mi aspettavo questo disastro"
  15. "Se un assessore non firma, si va avanti in sei"
  16. "Il comune non può cadere per una questione di poltrone..."
  17. "Se c'è un nuovo gruppo che venga formalizzato…"
  18. L'uragano Michelini si abbatte sulla maggioranza
  19. "La presidenza ora non m'interessa"
  20. De Alexandris si è dimessa
  21. Alessandra Troncarelli non entra in giunta
  22. "Giunta a sette senza alternative, o mi dimetto"
  23. Giunta prendere o lasciare, maggioranza spaccata
  24. "Faccio una scelta di responsabilità"
  25. Varata la giunta a sette
  26. Zucchi si è ufficialmente dimessa
  27. De Alexandris verso le dimissioni
  28. "No a un presidente del consiglio Pd"
  29. Insogna e Moltoni da Michelini
  30. Balla anche la presidenza del consiglio
  31. “Sarà una giunta a sette”
  32. "Michelini pensa d'essere al bar dello sport"
  33. "Michelini pensa d'essere al bar dello sport"
  34. I Democratici sette alla corte di Michelini
  35. "Ascolterò i consiglieri e poi chiuderò la partita"
  36. Giunta a sette e presidenza al Pd
  37. "Michelini faccia lui il sindaco e lo faccia bene..."
  38. "Una scelta consapevole per tutelare la propria dignità"
  39. Michelini vedrà Insogna...
  40. Si è dimessa anche Raffaella Valeri
  41. Giunta a sei, ma anche a sette, otto o nove assessori
  42. Il rimpasto? Dopo santa Rosa...
  43. Il Pd ribadisce: giunta a 7 e ora tocca a Serra
  44. "Ma il sindaco sa contare?"
  45. Oggi tocca al Pd, ma Serra andrà da solo
  46. Tre assessorati alle liste civiche
  47. Surreale che un organo di partito censuri un consigliere...
  48. "Non stiamo navigando a vista"
  49. "Imbarazzanti le affermazioni di Serra..."
  50. "Se non sa gestire la crisi, figuriamoci la città"
  51. "Con i 7 del Pd ci siamo anche noi"
  52. "Perché Serra fino a dieci giorni fa condivideva Michelini?"
  53. "Città devastata per le faide tra Fioroni e Panunzi"
  54. Subito il bilancio consuntivo o tutti a casa
  55. "Comune senza obiettivi, si vive alla giornata"
  56. "Con quale diritto Sel chiede le mie dimissioni?"
  57. Minchella (Pd): "Dissensi legittimi, ma sostegno al sindaco non in discussione"
  58. Verifica, Michelini prende tempo
  59. Cartellino rosso per Taborri
  60. Michelini o fa sette o sballa
  61. Boco: "Abbiamo peccato di presunzione, ritorniamo all'ordine"
  62. "Decidiamo insieme dove vogliamo andare e perché"
  63. "Ci vuole coraggio, Serra faccia l'assessore"
  64. La situazione è grave ma non è seria
  65. "Siamo in maggioranza, se vogliono andare altrove facciano pure"
  66. Ncd scomunica Taborri
  67. "Serra, un improbabile pubblico ministero"
  68. "Non vado bene? Sfiduciatemi"
  69. Moricoli: "Non mi dimetto..."
  70. Sel a Paolo Moricoli: dimettiti
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR