--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Processo Asl - Appalti e tangenti - Il consigliere comunale Pd supertestimone contro l'ex direttore generale dell'azienda sanitaria

Quintarelli: “Fioroni mi volle alla segreteria di Aloisio”

di Stefania Moretti

Condividi la notizia:

Il maxiprocesso Asl

Il maxi processo Asl

Mario Quintarelli

Mario Quintarelli, testimone al processo Asl

Aloisio in procura

Giuseppe Maria Aloisio 

Ferdinando Selvaggini

Ferdinando Selvaggini 

Viterbo – Un’azienda sanitaria a conduzione di partito.

E’ il quadro che emerge sulla Asl di Viterbo dalle parole di Mario Quintarelli, ex segretario particolare dell’allora direttore generale Giuseppe Aloisio.

Fino al 2008 Quintarelli, attuale consigliere comunale Pd, è stato alle strette dipendenze dell’ex numero uno della Asl. A maggio di quell’anno, dopo le elezioni comunali, Quintarelli si vede sfrattare dalla segreteria del direttore generale. Almeno ufficiosamente.

“Non ho mai ricevuto un provvedimento formale di allontanamento – ha spiegato stamattina Quintarelli al processo all’ex dg e a un’altra ventina di imputati per  presunti appalti truccati -. Le direttive sembravano comunque precise: Aloisio non mi ha più guardato e aveva dato disposizioni che nessuno dovesse più parlarmi. Visto che non ero gradito, sono tornato a lavorare alla direzione sanitaria”.

Il pomo della discordia sarebbe politico: nel 2008 Quintarelli concorre alle comunali. Vengono eletti sia lui, sia la moglie di Aloisio, Piera Coscarelli. Con una differenza di voti che, per Quintarelli, determinò il suo isolamento. 

“Aver preso più voti della moglie di Aloisio è stata la mia disgrazia – ha dichiarato in aula -. Per farmi fare il suo segretario si era interessato l’onorevole Giuseppe Fioroni: stesso partito di Aloisio e mio, che all’epoca era la Margherita. A una riunione dopo le elezioni, Fioroni si lasciò andare a una battuta: ‘all’uccello ingordo gli è scoppiato il gozzo’… Alludeva a me. Invece di ringraziarmi per aver portato voti al partito…”.

La politica non sarebbe stata estranea neppure alle assunzioni del personale, stando all’impianto accusatorio. “Il direttore generale mi segnalò i nomi di alcune persone da far entrare in Ali”, continua Quintarelli. La Ali era l’agenzia interinale di Giovanni Luca Parroccini, imputato al processo e con un passato da consigliere comunale del Pd a Civita Castellana. Fu la Ali a fornire il personale alla Asl per gli sportelli polifunzionali. Da quanto dice Quintarelli, ad Aloisio bastava chiedere: “Non ho mai visto nominativi avanzati dall’ex direttore e respinti. Le richieste venivano da lui o dalla moglie. Ogni tanto mi diceva: ‘la Piera m’ha segnato ‘sta persona…'”. Si parla di una decina di nomi in tutto, tra cui il figlio di Quintarelli e la moglie di Angelo Allegrini, ex segretario del Partito democratico.

Per i pm Stefano D’Arma e Fabrizio Tucci, Aloisio usava le assunzioni di personale come serbatoio di voti. Tesi insussistente, per la difesa di Aloisio: prova ne sarebbe che la moglie dell’ex direttore che, in teoria, avrebbe dovuto beneficiare di quelle presunte assunzioni pilotate in termini di voti, ebbe addirittura consensi minori di Quintarelli, alle amministrative del 2008. 

Di assunzioni parla anche Massimo Ceccarelli, referente dell’azienda Telbios Spa. Per l’accusa, una delle grandi favorite nell’affidamento degli appalti, che prendeva il personale dalla Ali. “Ogni mese, mese e mezzo, ricevevo da Ferdinando Selvaggini in busta chiusa i nomi delle persone da assumere in Ali – dice Ceccarelli -. Dal 2007 al 2009 avrò ricevuto dalle sei alle nove buste”. Il referente di Ceccarelli era Selvaggini, ex responsabile del Ced della Asl, che secondo Ceccarelli aveva un filo diretto con la direzione generale.

Ceccarelli e Selvaggini vengono arrestati nell’estate 2009 con in mano una tangente da 15mila euro. “Dovevamo spartircela: io 5mila euro, Selvaggini 10mila”, racconta Ceccarelli in udienza. La mazzetta veniva dall’imprenditore Michele Di Mario che, in cambio, voleva il subappalto per la rete informatica della Asl. Anche Di Mario finì in manette. Sia lui che Ceccarelli hanno evitato il processo Asl solo grazie al patteggiamento, mentre Selvaggini è ancora tra i principali imputati.

Stefania Moretti


Condividi la notizia:
22 maggio, 2015

Inchiesta Asl - Aloisio & Co. ... Gli articoli

  1. Finisce nel nulla il maxiprocesso Asl
  2. Assoluzioni e prescrizioni per Aloisio e Leoncini
  3. Maxinchiesta Asl, è il giorno della sentenza
  4. "Non c'era un sistema Moscaroli, ma un sistema Selvaggini"
  5. "Il Gruppo RoRi va assolto, perché gli Angelucci sono innocenti"
  6. "Pacifica la gestione accentratrice e autoritaria di Aloisio"
  7. Tangenti in cambio di appalti, chiesta condanna a 60mila euro
  8. Maxiprocesso Asl, chiesti tre anni e mezzo per Aloisio
  9. Ferdinando Selvaggini fuori dal maxiprocesso Asl
  10. "Gianlorenzo favoriva o danneggiava 'su richiesta' il politico o il manager di turno..."
  11. "Se ti fai arrestare dalla polizia, non ti rivolgo più la parola..."
  12. Nel maxiprocesso Asl irrompono le carte della "macchina del fango"
  13. "Gianlorenzo mi chiamava spesso, gli posso aver detto bravo..."
  14. Maxiprocesso Asl, l'ex comandante dei carabinieri Dell'Agnello in aula
  15. Aloisio, tre assoluzioni e una pioggia di prescrizioni
  16. "Aloisio, non fu concussione"
  17. "Aloisio voleva salvare i posti di lavoro"
  18. Mauro Paoloni fuori dal maxiprocesso Asl
  19. "Una tangente per ogni lavoro affidato"
  20. Il maxiprocesso Asl perde pezzi
  21. "Mai chiesto nulla, mai terrorizzato nessuno"
  22. Aloisio interrogato per tre ore
  23. "Trentamila euro in tre anni al partito"
  24. "Bisogna sostenere il partito"
  25. La morte lenta del processo Asl
  26. Maxiprocesso Asl, a giugno parla Aloisio
  27. "Paoloni? Non sapevamo che era un pezzo grosso..."
  28. "La tessera della Margherita? Non ce l'avevo nemmeno io..."
  29. Paoloni interrogato in aula per tre ore
  30. "Direttore amministrativo? Solo con la tessera della Margherita..."
  31. "Soldi per il Pd, me li chiese Selvaggini"
  32. "Tangenti, tutti sapevano che ero ricattato"
  33. Asl, i pm: "Falsa testimonianza"
  34. Pagavano tangenti in ritardo... cacciati
  35. "Casa di cura di Nepi, 27 milioni di euro in quattro anni"
  36. "Aloisio ordinava e Selvaggini dava di matto"
  37. "Tangenti a metà con Selvaggini"
  38. "Con la tessera della Margherita farai carriera..."
  39. Aloisio e Paoloni, la difesa: "Nessun fatto concreto"
  40. "Vita impossibile a chi ostacolava Aloisio e Paoloni"
  41. "Quattro ore chiuso nel portabagagli per arrestarli..."
  42. "Con Aloisio? Non ci potevamo vedere"
  43. Scuola Aureart, raccolta firme per non farla chiudere
  44. Abbott e Cittadella, prime accuse in prescrizione
  45. Quel parere "anomalo" sull'Aureart...
  46. Trecentomila euro dalla Asl all'Aureart
  47. Maxiprocesso Asl, fuori l'associazione Caponnetto
  48. La difesa di Aloisio: Daga chi?
  49. Asl, una notifica ingolfa il processo
  50. Maxi processo Asl, giudici incompatibili
  51. Maxi processo Asl già bloccato in partenza
  52. Maxi inchiesta Asl, tutti rinviati a giudizio
  53. "Aloisio non ha preso un euro"
  54. Maxi inchiesta Asl, parola ancora alle difese
  55. Inchiesta Asl, l'indagato Bianchini parla in aula
  56. Asl, le difese: Dov'è la corruzione?
  57. Ventinove richieste di rinvio a giudizio
  58. Inchiesta Asl, riuniti i due filoni
  59. Inchiesta Asl, l'udienza salta per una consulenza
  60. Inchiesta Asl, valanga di eccezioni
  61. Maxi inchiesta Asl, se ne parla tra un mese
  62. Maxi inchiesta Asl, rinvio annunciato
  63. Maxi inchiesta Asl, slitta l'udienza
  64. Maxi inchiesta Asl, al via l'udienza preliminare
  65. Maxi consulenze Asl, danno da 6,5 milioni
  66. Maxi inchiesta Asl, tutti davanti al gup
  67. Inchiesta Asl, 23 richieste di rinvio a giudizio
  68. Sì all'immobile al posto dei conti
  69. Richieste di arresto, nessun ricorso in Cassazione
  70. "Ora si riconosca l'infondatezza delle accuse"
  71. Respinte le richieste di arresto per Aloisio & Co.
  72. Il Gruppo Ro.Ri. pagherà i lavoratori
  73. Gruppo Ro.Ri., stato d'agitazione e due ore di sciopero
  74. Richieste di arresto per Aloisio & co, i giudici si riservano
  75. Inchiesta Asl, oggi l'udienza per le richieste d'arresto
  76. "Dissequestrate i conti degli Angelucci"
  77. Oltre quattro ore di interrogatorio
  78. Aloisio di nuovo dai pm
  79. Carcere per Aloisio & co., a giorni la decisione
  80. Paoloni interrogato per oltre quattro ore
  81. Aloisio interrogato dai pm per sei ore
  82. Richieste di arresto per Aloisio & Co., se ne parla a maggio
  83. Centro diabetologico, disposto il sequestro
  84. Centro diabetologico, i giudici ci pensano
  85. Selvaggini cambia avvocato
  86. Centro diabetologico, la decisione è vicina
  87. Inchiesta Asl, Ceccarelli dai pm
  88. Anche Aloisio vuole essere ascoltato dai pm
  89. Paoloni chiede di essere interrogato
  90. Un immobile al posto dei conti
  91. "Ci sono stati contributi della Isa al Pd"
  92. "I bilanci del Pd controllati dai pm e regolari"
  93. Un'inchiesta pesante e complessa
  94. Inchiesta Asl, spuntano richieste di finanziamenti per Margherita/Pd
  95. Asl, chiuso il secondo filone d'indagine
  96. Gli Angelucci chiedono di pagare i fornitori
  97. Una truffa da oltre 20 milioni di euro
  98. "Il centro diabetologico garantisce il servizio"
  99. Chiesto il sequestro del centro diabetologico
  100. Appalti in cambio di consenso politico
  101. "Chiederemo di essere interrogati"
  102. Asl, 19 gli indagati
  103. Chiusa l'inchiesta Asl
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR