--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Elezioni provinciali - E punta il dito, senza nominarlo direttamente, contro l'ex ministro convertito a un frainteso renzismo

Piazza democratica tira le orecchie a Fioroni

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Giuseppe Fioroni

Giuseppe Fioroni

Mauro Mazzola

Mauro Mazzola 

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Abbiamo deliberatamente atteso qualche ora prima di esternare alcune nostre considerazioni sul voto; anche per ascoltare gli altri, cosa in politica non sempre così scontata.

Ora, possiamo senz’altro condividere la posizione del segretario provinciale del partito democratico che, con condivisibile soddisfazione, osserva che il significato politico principale di questa elezione è nel risultato del Partito democratico. Un Pd che ha attinto il 46% dei consensi; una percentuale immensamente superiore al numero degli amministratori iscritti al partito e perfettamente sufficiente per assicurare la vittoria di Mazzola anche da sola.

Potremmo aggiungere che abbiamo fatto il tifo per tutti i candidati della lista del Pd (a differenza di altri, che avevano invece due “squadre” per cui tifare), e facciamo i migliori auguri di buon lavoro a tutti.

In particolare, siamo lietissimi dell’ottimo risultato di Gianluca Angelelli, che ci pare rappresenti un ottimo esempio di giovane amministratore, innovativo e trasparente, armonico con la visione della politica che decliniamo dalle prime mozioni Renzi.

Ci dispiace, peraltro, della mancata elezione di Mirco Luzi, che lascia priva di consiglieri un’area di territorio assai importante; mancata elezione da ascriversi di certo a un difetto di visione complessiva della classe dirigente del partito.

Potremmo anche fermarci qui…

Però, anche facendo seguito ad altri nostri contributi al dibattito cogliamo l’occasione per rimarcare la nostra visione della politica e del partito perché, dalla lettura delle analisi che ci precedono, crediamo ce ne sia ulteriormente bisogno. Noi riteniamo superata, perché arretrata di una buona era geologica, la dialettica tra “ex” (ex democristiani, ex comunisti, ex Ds, ex popolari, ex margherita), così come quella tra “moderati” e “duri e puri”.

Tutta roba che è sparita, dal dibattito politico nazionale e del partito, con l’elezione di Matteo Renzi a segretario del Pd, in favore di una nuova sinistra che ascolta, si confronta, ma alla fine decide, si assume le proprie responsabilità e, finalmente, riforma!

La sinistra di cui l’attuale partito democratico è protagonista (Renzi ha eliminato la parola “centro” dall’endiadi centrosinsitra che invece altri continuano ad utilizzare) non è affatto “moderata”. E’ anzi deliberatamente e orgogliosamente una forza politica riformista, europea, che riforma il paese da una posizione bipolare.

Né possiamo permettere che personaggi protagonisti della opposizione al nuovo corso di Matteo Renzi, forse in cerca di un qualche più attuale “riposizionamento”, si permettano ora di interpretare, e addirittura di assumersi la “paternità” del nuovo corso nazionale del partito, che, oltre tutto, abbastanza clamorosamente fraintendono.

E allora noi diciamo chiaro e forte a ciascun cittadino della Tuscia, che l’esperienza, gli obiettivi, il sogno di futuro, incarnato dai comitati Renzi prima e dalle mozioni Renzi e Trani poi (confluiti per la stragrande parte in Piazza democratica), non hanno nulla a che vedere con gli “ex qualcosa”, ne tantomeno con moderati o duri e puri che dir si voglia.

Questo è il partito democratico che vogliamo, questo il percorso politico della segreteria nazionale, questo il punto d’arrivo che perseguiamo per la Tuscia, la terra dove viviamo.

Ché anche la Tuscia deve cambiare verso, ma cambiarlo davvero.

Coordinamento di Piazza democratica
Partito democratico


Condividi la notizia:
8 maggio, 2015

Elezioni provinciali 2015 ... Gli articoli

  1. "C'è da lavorare tantissimo"
  2. Bartolacci più che doppiato da Mazzola
  3. "La destra è viva e Fratelli d'Italia ne è la dimostrazione"
  4. “Non faccio parte di nessun partito"
  5. Stravince il centrosinistra, ma nel Pd i conti non tornano
  6. "Pd straordinario e la destra è morta"
  7. "E' una sfida che voglio vincere"
  8. "Michelini non si azzardi a prendersi meriti che non ha"
  9. "Sono felice del risultato della lista civica del sindaco Michelini"
  10. Micci: "Vigilerò affinché l'amministrazione Mazzola lavori bene"
  11. Fabbrini e Stelliferi: "Il centrosinistra allargato continua a dare ottimi risultati"
  12. Mazzoli: “Mazzola scelta vincente per il territorio”
  13. Calcagnini: "Guiderà al meglio la Provincia"
  14. "Siamo il secondo partito della Tuscia"
  15. Vincenzi (Pd): "Un amministratore serio e preparato"
  16. Entrano Palozzi, Cataldi, Treta, Tofani e Aquilani
  17. Mancini: “Un’importante vittoria per Mazzola e per tutto il Pd”
  18. €œLeodori: "Si apre oggi una nuova pagina istituzionale"
  19. Valentini: "Mazzola saprà interpretare al meglio il nuovo ruolo"
  20. Panunzi: "Governerà con piglio palazzo Gentili"
  21. Zingaretti: "Mazzola saprà ben guidare la provincia"
  22. Marietta Tidei: "Premiata la buona amministrazione"
  23. A Viterbo al Pd 14 voti, 8 al centrodestra e 9 alla civica
  24. Mazzola: "Vittoria di tutti", Bartolacci: "Risultato come da previsioni"
  25. Mazzola è il nuovo presidente
  26. E' il giorno del nuovo presidente
  27. Hanno votato in 627
  28. Superata quota cinquecento
  29. Tutti in fila per votare
  30. Mazzola contro Bartolacci, si vota
  31. Bartolacci: "Centrodestra unito", Mazzola: "Amministratori andate a votare"
  32. Pd - lista civica, è lotta all'ultimo voto
  33. "Elezioni provinciali, non parteciperemo al voto"
  34. "Chi non vota Bartolacci va cacciato"
  35. A Civita è guerra "provinciale"
  36. "Siamo quelli che faranno vincere Mazzola"
  37. "Dobbiamo arrivare al 70 per cento"
  38. FdI-An Bagnoregio non sosterrà "Centrodestra Unito"
  39. "Siamo il Pd, non ci mette paura nessuno..."
  40. Insogna e Moltoni a testa bassa contro il sindaco
  41. Zingaretti "benedice" Mazzola
  42. "Non siamo del Pd, ma ci mettiamo la faccia come dice Renzi..."
  43. Chiara Frontini: "Non parteciperemo al voto"
  44. Cinque liste, due presidenti e tanta confusione
  45. Sel dice no a Mazzola
  46. Equitani e Caci con Bartolacci
  47. "Il candidato è Mazzola e lo voteranno..."
  48. Lista civica, nel Pd è bagarre
  49. Mazzola rischia di fare la fine dell'amministrazione Michelini...
  50. Pd Orte: "L'epoca dei trasversalismi deve finire"
  51. L'Udc non presenta la lista
  52. Lista Partito democratico
  53. Lista Le ali della libertà
  54. Lista Moderati e riformisti - cambia la Tuscia
  55. Tofani e Treta per Mazzola, nel centrodestra Aquilani e Camilli
  56. Micci per Bartolacci, Giovanale e Baldoni per Mazzola
  57. Caci, Bambini e Cataldi per Bartolacci
  58. Nella lista Pd anche Cinzia Pistoni e Luisa Fortunati
  59. Anche Gloria Ceccarini in lista
  60. "Bartolacci rappresenterà tutto il centrodestra"
  61. "Lega federalista non parteciperà alle provinciali"
  62. Camilli candidato, nel centrodestra è caos
  63. "Mi candido, Bartolacci non rappresenta il centrodestra"
  64. Il Nuovo Centrodestra sta col centrodestra
  65. Angelelli, Palozzi e Cimarello candidati
  66. "Troppa strada deve fare Bartolacci per Palazzo Gentili"
  67. Fabbrini e Quintarelli nella lista Pd
  68. "Mazzola ostenta sicurezza per nascondere la debolezza"
  69. "Quella di Bartolacci è una candidatura di servizio"
  70. "Mazzola è una scelta di vecchia politica"
  71. "Bartolacci è la migliore possibilità per rilanciare la Provincia"
  72. Fabio Bartolacci sfida Mauro Mazzola
  73. Pd, Mazzola è il candidato presidente
  74. "Non sono disponibile a candidarmi"
  75. Camilli, Caci, Equitani, Scarnati e Allegrini...
  76. Pd unito su Mazzola, centrodestra ancora senza candidato presidente
  77. "Mazzola è il candidato giusto"
  78. Il Pd sceglie il suo candidato presidente
  79. "Sono pronto a candidarmi alla presidenza"
  80. "No a consultazioni stile vecchio Pc, i candidati si facciano avanti"
  81. Angelelli: Non mi candido
  82. Pressing di Fioroni su Gianluca Angelelli
  83. Centrodestra allo sbando, Meroi si defila
  84. Consultazione fra sindaci ed eletti per il presidente
  85. "Fioroni e Lorenzin si parlano, ma qui decidiamo noi..."
  86. "Io candidato? No grazie..."
  87. Il presidente Meroi si candida a presidente...
  88. "No a spartizioni, sul presidente scelta condivisa"
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR