--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Nepi - I medici legali escludono un collegamento tra il decesso degli ospiti della casa di riposo e i presunti maltrattamenti, contestati agli indagati

I periti: “Anziani morti per cause naturali”

Condividi la notizia:

Casa di riposo di Nepi - Anziani picchiati e insultati

Casa di riposo di Nepi – Le intercettazioni ambientali

Casa di riposo di Nepi - Anziani picchiati e insultati

Casa di riposo di Nepi – Le intercettazioni ambientali

Casa di riposo di Nepi - Anziani picchiati e insultati

Casa di riposo di Nepi – Le intercettazioni ambientali 

Nepi – Non una frattura. Non un’ecchimosi. Non una cicatrice.

Non c’è traccia di maltrattamenti sui corpi degli anziani ricoverati alla “Serena Senectus”. Lo dicono i periti dell’incidente probatorio, chiamati ad analizzare le salme riesumate dei quattro anziani ospiti della casa di riposo di Nepi.

La struttura finì nel mirino degli inquirenti due anni fa: a novembre 2013 scattarono le manette per la titolare Michelina Miseria e la figlia Rosalia Ceci, mentre un medico fu iscritto nel registro degli indagati dal pm Renzo Petroselli. 

Ieri sono venuti al pettine i nodi di un pezzo dell’inchiesta. Il più importante: su madre e figlia pende l’accusa di aver maltrattato gli ultraottantenni della casa di riposo. L’arresto arriva dopo una valanga di intercettazioni ambientali che riprendevano gli anziani legati mani e piedi durante i pasti, schiaffeggiati e insultati.

Le relazioni dei medici legali smentiscono l’ipotesi del “nesso di causalità”: non c’è nessun legame tra la morte degli anziani e i maltrattamenti contestati. I quattro ottuagenari, tre donne e un uomo, le cui salme sono state riesumate per l’incidente probatorio, sarebbero morti per cause naturali. Del tutto indipendenti dalla qualità del loro soggiorno alla “Serena Senectus”. 

Un risultato importante, per i difensori delle due donne indagate, Carlo Taormina e Fausto Barili: “La perizia collegiale ha stabilito che non esiste nessun rapporto tra i comportamenti delle nostre assistite e la morte degli anziani – dichiarano -. Esclusa, inoltre, ogni traccia di lesioni”.

In tre casi su quattro, gli accertamenti sarebbero avvenuti a distanza di tempo dalla morte degli anziani. Ma i periti sono stati chiari: “Hanno detto che se ci fossero state lesioni mortali si sarebbero viste comunque”, spiegano i legali.

I Nas contestano anche tutta una serie di carenze strutturali della casa di riposo. Per madre e figlia sarebbe una vittoria scrollarsi di dosso la pesante accusa dei maltrattamenti e arrivare in udienza preliminare con il solo carico di violazioni amministrative. La procura ha comunque i video in mano. E l’ultima parola: gli atti sono tornati al pm Renzo Petroselli che, anche in base alle risultanze dell’incidente probatorio, dovrà decidere se archiviare almeno in parte le accuse o lasciare intatto il quadro accusatorio e far partire gli avvisi di conclusione delle indagini.


Condividi la notizia:
30 maggio, 2015

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR