--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - Il consigliere risponde picche a Sel che lo ha scomunicato

Moricoli: “Non mi dimetto…”

Condividi la notizia:

Paolo Moricoli

Paolo Moricoli 

Viterbo – (g.f.) – Le elezioni provinciali mandano in tilt Sel.

A Viterbo il consigliere di riferimento Paolo Moricoli non vota per la lista presentata dal suo partito, in favore della civica del sindaco Michelini e per tutta risposta, a urne chiuse, Sel disconosce Moricoli e lo invita a dimettersi dal consiglio comunale.

Non succederà.

“Hanno chiesto le mie dimissioni – dice Moricoli – che io non intendo dare.

Non voglio nemmeno tirare in ballo il fatto che i consiglieri sono eletti senza vincolo di mandato. Semplicemente, in comune ho concorso con una lista che in parte era civica e in parte sostenuta da Sel.

La parte civica, sostenuta da Raffaella Valeri, ha ottenuto gran parte dei voti. Io resto al mio posto a rappresentare quei cittadini di sinistra che hanno voluto darmi il loro appoggio”.

Rimane in consiglio comunale, non più con Sel.

“Mio malgrado non ne faccio più parte. Continuerò a essere un libero ecologista di sinistra. Non divento un altro all’improvviso.

Ho avuto la tessera Sel per il 2014. Quella 2015 non ce l’ho, ma come me, non l’ha ancora nessuno, nemmeno i coordinatori”.

Moricoli è tirato in ballo un giorno sì e l’altro pure da voci che lo vedono entrare in giunta al posto di Raffaella Valeri.

“La mia scelta alle provinciali non è dettata da interessi e non c’è dietrologia. Avrei potuto fare l’assessore da almeno sei mesi. Non l’ho fatto e non intendo farlo anche in futuro. Non ci sarà nessuna sostituzione. Almeno non con me”.

La presa di posizione di Sel rischia d’avere ripercussioni anche in giunta. Il partito toglie il sostegno al sindaco Michelini. E l’assessora a che titolo continua a rimanere in giunta?

Che Moricoli alle elezioni provinciali non avrebbe votato per Sel era noto da giorni.

“Sono fra quelli che hanno detto no all’assemblea in cui si decise se presentarsi o meno. Essendo elezioni di secondo livello, si sapeva da subito che non avremmo avuto possibilità”.

Fra la ragion di partito e quella di maggioranza, Moricoli ha scelto la seconda: “Fino a una settimana fa, a chiunque me lo avesse chiesto, avrei risposto che il mio voto sarebbe andato a Sel”.

Poi è successo qualcosa. “Si è aperta la possibilità di appoggiare la civica sostenuta dal sindaco Michelini, per salvaguardare la maggioranza in comune e non far deflagrare i fragilissimi equilibri nella maggioranza di cui faccio parte.

Da quel momento sono iniziate pressioni insistenti. Quasi fosse questione di vita o di morte.

A me francamente non sembrava così. Sel, indipendentemente dal mio voto pesante, non ce l’avrebbe comunque fatta”.

Tuttavia il non voto è stato notato e Sel ha chiesto a Moricoli di farsi da parte.

“Seppure non ne comprenda le ragioni politiche. Se uscissi io, al mio posto entrerebbe un altro consigliere che non fa comunque parte di Sel. Anzi, è piuttosto lontano”.

Le strade si separano. “Sono sereno e non intendo fare polemiche, posso capire il partito.

E’ finita una storia politica, ma io resto me stesso. A prescindere dallo schieramento, continuo a portare avanti le mie idee. Che non cambiano”.


Condividi la notizia:
7 maggio, 2015

Crisi in comune 2015 ... Gli articoli

  1. Sono otto, lavorano per nove, saranno pagati per sette
  2. "Subito al lavoro, ci sono situazioni in arretrato"
  3. "Era l'ultima verifica? Mai dire mai..."
  4. Perà a Sviluppo economico e affari amministrativi
  5. "Taborri sarebbe un presidente di garanzia"
  6. "Evitino un teatrino anche per l’elezione del presidente del consiglio"
  7. Sonia Perà allo Sviluppo economico
  8. "Esco, vado all'opposizione"
  9. "Continuano i giochi di prestigio del sindaco Michelini"
  10. Giunta, l'ottavo assessore sarà una donna
  11. Giunta, si chiude a otto
  12. "Una soluzione tra oggi e domani"
  13. Giunta a sette solo se cambia il vice sindaco
  14. "In due anni non mi aspettavo questo disastro"
  15. "Se un assessore non firma, si va avanti in sei"
  16. "Il comune non può cadere per una questione di poltrone..."
  17. "Se c'è un nuovo gruppo che venga formalizzato…"
  18. L'uragano Michelini si abbatte sulla maggioranza
  19. "La presidenza ora non m'interessa"
  20. De Alexandris si è dimessa
  21. Alessandra Troncarelli non entra in giunta
  22. "Giunta a sette senza alternative, o mi dimetto"
  23. Giunta prendere o lasciare, maggioranza spaccata
  24. "Faccio una scelta di responsabilità"
  25. Varata la giunta a sette
  26. Zucchi si è ufficialmente dimessa
  27. De Alexandris verso le dimissioni
  28. "No a un presidente del consiglio Pd"
  29. Insogna e Moltoni da Michelini
  30. Balla anche la presidenza del consiglio
  31. “Sarà una giunta a sette”
  32. "Michelini pensa d'essere al bar dello sport"
  33. "Michelini pensa d'essere al bar dello sport"
  34. I Democratici sette alla corte di Michelini
  35. "Ascolterò i consiglieri e poi chiuderò la partita"
  36. Giunta a sette e presidenza al Pd
  37. "Michelini faccia lui il sindaco e lo faccia bene..."
  38. "Una scelta consapevole per tutelare la propria dignità"
  39. Michelini vedrà Insogna...
  40. Si è dimessa anche Raffaella Valeri
  41. "La giunta Michelini ha bisogno di una ripartenza"
  42. Giunta a sei, ma anche a sette, otto o nove assessori
  43. Il rimpasto? Dopo santa Rosa...
  44. Il Pd ribadisce: giunta a 7 e ora tocca a Serra
  45. "Ma il sindaco sa contare?"
  46. Oggi tocca al Pd, ma Serra andrà da solo
  47. Tre assessorati alle liste civiche
  48. Surreale che un organo di partito censuri un consigliere...
  49. "Non stiamo navigando a vista"
  50. "Imbarazzanti le affermazioni di Serra..."
  51. "Se non sa gestire la crisi, figuriamoci la città"
  52. "Con i 7 del Pd ci siamo anche noi"
  53. "Perché Serra fino a dieci giorni fa condivideva Michelini?"
  54. "Città devastata per le faide tra Fioroni e Panunzi"
  55. Subito il bilancio consuntivo o tutti a casa
  56. "Comune senza obiettivi, si vive alla giornata"
  57. "Con quale diritto Sel chiede le mie dimissioni?"
  58. Minchella (Pd): "Dissensi legittimi, ma sostegno al sindaco non in discussione"
  59. Verifica, Michelini prende tempo
  60. Cartellino rosso per Taborri
  61. Michelini o fa sette o sballa
  62. Boco: "Abbiamo peccato di presunzione, ritorniamo all'ordine"
  63. "Decidiamo insieme dove vogliamo andare e perché"
  64. "Ci vuole coraggio, Serra faccia l'assessore"
  65. La situazione è grave ma non è seria
  66. "Siamo in maggioranza, se vogliono andare altrove facciano pure"
  67. Ncd scomunica Taborri
  68. "Serra, un improbabile pubblico ministero"
  69. "Non vado bene? Sfiduciatemi"
  70. Sel a Paolo Moricoli: dimettiti
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR